martedì 15 marzo 2016

L'emigrazione baucana

"Dati non disponibili". Questa è la risposta che il Ministero degli Esteri e quello degli Interni forniscono a chi cerca di descrivere la nuova emigrazione italiana. Figli di una società globale e liquida, in fuga da un Paese che gli offre poche opportunità. E' la nuova emigrazione italiana, quella figlia della globalizzazione e della crisi economica, quella globalizzazione dove i piccoli centri si svuotano sempre di più, con risorse e capitali che migrano altrove. Così, dopo una crisi lunga ben sette anni, sembra essere così anche per Boville Ernica. Da noi non emigrano soltanto i cosiddetti "cervelli in fuga" ma tanti operai specializzati che vanno via per guadagnarsi la pagnotta. 

Sarà che adesso non abbiamo più voglia di immaginare o di scommettere, sarà che nel cielo vediamo soltanto stelle cadenti. Sarà che li abbiamo visti andare via, trascorrere l'ultima serata con gli amici al bar, davanti ad una birra ed ad un caffè che non avrà più lo stesso sapore. E la mattina dopo infilare la strada dell'aeroporto dopo aver salutato con un abbraccio gli affetti più cari. Nella valigia ci sono tanti, troppi sentimenti, troppi per essere descritti con precisione. C'è la speranza di un futuro migliore, la rabbia per un presente che non è all'altezza delle aspettative, il senso di avventura e la paura dell'ignoto. E' cosi, è sempre stato così.A Boville, siamo sempre stati legati in maniera viscerale alla nostra terra. 


Non ce la passavamo bene, certo, ma alla fine dell'Ottocento non abbiamo avuto la diaspora di borghi come Casalattico dove più della metà del paese si trasferì in Irlanda. E non abbiamo conosciuto nemmeno l'emigrazione di massa verso il Canada dei verolani, nel Secondo Dopoguerra, tanto per citare qualcosa a noi più vicino. Credevamo che quella pagina della storia fosse alle nostre spalle, ormai contenti di poter ospitare, magari durante la festa di San Rocco, amici e parenti che avevano lasciato Boville e rassicurarli con fuochi d'artificio e cantanti all'ultimo grido che anche noi ce l'avevamo fatta, che a Boville si viveva bene. Molto bene. Ora, la cronaca ci dice che questo borgo di novemila anime, terra della piccola imprenditorialità che significava benessere economico per la famiglia e la bella auto al figlio per il giorno dei diciotto anni, è tornata ad essere terra di emigrazione. Si va a trovare i parenti e guardarsi attorno, si va per quell'offerta di lavoro trovata via internet, qualcuno chiede qualche dritta agli amici, si va perchè stufi di come vanno le cose in Italia. Le mete sono sempre le stesse : dal Regno Unito al Canada, fino agli Stati Uniti ed all'Australia, terra che inizia a riscontrare sempre più le preferenze della nostra comunità. Molti torneranno, qualcuno troverà altrove la sua strada.


Tanto per non dimenticare di essere a pochi chilometri dal confine con il Mezzogiorno, tanto per non dimenticare di essere orgogliosamente baucani.


Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.