lunedì 27 aprile 2009

Abusi sulla figlia, arrestato un albanese di quaranta anni


Un albanese e' stato arrestato dagli agenti della questura di Frosinone che lo hanno bloccato mentre stava abusando della figlia. Gli agenti della squadra mobile hanno sorpreso l'albanese, 40 anni, in un appartamento della contrada di Santa Liberata, a Boville Ernica (Frosinone). Da tempo, su segnalazione di un conoscente dell'uomo, tenevano sotto controllo l'albanese e l'appartamento dove si consumavano gli abusi. Circa una ventina di giorni infatti sono stati necessari agli uomini delle Forze dell'Ordine per controllare le attività e verificare l'abuso. L'operazione è scattata nella serata di sabato mentre la piccola di tredici anni è stata affidata ai servizi sociali del comune di Boville Ernica. Nei prossimi giorni si terra' l'udienza di convalida del fermo dell'uomo.

Serie D : Raso, Perrotti e Migliorelli servono il poker all'Astrea


E' una doppietta di Mario Raso a regalare al Boville il successo contro i ministeriali dell'Astrea nel match disputato ieri pomeriggio al Montorli. I ciociari di mister Fabrizio Perrotti infatti servono un poker all'undici di Cacciatori anche se la gara e' stata praticamente senza storia grazie alle tre reti messe a segno dai padroni di casa nel primo quarto d'ora. I rossoblu infatti passavano in vantaggio dopo sette minuti con Raso che in piena area arpionava un cross dalla corsia di sinistra e dopo aver rubato il tempo ad un difensore avversario batteva Capriotti sul suo palo. I rossoblu affondavano il piede sull'accelleratore ed al quattordicesimo era Mattia Perrotti, in gol anche contro il Guidonia sette giorni fa, a mettere il suo sigillo sfruttando un errore in fase di disimpegno della retroguardia biancorossa. Due minuti più tardi poi era Mario Raso a firmare la sua personalissima doppietta infilando ancora Capriotti sul suo palo dopo aver preso l'ascensore su un calcio di punizione da posizione defilata battuto da Alessio Carlini. Quattro minuti più tardi arrivava la replica della formazione di mister Cacciatori che sfruttava al meglio un errore della difesa ciociara con Di Girolamo che scaricava un pallone su De Angelis, il rinvio del portiere di scuola biancoceleste era impreciso e sugli sviluppi dell'azione il direttore di gara accordava un calcio di punizione all'Astrea. Sul pallone andava Obodo che sorprendeva il portiere rossoblu ed accorciava le distanze. Sul capovolgimento di fronte però era ancora il Boville a rendersi pericoloso con un ispiratissimo Alessio Carlini che stampava sulla parte alta della traversa un calcio piazzato dal limite. Al venticinquesimo ancora Astrea pericolosa in avanti con il nuovo entrato Roversi che veniva fermato in buona posizione dall'arbitro per un sospetto fuorigioco. Al quarantesimo era ancora uno scatenato Carlini ad andare via sulla corsia destra e dopo aver saltato, palla al piede, un paio di difensori si accentrava e lasciava partire un sinistro velenoso sul quale Capriotti faceva buona guardia. Nella ripresa i romani si ripresentavano in campo più determinati e convinti ma al minuto numero otto era ancora lo specialista Carlini a rendersi pericoloso su calcio piazzato ma Caprotti era attento e bloccava in presa mentre al quattordicesimo era Fatello a togliere le castagne dal fuoco anticipando ancora Carlini su invitò di Raso. A servire il poker, alla mezz'ora della ripresa, ci pensava il nuovo entrato Migliorelli che sfruttava le praterie lasciate libere dalla retroguardia romana e batteva ancora Caprotti con un diagonale, complice anche la sfera bagnata per via della pioggia.

La maggioranza Fabrizi approva il bilancio. Arriva Idea, pacchetto di sgravi sulla Tarsu


Confermate le aliquote relative all’Ici ed alla Tarsu, l’amministrazione Fabrizi, nel consiglio di giovedi sera, ha approvato il bilancio di previsione per l’anno in corso. Quasi cinque ore per una seduta in cui Fabrizi e compagni hanno tracciato un primo bilancio dopo un anno dall’insediamento anticipando le linee programmatiche per il futuro prossimo. Deluso chi si aspettava una riduzione della pressione fiscale dopo gli aumenti dello scorso anno anche se l’elenco delle opere pubbliche e dei finanziamenti in arrivo dalla Pisana darà certamente un impulso ad una serie di servizi tra cui la manutenzione delle strade, gli impianti sportivi e la valorizzazione del centro storico. Ad aprire i lavori dell’assise presieduta da Nicola Milani è stato l’ex sindaco Michele Rotondi che, dopo i fatti di cronaca degli ultimi giorni, ha chiesto all’amministrazione comunale di intervenire chiedendo maggiori controlli sul territorio. Poi si è passati alla discussione relativa alla determinazione delle tariffe dell ‘Ici sui terreni edificabili con una serie di esenzioni che andranno a semplificare il tanto discusso recupero dell’imposta mentre sulla conferma dell’aliquota Irpef al livello dell’anno passato, tra maggioranza ed opposizione, è stata battaglia a tutto campo. “Il taglio dei trasferimenti da parte del Governo pone le amministrazione davanti ad un bivio e le strade percorribili sono quella di tagliare le spese e di conseguenza i servizi oppure aumentare la pressione fiscale” ha commentato l’assessore Astolfi in apertura del suo intervento. A contestare invece i numeri dell’assessore al bilancio di ha pensato Marta Diana che ha ricoperto lo stesso incarico nella precedente giunta Rotondi. “Mi sembra tanto un cane che si morde la coda, è un momento difficile per il paese ed un amministrazione attenta poteva lavorare di più sulla qualificazione e la riduzione della spesa. Quanto ai tagli poi mi sembrano che non ci siano stati affatto e lo stesso sindaco Fabrizi, lo scorso anno ci aveva rassicurato che avrebbe lavorato per abbassare le aliquote dopo gli aumenti dello scorso anno”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Michele Rotondi che invece ha puntato il dito sui maggiori introiti derivanti dall’addizionale Irpef “soldi che potevano essere spesi meglio magari evitando il ricorso praticamente sistematico alle trattative private”. Dai banchi della maggioranza però non si è fatta attendere nemmeno la replica dell’assessore Astolfi che invece ha sottolineato “la necessità di far fronte ai duecentoventi mila euro di debiti fuori bilancio che ci siamo ritrovati quando ci siamo insediati. Inoltre, a causa della crisi economica, ci sarà una flessione anche delle entrate dell’Irpef”. Novità importanti invece si avranno nel settore dell’ambiente; della differenziata tanto sbandierata in campagna elettorale nemmeno l’ombra ma è stato lo stesso Astolfi a presentare Idea, un pacchetto di agevolazioni alle famiglie ed alle imprese che introduce esenzioni, tra le altre, per le attività artigianali e le imprese di nuova costituzione. A relazionare invece sullo schema triennale delle opere pubbliche è stato il sindaco Piero Fabrizi che ha illustrato il lavoro fatto in questi dodici mesi “sui progetti e sulle opere. Credo che non sia giusto sconvolgere i progetti delle vecchie amministrazioni ma considerando anche il momento economico sia il caso di puntare su progetti piccoli ed utili”. Nelle battute finali invece la maggioranza ha dato il via libera ad documento di programmazione economica, “il primo vero bilancio della nostra amministrazione – ha esordito ancora Astolfi nella sua relazione – l’ammontare complessivo è di poco superiore agli otto milioni di euro ma rimane uno squilibrio rispetto ai trasferimenti che dobbiamo ancora ricevere da altri enti, squilibri ai quali stiamo ponendo rimedio con le anticipazioni di cassa”. Bilancio ovviamente bocciato dalla minoranza con Rotondi che ha chiesto di andare a riconsiderare le entrate previste dagli oneri di urbanizzazione che saranno sicuramente maggiori in seguito al piano casa del Governo Berlusconi. A chiedere invece più fondi per i servizi sociali, rispetto a quelli messi in bilancio dagli attuali inquilini di Palazzo Simoncelli, è stata ancora Marta Diana. "In cinque anni noi non abbiamo mai richiesto le anticipazioni di cassa, da quando è cambiato il colore politico dell'amministrazione è venuta meno anche la programmazione. La cultura è un aspetto importante dell'attività anche nei piccoli centri ma forse era il caso di andare a tagliare qualche cosa per destinarla ai servizi sociali perchè la crisi mondiale coinvolge anche un settore trainante come l'edilizia ma evidentemente si è preferito mettere soltanto assieme dei numeri, dimenticando quelli che sono i veri bisogni dei nostri cittadini". In chiusura poi, prima della solidarietà che il sindaco Fabrizi ha esperesso ai terremotati dell’Abruzzo, il consiglio ha dato il via libera all’adesione da parte di Boville al network dei Borghi più belli d’Italia, un operazione che, al pari dell'adesione alla rete delle Città dell'Olio, darà sicuramente visibilità al patrimonio artistico del paese. Nella foto, il sindaco Piero Fabrizi con il prof. Bussagli in occasione di un convegno su Giotto.

sabato 25 aprile 2009

Ondata di furti, adesso Napoli è più vicina di Roma


Mentre Wall Street riscopre il clima di eccitazione come ai tempi della New Economy con Oracle del magnate Larry Ellison che conquista Sun Microsystem, Boville Ernica si scopre nuda e soprattutto impreparata ad affrontare la nuova emergenza criminalita. Se dall'altra parte dell'Atlantico, epicentro della crisi dei derivati si riscopre l'istinto animale del capitalismo, nella tranquilla cittadina ciociara il sentimento dominante e' la paura. Ancora un furto in una villetta della Rotabile nella notte tra venerdì e sabato, sull'onda lunga dell'ondata di colpi messi a segno negli ultimi due anni. Poi una faida tra bande rivali di extracomunitari, andata in scena nelle campagne di Veroli ma che ha visto protagonisti alcuni stranieri di
stanza a Boville. Sullo sfondo, pare, ci fosse il controllo del racket della prostituzione. L'attentato, il gesto intimidatorio messo a segno di una nota attivita di pompe funebri, non e' che il gran finale di un film gia visto. L'epilogo di una storia che non potremmo definire altrimenti che triste, è stato il colpo messo a segno nel primo pomeriggio di giovedi nella filiale della Banca Intesa Sanpaolo di Corso Umberto: a prendere di mira l'istituo di credito sono stati due banditi, che entrati con il volto travisato e si sono fatti consegnare il bottino di quattromila e quattrocento euro minacciando i dipendenti con un taglierino. Poi sono fuggiti a bordo di una moto di grossa cilindrata, dileguandosi nelle campagne di Ceccano dove la moto, risultata rubata a Roma, è stata rinvenuta poco dopo. Prima nella vita di tutti i giorni, poi nelle fiction televisive. Di solito, a fare da cornice ci sono i quartieri più degradati del napoletano, ora la fin troppo assopita campagna di Boville Ernica. La criminalita in provincia sta diventando un fenomeno
che continua ad espandersi a macchia d'olio come sottolineato dal compianto mons. Boccaccio prima e dalle Forze dell'Ordine dopo. Le aziende soffrono, le fabbriche chiudono, la politica sembra incapace di dare risposte in tema sicurezza e Boville, come tutta la Ciociaria del resto, sembra essere diventata terra di conquista per i clan del napoletano e del casertano. Talvolta sotto le mentite spoglie di attivita commerciali, altre con il volto, sicuramente più sincero e per questo ancora più tetro, del pizzo, della "tassa" per la protezione, della tangente ai malavitosi. Troveremo, dopo la Lega Ernica di millenni or sono, il coraggio di ribellarci a questo status quo? Intanto, Napoli ci sembra pericolosamente più vicina rispetto a Roma.

venerdì 17 aprile 2009

D'Alema, Mc Donalds ed il panino Ciociaro

Mentre la Lega Nord di Bossi progetta l'attraversamento del Rubicone e tiene in scacco il governo di Silvio Berlusconi l'Italia si interroga sulla polemica innescata da Michele Santoro con il suo programma Annozero. E sul panino ciociaro, nuova trovata del marketing di Mc Donalds. Siamo ormai abituati a campagne pubblicitarie che per bucare lo schermo sfruttano dei luoghi comuni o dei modi di dire; sono spesso simpatiche ed ottengono l’effetto voluto: coinvolgere il telespettatore collegando un dato prodotto agli usi e costumi del territorio. McDonald’s, essendo un’azienda all’avanguardia, si è spinta oltre e nel lanciare il suo nuovo prodotto. Un po' troppo oltre: tanto da far arrabbiare i cuochi e gli enogastronomi della provincia di Frosinone. Che han preso carta e penna. "Hanno cavalcato il luogo comune del ciociaro burino e cafone in modo gratuito e scollegato dal prodotto, dato che gli ingredienti del panino – racconta il comitato ciociaro che si è ribellato a Mc Donalds - il panino ciociaro è un panfocaccia al rosmarino con cotoletta di pollo condita con una fetta di insalata e un formaggio cremoso al bacon che nulla ha a che vedere con la Ciociaria". Una protesta, insomma, sacrosanta nel merito. Eppure qualche riflessione ci pare d'obbligo. Da qualche anno la Ciociaria è vittima dell'ironia della grande stampa e della politica italiana. Correvano i tempi della Bicamerale ed il lider maximo definì la bozza della riforma costituzionale "un semipresidenzialismo alla ciociara". Segno evidente di disprezzo verso la nostra terra che nonostante abbia dato i natali a Caio Mario, uno che democratico prima e leader poi lo era veramente. Al contrario di D'Alema. Poi è stato il turno di uno spot di una nota compagnia telefonica nazionale con la Loren e Christian De Sica nei panni dei protagonisti. Ancora una presa in giro per la Ciociaria e da Frosinone, come sempre, giù cori di protesta.
Fatta questa premessa, forse dovremmo fare anche una riflessione. Non sarà che negli anni abbiamo sviluppato un certo complesso d'inferiorità nei confronti di chi offende la nostra terra? E soprattutto, invece di fare la parte degli offesi, perchè i ciociari continuano a votare D'Alema? E soprattutto, perchè i rappresentanti della nostra terra, quelli che votiamo e paghiamo, non si prendono la briga di rispondere per le rime a chi ci deride? In fondo, D'Alema viene dalla Puglia. Una terra che notoriamente non è conosciuta soltanto per i trulli ed il primitivo di Manduria. Ma anche per la vicinanza alle coste dell'Albania e l'insediamento della Sacra Corona Unita, un organizzazione che non ha proprio l'aplomb di Sua Maestra britannica. Insomma, ci dipingono come burini. E non lo siamo affatto. Ma un pochino coglioni, beh, quello purtroppo si.

mercoledì 15 aprile 2009

Terremoto in Abruzzo, il papà di Nicola Bianchi chiede chiarimenti


«Erano mesi che le scosse si ripetevano, perché nessuno ha fatto niente, perché nessuna autorità è intervenuta?». Sergio Bianchi continua a ripeterlo, non si da pace il padre del giovane Nicola, lo studente di Monte San Giovanni Campano morto tragicamente sotto le macerie del terremoto dell'Aquila. «Vogliamo avere delle risposte dallo Stato, risposte che io come padre voglio avere non solo per me e per la mia famiglia, ma perché lo devo a mio figlio».
«Credo che ci siano delle responsabilità. Tante responsabilità. Il Comune dell’Aquila che non ha avvertito nessuno dei rischi che si correvano, ma anche l'Università e il Rettore, perché non è stato dato nessun allarme, perché nessuno si è preoccupato per questi ragazzi? Sono tante le risposte che i genitori che come me hanno perso un figlio hanno diritto di avere. Noi abbiamo investito tutto sui nostri figli, ma lo stato doveva proteggerli».
Sergio Bianchi, che nella vita è un operatore del 118 di Frosinone, ha intenzione di andare fino in fondo: «Sento che dobbiamo fare qualcosa, ancora non ho preso contatti con i genitori delle altre vittime, ma spero che si possa formare un comitato delle famiglie delle vittime per lottare tutti insieme».
Le immagini della tragedia sono ancora stampate negli occhi della famiglia Bianchi. I lunghi giorni passati in attesa di notizie davanti a quello che restava del palazzo al mumero 11 di via Gabriele D’Annunzio. Giorni in cui si sperava ancora in un miracolo. Poi la tragica notizia. «Il palazzo di mio figlio è crollato totalmente», racconta signora Marinella, mamma di Nicola. «Quattro piani accartocciati uno sull'altro, quel palazzo è uno dei pochi di quella strada che è totalmente crollato, perché? Nicola aveva scelto la sua strada, per ogni mamma un figlio è meraviglioso e Nicola nel suo piccolo era riuscito a farsi volere bene da tutti».
«Mio figlio merita delle risposte - insiste Sergio Bianchi - ed io andrò avanti per averle. Nel centro storico dell’Aquila vivevano molti universitari, sono morti troppi giovani, oltre alle tante famiglie abruzzesi lo stato deve pensare anche a noi. Sono andato all'Aquila per riportare a casa mio figlio morto e qualcuno dovrà spiegarmi di chi sono le responsabilità. Ho inviato una lettera aperta - continua Sergio Bianchi - indirizzata alle cariche più alte dello Stato, al Presidente della Repubblica Italiana, al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a Bertolaso. Voglio delle risposte. A casa di mio figlio quella sera erano in cinque, e tre purtroppo non ce l'hanno fatta; mi sento di parlare a nome di tutti quei ragazzi che sono morti. All'Aquila studiavano oltre ventisettemila studenti, le case erano sicure? Qualcuno le aveva controllate? Io non mi fermerò, io e la mia famiglia andremo avanti alla ricerca della verità».

Serie D, il Boville Ernica crede ancora nei play off


Dopo un turno di stop coinciso con le vacanze pasquali domenica torna in campo regolarmente il campionato nazionale di serie D, girone G dove sono impegnate le tre squadre ciociare di Boville, Morolo Ferentino. Le gare inizieranno alle ore 15 e saranno valide per la tredicesima giornata di ritorno del campionato. L’unica certezza è la retrocessione in Eccellenza del Calangianus. Il Boville può ancora accedere ai playoff, anche se il distacco dalla quinta posizione, l’ultima utile per entrare negli spareggi è distanze sei punti. La squadra di mister Fabrizio Perrotti però ci crede. Dopo un avvio disastroso infatti il Boville ha inanellato una serie di risultati utili consecutivi che l’hanno fatta essere la squadra del momento. «Sei punti sono tanti, ma ci proveremo fino alla fine. I playoff sono un nostro obiettivo» dichiarano da Boville. Il Morolo di mister Romolo Santolamazza è in piena zona playout ma a sole tre lunghezze dalla salvezza. Domenica al Nando Marocco riceverà il retrocesso Calangianus. Poi nell’ordine trasferta a Tavolara, scontro diretto con il Civitavecchia, ancora in casa con il Monterotondo ed altro scontro-salvezza finale a Frascati. Domenica contro il Calangianus Santolamazza avrà tutta la rosa a sua disposizione. Sarà fondamentale tenere i nervi saldi ed evitare squalifiche negli scontri diretti. A Morolo si crede nella salvezza. Messo peggio il Ferentino di mister Gino Castiello attualmente penultimo ed in zona retrocessione, ma a sole cinque lunghezze dalla salvezza ancora possibile. Domenica subito scontro diretto a Castelsardo, poi gara casalinga contro la Villacidrese, trasferta sul campo del Cyhntia da vincere a tutti i costi, scontro diretto casalingo con il Frascati ed ultima gara a Calangianus. Al Ferentino servono dieci punti per salvarsi.

lunedì 13 aprile 2009

Pasqua con Giotto, ecco le immagini





Doveva essere una Pasqua con Giotto all'insegna del "low profile" e della sobrietà. Questo dopo il terremoto che ha colpito le popolazioni dell'Abruzzo. Ed in parte lo è stata. Per questo, vi risparmiamo le immagini della rimpatria del Partito Democratico in un noto locale del centro storico con tanto di calici levati al cielo. C'erano tutti, da Francesco De Angelis, con tanto di auto blu al seguito perchè non guida come tutti i comuni mortali, al fido scudiero Buschini. Istantanee che assimigliano tanto a quel famoso dipinto di Leonardo da Vinci custodito a Milano.

giovedì 9 aprile 2009

Pasqua con Giotto, raccolta fondi pro Abruzzo


l sindaco Piero Fabrizi, a nome dell’intera Amministrazione Comunale e d’intesa con la Pro Loco di Boville Ernica, esprime solidarietà nei confronti della popolazione abruzzese colpita dai gravissimi eventi sismici.
Dopo ampia riflessione da parte di tutti i componenti dell’Amministrazione Comunale si è deciso di mantenere inalterato il programma della VI° edizione della “PASQUA CON GIOTTO” del 12 e 13 Aprile 2009, che diventerà occasione per raccogliere fondi da destinare agli sfortunati amici abruzzesi. “PASQUA CON GIOTTO” sarà, quindi, un momento di solidarietà verso le popolazioni colpite dal dramma ed un modo per esprimere un profondo sentimento di commozione e di empatia per i cittadini abruzzesi.
Il Sindaco, dott. Piero Fabrizi

Nicola Bianchi, il cordoglio della città di Monte San Giovanni Campano


Da via Gabriele D'Annunzio de L'Aquila purtroppo è giunta la ferale notizia del decesso di Nicola Bianchi. Colli, piccola frazione di Monte San Giovanni Campano, e tutto il Comune sono caduti nella disperazione più completa. Le speranze erano ridotte al lumicino ma nessuno, giustamente, voleva accettare quella che poi sarebbe stata la triste realtà. Tutta la comunità monticiana si è stretta intorno al feretro, che è stato collocato nella Sala Consiliare del Comune, per volere degli stessi genitori, volontà prontamente assecondata dal Sindaco avvocato Antonio Cinelli: «Purtroppo – dichiara il Sindaco - le parole non bastano per esprimere sentimenti idonei a tali tragedie. In qualità di Primo Cittadino ho subito assecondato le richieste della famiglia Bianchi di mettere a disposizione i locali del Comune. Questa scelta ha permesso a tutti i concittadini di stringersi attorno al dolore della famiglia, manifestando la loro solidarietà e il cordoglio. Moltissime le persone affluite in tutta la giornata, proprio a dimostrare quanto, tale vicenda, abbia scosso profondamente gli animi e le coscienze di tutta la comunità. Nicola era uno dei tanti ragazzi che ha scelto L'Aquila come sede universitaria, e molti, più fortunati di lui, che nella tragica notte di domenica che si trovavano ancora li, conservano ancora i segni della paura. Io stesso ho avuto modo di parlare con molti giovani che sono ancora scossi da tale fatto e bisognosi di essere confortati e incoraggiati. Monte San Giovanni Campano si è subito stretta, idealmente e realmente, vicino alla popolazione abruzzese attraverso la protezione civile (Civilmonte) e la Misericordie che già da lunedì mattina si sono recati sul posto collaborando sia agli scavi sia alla sistemazione del campo base e adoperandosi, naturalmente, per il conforto di familiari e ragazzi».Ni

martedì 7 aprile 2009

Crollo della casa dello studente, cinque studenti ciociari tra i dispersi


Sono 60 le persone che sono state estratte vive dalle macerie degli edifici crollati a l'Aquila e in provincia a causa del terremoto della scorsa notte. I dati, dei vigili del fuoco, sono stati resi noti al centro di coordinamento dei soccorsi allestito nella scuola della guardia di finanza. Tra i dispersi anche cinque studenti ciociari. Si tratta di studenti residenti ad Arpino, tre a Sora ed un a Monte San Giovanni Campano, tutti domiciliati nella case dello studente a L'Aquila. Tra loro anche il figlio di un operatore del 118. "Da questa notte - hanno raccontato i colleghi del dipendente dell'Agenzia regionale emergenza sanitaria - il padre non riesce a contattarlo. E' partito all'alba ed ora è tra le macerie in cerca del figlio". Gli ospedali del frusinate si stanno attrezzando per ospitare i feriti. In particolare il nosocomio di Frosinone è stato allertato per accogliere i neonati, soprattutto prematuri, in arrivo dagli ospedali abruzzesi colpiti dal sisma.

Monsignor Vincenzo Paglia esprime solidarietà per le vittime del terremoto in Abruzzo


Cordoglio per le vittime e solidarieta' per le famiglie. E' quanto esprime, all'indomani del sisma in Abruzzo, il vescovo di Terni monsignor Vincenzo Paglia in un messaggio inviato al vescovo de L'Aquila monsignor Giuseppe Molinari. "Ci sentiamo insieme a tutta la popolazione che sta vivendo un vero momento di passione - scrive il presule - in questi giorni vorrei che nelle nostre parrocchie elevassimo al Signore la nostra preghiera per le vittime e per tutte le famiglie colpite dal sisma". Nel ricordare il periodo pasquale, auspicando che "dall'impegno di tanti che guardano con amore questa terra drammaticamente colpita, possa venire presto la resurrezione", monsignor Paglia afferma: "Vorremmo fin da ora offrire un aiuto per alleviare il piu' possibile le sofferenze". Allo scopo la Caritas diocesana si e' gia' attivata prospettando di dare accoglienza dei familiari dei feriti provenienti dalle zone terremotate e ricoverati presso l'Ospedale di Terni, fornendo vitto, alloggio e soprattutto conforto ed attenzione. La disponibilita' e' di circa 70 posti letto oltre ai pasti nella Casa per ferie San Gabriele nei pressi dell'ospedale e a Villa Spirito Santo

Pasqua con Giotto, ecco il programma


Presentata sabato scorso, all’interno della sala consiliare di Boville Ernica, la sesta edizione della manifestazione “Pasqua con Giotto” in programma il 12 e il 13 aprile nella città ernica. Alla conferenza stampa di presentazione dell’evento sono intervenuti Angelo Sordilli, Daniele Paluzzi, Anna Iaboni e il presidente della Pro Loco, Patrizia Rotondi. Un mix di eventi culturali, musicali, gastronomici e straordinari, come quello dell’apertura del castello Filonardi, attuale sede delle Monache di Clausura. Si comincia domenica con la musica itinerante per le vie del centro storico a cura della Banda ”Aurora”, diretta dai maestri Franco Paluzzi e Giovanni Colasanti. La banda Aurora, un pezzo di storia di Boville Ernica, rappresentante una realtà esistente e funzionante dagli anni ’70 del 1800 animerà la cittadina ernica dalle ore 9.30. Alle ore 10.00 l’apertura del mercatino di artigianato artistico e stand di prodotti locali. Presso il chiostro del palazzo comunale retrospettiva fotografica a cura del circolo fotografico “A. Cippitelli” . Dalle 15.30 alle 18.00 in centro visite guidate gratuite con l’ausilio di guide turistiche specializzate del centro guide Cicerone. Si partirà dal punto di accoglienza turisti in piazza Sant’Angelo. Dalle ore 15.30 alle 17.30 apertura straordinaria del Castello Filonardi mentre alle ore 16.00 in piazza Sant’Angelo concerto di musica jazz della Triviani’s Family Swing Band; ore 17.00 piazza San Pietro concerto di musica jazz di Stefano Macera Trio Jazz band.
Ricco anche il programma del giorno di Pasquetta. Dalle ore 9,30 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 17.30 prosegue l'apertura straordinaria del Castello Filonardi. Alle ore 10 nel centro storico l’apertura mercatino prodotti tipici locali. Estemporanea di pittura con i pittori provenienti da Vicchio (FI) paese natio di Giotto. Dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00 spettacoli d’arte varia, animazione, teatro di strada, concerti e tanto altro ancora. Vedremo scendere in pista Antonio Tremani numerazzo del coach, da uno a cinque palloni da calcio! Per questo artista due mani non bastano. E ancora Compagnia Baraccano del grande circo di Marano vi sorprenderanno con mille diavolerie. Creativendoleria la fantasia messa in scena...i bambini ne saranno ammaliati in un vero incantesimo. Pasqualotta alias Milena Frantellizzi come riuscire a farsi amare da tutti gli uomini. Ecco il segreto anche a Pasqua.
Honk la tecnica circense legata al divertimento da strada..un purpurrì di risate magiche. Tornato Jazz Band una delle migliori street band d’Italia ..tutta l’allegria della musica nei vicoli del paese. Smile Carucci alta giocoleria nella migliore tradizione del teatro di strada. Pigna e Colada tutta l’allegria della fotografia ..se volete divertirvi metteteci la faccia sorridete e…; Pentafonia Sax Quintet musica itinerante per le vie del centro e molti altri artisti.
Ma non finisce qui. Dalle ore 18 in località Madonna del Latte sagra della pizza fritta a cura del comitato festeggiamenti e delle signore della contrada.

lunedì 6 aprile 2009

Terremoto in Abbruzzo, volontari in arrivo dalla provincia di Frosinone. Tra i dispersi anche una studentessa ciociara


Mentre i Vigili del Fuoco della provincia di Frosinone stanno facendo numerose verifiche su alcuni immobili della Ciociaria per verificare eventuali danni dopo il terremoto in Abbruzzo, cresce il numero delle vittime. Il bilancio è ancora provvisorio, diverse persone sono state rinvenute vive tra le macerie; con certezza però si sa che le persone che hanno perso la vita sono oltre cento. Si teme anche per le sorti di una studentessa della provincia di Frosinone che si trovavava all'Aquila nella notte dove la scossa tellurica di magnitudo 5.6 della scala Richter. Numerosi anche i volontari che sono arrivati in Abbruzzo dai paesi e dalla città vicine della Ciociaria.

Terremoto in Abruzzo, danni anche in Ciociaria


Mentre rischia di aggravarsi il bilancio del terremoto che nella notte appena trascorsa ha colpito l'Abruzzo, si registrano significativi danni anche in altre regioni del centro Italia. La scossa, che ha avuto epicentro a quasi nove chilometri sottoterra, è stata infatti avvertita in tutta la provincia di Frosinone ed a Sora è stata evacuata una palazzina per ragioni di sicurezza. Mentre prosegue lo sciame sismico e continuano i soccorsi, il bilancio ufficiale, destinato purtroppo a salire, è di ventisette vittime. Molti gli studenti ciociari che frequentano corsi all'Università dell'Aquila; comprensibile quindi l'apprensione per quella che è il peggior terremoto dopo quello che colpi l'Umbria poco più di dieci anni fa.

domenica 5 aprile 2009

Doppietta di Migliorelli, Boville batte Monterotondo


Vittoria importante per il Boville di mister Fabrizio Perrotti che, sul sintetico del Montorli, batte il Monterotondo e fa un passi avanti decisivo verso la conquista dell'obiettivo salvezza. Partita ben giocata da entrambe le squadre con gli ospiti più propositivi nella manovra ed un Boville più incisivo in zona gol anche grazie ad una splendida doppietta del mancino Migliorelli.
Al terzo minuto erano proprio i ragazzi di mister Fraterna ad affacciarsi in area ciociara con Gatta che impegnava De Angelis in una parata a terra mentre al quarto d'ora era Morici ad involarsi sulla corsia di destra ed a scodellare un pallone in mezzo per Flavi ma la sua incornata era imprecisa e si spegneva sul fondo. Il primo sussulto dei padroni di casa arrivava tre al minuto numero diciassette con Alessio Carlini che, partito in posizione defilata, si liberava di un difensore avversario e lasciava partire un sinistro potente che non riusciva ad inquadrare il bersaglio. Ma era gloria effimera perchè il Boville faticava ad entrare in partita ed il Monterotondo, al minuto numero ventitre passava in vantaggio : palla in verticale di Morelli che vedeva il movimento di Merlonghi e lo serviva e per l'esterno gialloblu mettere la palla in rete dopo aver superato De Angelis in uscita era una semplice formalità. Due minuti più tardi però, nel momento migliore della squadra di mister Fraterna, arriva il pareggio del Boville : cross dalla corsia destra di Di Girolamo, schierato da Perrotti al posto dello squalificato Civica, sponda di Raso per Migliorelli che con un tape in, da pochi passi, pareggiava i conti. Prima del riposo c'era ancora tempo per un paio di break da una parte e dall'altra ma il Monterotondo, ben messo in campo, dava l'impressione di meritare qualcosa in più di un Boville la cui manovra era a tratti lenta e prevedibile. Nella ripresa, dopo appena tre minuti, era il bomber Mario Raso ad incunearsi nelle maglie della difesa romana ed avere fra i piedi il pallone del vantaggio ma, dopo una serie di finte in piena area, trovava prima la risposta di un attento Blasimme e poi la deviazione di Morici prima che il pallone finisse sul fondo. Il Boville alzava in baricentro ma con il passare dei minuti il canovaccio tattico della gara non cambiava con i padroni di casa che si rendevano pericolosi con un paio di ripartenze ma non riuscivano ad essere incisivi negli ultimi sedici metri ma, dopo ventitre minuti, era ancora il Boville ad affondare il colpo, complice un errore della retroguardia ospite : Carlini si involava sulla corsia di sinistra e serviva un pallone su un piatto d'argento a Migliorelli che aveva il tempo di stoppare la palla ma il suo tiro trovava ancora la risposta di un attento Blasimme ma sulla ribattuta era ancora Migliorelli a piazzare la palla sul palo lontano dove la difesa romana non poteva arrivare. La reazione del Monterotondo arrivava alla mezz'ora con Morici che provava, senza fortuna, a pescare il jolly dalla lunga distanza prima che i tecnici mischiassero le carte con Perrotti bravo a coprirsi togliendo dalla mischia Migliorelli e Carlini ed assicurando maggior copertura con Mattia Perrotti e Brustolin. In pieno recupero poi, con il portiere avversario fuori dai pali, era Iozzi ad avere sui piedi la palla per mettere in cassaforte il risultato ma il suo tiro da trentacinque metri veniva respinto da un difensore avversario.

mercoledì 1 aprile 2009

Provinciali, Lorenzo Di Stefano in pole position


Tutto pronto per il rush finale in vista della prossime provinciali. I motori non sono ancora a pieno regime ma per la definizione delle candidature nel collegio che insieme a Boville comprende anche Ripi e Torrice è già partita la corsa per uno scranno di Palazzo Gramsci. Nel centrosinistra sorprende la decisione del sindaco di Boville Piero Fabrizi di fare un passo indietro lasciando campo libero ad una candidatura forte del Partito Democratico. Un passo indietro dettato dalle esigenze di salvaguardare i già fragili equilibri all'interno dello scacchiere provinciale e soprattutto di Palazzo Simoncelli; nella variopinta coalizione che sostiene il medico di Santa Liberata, nel corso di questi primi undici mesi, non sono mancati i mal di pancia interni, motivo per cui nelle ultime settimane sembra essersi raffreddata anche l'ipotesi di una discesa in campo del vice sindaco Enzo Perciballi che avrebbe comunque i numeri giusti per tentare il grande salto. Le ipotesi in piedi restano sostanzialmente tre con ai nastri di partenza Marco Stirpe, Lorenzo Di Stefano e Giampiero Di Cosimo. Un pensierino a Palazzo Gramsci potrebbe averlo fatto anche il presidente del consiglio comunale Nicola Milani anche se in pole position rimane Lorenzo Di Stefano che a Boville può contare sul sostegno dell'ex sindaco della città, Ruggero Mastrantoni. Cinque anni fa infatti Di Stefano ottenne un risultato importante con il vessillo della Margherita senza però riuscire a sfondare nello zoccolo duro della sinistra baucana: ora che lo scenario politico è cambiato Di Stefano avrebbe i numeri per tentare il grande salto. In seconda fila poi ci sono i nomi di Marco Stirpe, capogruppo dell'opposizione a Torrice e Giampiero Di Cosimo, segretario del Pd di Boville ma la vittoria schiacciante del Pdl alle ultime politiche anche nelle tradizionali roccaforti rosse sembra frenare questa ipotesi. A sinistra invece la candidatura di Orlando Cervoni, consigliere provinciale molto apprezzato nei primi anni novanta sembra essere certa; a sostenerlo ci sarebbero tutti i partiti della sinistra ed un pizzico di esperienza potrebbe rendere la competizione sicuramente più interessante. Nel Pdl invece sembra prendere sempre più consistenza una discesa in campo del sindaco di Ripi, Gianni Celli; cinque anni sul ponte di comando sembrano essere il biglietto da visita ideale ma nel partito di Berlusconi sono in molti a sperare in un posto al sole. A Boville sarà interessante vedere quali saranno i movimenti di Antonio Venditti e Daniele Paluzzi che pur richiamandosi al centrodestra sono parte integrate della giunta targata Pd. Nelle scorse settimane si sono rincorse diverse voci che volevano proprio Venditti in ballottaggio con l'ex alleanzino Costantino Testani per una candidatura nelle fila della lista di Giuseppe Paliotta ma questa ipotesi sembra essersi raffreddata. I fari comunque sono puntati tutti su movimenti di Michele Rotondi ed Alberto Paglia, due galli che nel pollaio del centrodestra continuano a beccarsi e soprattutto a studiarsi a distanza. Dopo una lunga militanza nelle fila dell'Udc Rotondi sembra essersi riavvicinato alle posizioni del Pdl mentre sul nome di Alberto Paglia manca ancora un accordo tra le anime della coalizione. Nell'Udc, ormai orfana del consigliere regionale di Veroli Pigliacelli, inzia a farsi strada l'ipotesi di una candidatura sponsorizzata dal mondo imprenditoriale anche se non sono da escludere clamorosi colpi di scena dell'ultim'ora con Domenico Marzi che potrebbe pescare il jolly magari nel suo vecchio partito dei Ds.

Sabato prossimo il convegno sull'Angelo di Giotto


Nell’ambito delle iniziative della Primavera culturale ’09 volute dal Sindaco Piero Fabrizi e dall’Assessore alla Cultura di Boville Ernica Angelo Sordilli, il 4 aprile prossimo, nella Sala Consiliare della cittadina ciociara, ex chiesa di San Giovanni Battista, si terrà un convegno dedicato a L’Angelo di Giotto fra Antichità e Cristianesimo.
Il convegno, che avrà luogo alle ore 17.30, prenderà in esame alcuni degli aspetti artistici e culturali che ruotano intorno allo splendido frammento musivo conservato nella chiesa di San Pietro Ispano. L’opera sarà ricollocata all’interno del percorso artistico del grande pittore fiorentino e si spiegheranno le ragioni per le quali si deve considerare Giotto come la radice più importante dell’arte italiana. Una particolare attenzione, poi sarà dedicata alla città di Roma ed al perduto mosaico della Navicella di San Pietro da cui proviene il prezioso reperto, anche grazie alla proiezione d’una carta multimediale della Roma dell’epoca. Il convegno è curato dal Prof. Marco Bussagli, noto Storico dell’Arte e studioso dell’iconografia angelica di fama internazionale. L’appuntamento di sabato prossimo, voluto per valorizzare dal punto di vista storico-artistico il celebre mosaico di Boville Ernica, è il preludio alle manifestazioni di Pasqua con Giotto in programma il 12 e il 13 aprile, che vedranno tutto il paese pronto ad ospitare turisti ed amici.

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.