venerdì 30 maggio 2008

Finisce sei a uno per il Frosinone l'amichevole al Casaleno


E'finita con un punteggio tennistico l'amichevole tra il Frosinone ed il Boville disputata al Casaleno nel pomeriggio di ieri. A parte l'evidente differenza di spessore tecnico tra le due formazioni l'amichevole è stata un buon test sia per i canarini che per i ragazzi di mister Barbabella prima del rompete le righe di fine stagione. Gara giocata su un buon ritmo da parte degli uomini di Cavasin che al termine del primo tempo si portavano sul tre a zero grazie alle reti di Margiotta, Juntus, il giovane rumeno in prova al Frosinone, e Martini allo scadere del primo tempo. Nella ripresa il Frosinone va in gol altre tre volte con una doppietta di Eder e la rete di Evacuo nel finale. In mezzo alle marcature canarine, il Boville trova il gol della bandiera con l’ex-canarino Gianni Testa. Mancano poche ore al termine della stagione ma entrambe le formazioni hanno ancora qualcosa da chiedere a questo campionato : il Boville proverà ad espugnare Città di Castello per tentare lo storico approdo in serie D mentre il Frosinone proverà a racimolare qualche punto, prezioso nel caso dovesse arrivare la penalizzazione, peraltro improbabile, di cui si è parlato in settimana.

mercoledì 28 maggio 2008

Lo sciopero della fame ed il dio Cemento Armato


Siamo al paradosso. Mentre Massimo Moratti esonera l'unico allenatore che gli ha fatto vincere qualcosa in quindici anni a Boville succede qualcosa che ha dell'incredibile. E non c'entra lo sciopero della fame, di stampo prettamente pannelliano, del presidente del consiglio comunale Nicola Milani.
I baucani si ribellano ad una delle divinità da loro più amate, il Cemento. Siete passati a porta San Francesco dove campeggia lo striscione “Boville libera dal cemento”? Sembra incredibile ma tutto questo accade proprio nel paese delle quattrocento imprese edili e delle case rigorosamente a tre piani, quello che colonizza il tratto laziale dell'Autosole con furgoncini e camion, quello dove quasi tutti i ragazzi hanno in tasca un diploma da geometra, preferibilmente firmato da qualche preside di un istituto privato. Ora, non è certamente compito nostro stabilire se la concessione edilizia rilasciata ad un cittadino alle porte del centro storico cittadino sia legittima oppure meno. Certo, nel caso dovesse saltare, credo saremmo tutti dispiaciuti per la perdita di una manifestazione come il Mufa che porta al nostro amato paesello colore e visibilità oltre a comunicare principi importanti come il rispetto dell'ambiente.
Ben altro discorso però è la revoca della delibera che permette le demolizioni e ricostruzioni all'interno del territorio comunale : bisogna tutelare un altro diritto, quello dei cittadini che una casa ancora non ce l'hanno e, visto i tempi che corrono, non sarebbe il caso di costringerli a comprare a prezzi esorbitanti da qualche impresa oppure ad emigrare a Veroli o magari a Ferentino. Vero, signori amministratori?

lunedì 26 maggio 2008

Tremonti taglia l'Ici ma a Boville aumentano le tasse


E'stata convocata per mercoledi ventotto maggio la prossima seduta del consiglio comunale, la seconda dall'insediamento del sindaco Piero Fabrizi. Sul tavolo della discussione ci saranno argomenti importanti, su tutti l'elezione delle commissioni consiliari e soprattutto l'oramai scontato aumento delle imposte e delle tariffe comunali. Insomma, mentre il governo Berlusconi, che da qualche giorno ha tenuto il suo primo consiglio dei ministri togliendo la mannaia del fisco sugli straordinari dei lavoratori del settore privato e sulla proprietà della prima casa, Palazzo Simoncelli va in controtendenza forse anche per tappare qualche falla del bilancio comunale.
In chiusura invece si discuterà della gestione del trasporto pubblico locale che dovrebbe essere gestito insieme al comune di Veroli dopo l'assenso di massima arrivato da D'Onorio e compagni che già a novembre furono costretti a rinviare a data da destinarsi il progetto a causa della traballante maggioranza di Rotondi che non permise al consiglio comunale di dare l'ok al progetto.
Aumentano le tasse quindi. Nella speranza che presto arrivi anche qualcuno dei quasi seicento milioni di euro promessi da Pd in campagna elettorale. Dal Pd di Di Cosimo, Buschini e Veltroni e non dal sindaco, il dottor Piero Fabrizi che in questo scorcio sembra essere l'unico capace di combinare qualcosa di buono per il paese.

domenica 25 maggio 2008

Zero a zero tra Boville Ernica e Città di Castello


Finisce zero a zero il primo round dello spareggio play off disputato al “Del Bianco” di Anagni. Risultato che premia più il Città di Castello Group che esce indenne dalla trasferta ciociara con un pareggio a reti bianche arrivato al termine di un match comunque gradevole, a tratti emozionante, ben giocato da entrambe le formazioni che hanno confermato di avere uno spessore tecnico superiore alla media.
Primo tempo meglio il Città di Castello mentre nella ripresa i ciociari escono ala distanza anche se non riescono a sbloccare il risultato. In avvio era il Boville Ernica a rendersi pericoloso con una bella combinazione tra Gatti e Testa ma il cross dell'attaccante ex Frosinone, schierato come quarto di sinistra nella linea mediana da Barbabella era respinto dalla difesa biancorossa. Al quarto d'ora la replica degli umbri con un calcio piazzato dai trenta metri di Bartolo che Paduano era bravo a bloccare in presa. Nella prima mezz'ora il Boville era bravo a fare possesso palla ma erano ancora i biancorossi di Cornacchini ad essere incisivi e al minuto numero ventuno si vedevano annullare la rete del momentaneo vantaggio messa a segno da Comanducci servito da Batti. In avvio di ripresa i biancorossi si facevano pericolosi con Bianconi che, palla al piede, entrava in area e scaricava un destro potente ma centrale che Paduano bloccava. Sul capovolgimento di fronte la risposta del Boville : lancio di Ripa che Gatti che lasciava scorrere per Giacco bravo a rubare il tempo a Pazzaglia ed a presentarsi dalle parti di Tosti che respingeva con i pugni chiusi. Il risultato rimaneva cosi inchiodato sullo zero a zero costringendo cosi il Boville a giocarsi la qualificazione in terra umbra, nella città di Monica Bellucci. Peccato che ora viva in Francia. Prepariamoci comunque alla trasferta, domenica prossima.

giovedì 22 maggio 2008

Ora rischia di saltare anche il Mufa


Il Mufa, MUsic and Fly Art festival, che da due anni promuove nel comune di Boville Ernica attività legate al volo libero, alla musica e all’ambiente, rischia di chiudere i battenti a causa della spregiudicata politica edilizia della precedente amministrazione comunale, che ha concesso di costruire un’ abitazione nei pressi del terreno usato come terreno di decollo dai parapendii, proprio a ridosso delle mura medievali del centro storico. Praticamente, a Boville durante l'estate non si organizzava quasi niente mentre ora che sono entrate in azione le ruspe, potrebbe saltare anche l'appuntamento del Mufa. Cosi non si organizzerà più niente e cosi quei pochi giovani che pure si preoccupano del loro paese, la faranno finiranno, una volta per tutte di rompere mettendo in campo idee e progetti originali e manifestazioni di un certo successo. Tutti contenti, no? Grazie ancora, Michele Rotondi: alle provinciali, nel Pdl, nel Pd o nell'Udc (in fondo fa poca differenza...) Gerusalemme sarà finalmente liberata.

martedì 20 maggio 2008

Warren Buffett vota Obama. A Boville quanto conta il voto dei Paperoni?


Warren Buffet, uno degli uomini più ricchi del pianeta, si è schierato in favore di Barack Obama per le prossime elezioni americane. Finora “l'oracolo di Ohama”, come è soprannominato tra gli investitori di Wall Street, aveva sostenuto entrambe le candidature democratiche, Hillary Clinton compresa. Negli Stati Uniti, sa qualche giorno, non si fa che parlare del peso dei miliardari nelle elezioni politiche. Ma quanto contano davvero, nel segreto delle urne, i Paperon de Paperoni?
Ed a Boville, insieme agli endorsement di Alessandrino Paparungi, quanto hanno inciso i Bill Gates baucani nell'elezione di Piero Fabrizi? Molto, stando alle analisi del sindaco Rotondi che ha parlato di poteri forti che hanno lavorato contro di lui alle ultime elezioni. Probabile che l'ex sindaco di riferisse ai presunti poteri forti della politica ciociara, capace soltanto di creare una sorta di oligarchia in provincia e di mettersi a novanta gradi nei confronti della politica romana. E siccome uno più uno spesso fa due è probabile che qualche costruttore che ha interessi a Roma, dove governava Veltroni, abbia preferito la gouche anche alle comunali baucane. E le candidature di Egidio Capogna ed Angelo Fabrizi con la sinistra, in questo senso, potrebbero essere sibilline. Dall'altro lato del Rubicone invece sono molti quelli che pensano che contino davvero poco, anche perchè sono state diverse le imprese edili vicine a Rotondi. E questo non gli ha impedito di evitare una cocente sconfitta. E'un problema complesso e spesso le varianti in gioco sono tantissime ma è un dato di fatto che i rapporti professionali e tra i vari soggetti economici si trasformano, talvolta, in consenso nel segreto delle urne, talvolta no. L'importante è che i politici a caccia di consensi gli imprenditori interessati a buone possibilità di investimento non superino mai quel confine dettato dal buon senso.

lunedì 19 maggio 2008

Gatti e Giacco strapazzano il Formia, serie D più vicina


Con un poker ed una prestazione da incorniciare il Boville ha strapazzato ieri pomeriggio il Formia di mister Pennarella nello spareggio disputato sul neutro di Rieti. Strada spalancata per i play off quindi, con Testa e compagni che dopo le due sconfitte stagionali riescono finalmente ad avere la meglio sulla formazione pontina e sulla farsa messa in piedi dal Comitato Regionale. Quella del Boville è stata una gara semplicemente perfetta anche se il Formia ieri ha faticato molto di più delle altre gare nel tenere alto il ritmo della gara e nel far girare palla : merito del pressing della linea mediana rossoblu e non solo. L'avvio della gara è stato scoppiettante con i ciociari che passavano dopo appena una manciata di minuti con l'ex Isola Liri Enzo Giacco che sfruttava una disattenzione della difesa avversaria, rubava il tempo ad un difensore e portava in vantaggio i suoi. Qualche minuti dopo però era Fulco a pareggiare i conti trovando la zampata vincente sempre sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina. La gara sembrava addormentarsi con le due formazioni che tiravano i remi in barca ma era Volante, dopo trentotto giri d'orologio, a raccogliere un assist di Volante ma Paduano si rifugiava in angolo. Nella ripresa, dopo appena due minuti era ancora Gatti a sorprendere Muscedere raccogliendo un cross basso di Nardone : zampata vincente e vantaggio per il Boville. Quando sembrava praticamente fatta però il Formia, a dieci minuti dal termine si faceva di nuovo sotto trovando con un incornata di Spanò in mischia la rete del pareggio. Nemmeno il tempo però di mettere la palla al centro ed i rossoblu passavano ancora in vantaggio con Giacco. A chiudere i conti servendo il poker ci pensava ancora Gatti con un diagonale potente e preciso che liberava l'esultanza dei centocinquanta supporters ciociari giunti fino a Rieti.

sabato 17 maggio 2008

Festeggiamenti per S.Liberata in corso

DSCF1110 Mentre cresce l'attesa a S.Liberata per il concerto di Enrico Ruggeri, oggi si è svolta come ormai da consuetudine la manifestazione podistica "Corri per S.Liberata" che ha visto ai nastri di partenza più di cinquanta concorrenti provenienti da tutta la provincia. La gara è stata lunga e faticosa, e per la terza volta di seguito è stata vinta da un concorrente di Frosinone che ha percorso l'intero tracciato in 30' circa. I primi rappresentanti del nostro paese a tagliare il traguardo sono stati due ragazzi di 12 e 13 anni con un tempo di 35'. Grandi ! Tutti da applaudire comunque i concorrenti che hanno dovuto lottare anche contro il gran caldo. Molti altri i partecipanti baucani. Buona anche la prestazione di Massimo Viselli. Un plauso particolare poi ad Andrea Savone che come tutti gli anni non si schioda dall'ultimo posto....Bella giornata dunque, all'insegna dello sport e del divertimento.  Alla premiazione erano presenti il sindaco Piero Fabrizi e l'assessore all'urbanistica e sport Daniele Paluzzi.

Spettacolo per il Giro d'Italia


Non ha deluso le aspettative. Certo, le emozioni dei bei tempi andati, di Marco Pantani e Gino Bartali, di Fausto Coppi ed Eddie Mercx appartengono all'album dei ricordi di questo sport che consuma tutto troppo in fretta. Però vedere la carovana rosa sfilare per le strade ciociare, nell'incantevole cornice dell'Abazia di Casamari è sempre e comunque uno spettacolo. Ed infatti sono stati tanti, tantissimi i baucani che hanno atteso il passaggio della maglia rosa a Casamari, a bivio Papetti ed a Sant'Angelo in Villa. Un evento molto atteso, capace di catturare l'attenzione di una città intera e di restituire alla Ciociaria un pochino di quell'attenzione dei media che solitamente arriva solo quando le nostre città ottengono la maglia nera nelle classifiche per la qualità della vita e la crescita economica. Per la cronaca, il primo a tagliare il traguardo di Tivoli è stato Riccardo Riccò che ha chiuso davanti a Paolo Bettini. Ci vorrà ancora la crono di martedi per vedere movimento anche nella classifica generale ma intanto la novantunesima edizione della corsa rosa sembra rivelarsi una delle più appassionanti di questi anni.

venerdì 16 maggio 2008

Internauti, ecco a voi il WI-MAX

30 Speravamo nell'ADSL per eliminare il divario digitale con il resto d'Italia ? Roba vecchia ormai!! E' certo infatti che da noi arriverà prima il tanto osannato WI-MAX che la rete ADSL cablata. Alla faccia degli investimenti sbandierati dalla regione Lazio sul nostro territorio (d'altronde eravamo in piena campagna elettorale).. Ottime notizie quindi per noi utenti finali. IL WI-MAX sarà realtà entro agosto. La gara si è finalmente conclusa e vediamo di capire quali benifici porterà questa presunta rivoluzione nel nostro territorio. Gli aggiudicatari dei diritti d'uso delle frequenze WI-MAX nel nostro territorio (Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise) sono : ARIADSL, Telecom Italia e A.F.T. Il WI-MAX è uno standard mondiale che consente l'accesso a reti di telecomunicazioni a banda larga e senza fili e come seggerisce il nome deriva dal noto WiFi. Con un ripetitore WI-Max si raggiungono distanze fino a 60 km con una potenza di trasmissione massima fino a 76 Mbit/s. Il vantaggio che il Wi-MAX  offre è innanzi tutto economico. A metà costo garantisce una velocità di trasmissione dati tre volte superiore alle normali ADSL. ARIADSL, ha già preannunciato che partirà ufficialmente con il WI-MAX a giungo in Umbria. Per luglio-agosto, come annunciato dalla società nel Wlan Business Forum sarà forse anche nel Lazio! Per dopo espandersi entro fine Agosto a tutto il territorio nazionale. Filtrano anche le prime offerte rivolte agli utenti; circa 20 euro al mese, per WiMax a 4/4 Mbps e illimitate chiamate Voip su rete fissa nazionale. Sembra fin troppo bello per essere vero: offerte Adsl dual play analoghe costano circa il doppio. A quanto pare, il WIMAX si presenta ora come anche una  alternativa all'Adsl e alla telefonia tradizionale; e non solo più come rimedio al digital divide, per le zone scoperte da banda larga. Emergono anche ulteriori dettagli su come ci si connetterà in effetti al WiMax. A casa o in ufficio si userà un modem fornito dall'operatore, dotato di Voip e WiFi. Basterà per ricevere il segnale esterno WiMax.
Internauti di Boville ( e non solo), pare proprio che l'isolamento sia finito. Aspettate quindi a firmare contratti che potrebbero rivelarsi enormemente pesanti al confronto di quelli offerti da Ariadsl e company nel nostro territorio....

il Giro d'Italia passa in Ciociaria


IL 91° Giro d’Italia passa in Ciociaria.Sabato 17 Maggio la Ciociaria sarà attraversata dal giro. Invitiamo i tifosi a raggiungere Morolo per vedere da vicino gli atleti impegnati nella salita. Provenienti dall’Abruzzo il giro transiterà a Morolo intorno alle ore 15,00.Dall’Abruzzo al Lazio. Sono infatti queste le due regioni interessate dall’ 8^ tappa del Giro d’Italia. La partenza è a Rivisondoli e la Forca d’Acero immette nel Lazio, in provincia di Frosinone. Il tratto in discesa si conclude a Sora, importante centro nella valle del Liri con le note cascate. Isola del Liri, l’abbazia di Casamari, vicino Boville Ernica, nobile e spettacolare esempio d’architettura gotico-cistercense di ispirazione francese fondata nel 1035 dai benedettini e passata poi ai cistercensi. Si supera Frosinone prima d’arrivare ad Anagni con le sue mura e l’impronta medioevale dell’abitato, nota per lo “schiaffo” (vero o presunto è tuttora oggetto di dibattito) che avrebbe subito il papa Bonifacio VIII, nativo di Anagni.

martedì 13 maggio 2008

Tutto pronto per il Formia


Ci siamo. Sono cinque i giorni che separano il Boville Calcio dal decisivo scontro di fine stagione contro il Formia di Volante e Medoro. La tanto discussa sentenza della Procura Federale, che ha aspettato la fine della stagione per darci con una mano i tre punti di Latina e, con l'altra, toglierci quelli con il Fondi ha deciso cosi : ci giocheremo l'accesso ai play off con la formazione pontina.
Ma non sarà facile perchè tutti abbiamo ancora negli occhi la brutta sconfitta al Matusa di Frosinone prima dello stop pasquale; il Boville forse viene da una situazione psicologica più difficile ed il nervosismo delle ultime gare ne è la testimonianza mentre i pontini che sono andati avanti anche in coppa dovrebbero avere meno benzina nelle gambe. Ora, dopo quindici giorni e soprattutto dopo una stagione lunga e per tanti aspetti travagliata, occorre trovare lo spunto finale : la serie D è vicina.

domenica 11 maggio 2008

Angelo Perciballi alla guida della Progresso Sociale


E' Angelo Perciballi il nuovo presidente della Progresso Sociale. Dopo quattro anni la cooperativa di Pozzo Papa ha una nuova guida che succede a Roberto Berardi ed ai due commissari, Verdiglione e Capoccetta, che si sono alternati negli ultimi anni.
Inizia il nuovo corso quindi con un imprenditore edile, Tonino Capogna, che entra nel direttivo vestendo i panni del vice presidente. L'intenzione è quella di dare un impronta rivolta più al mercato ed alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici del paese tenendo però un occhio attento ai conti, ancora in attesa di essere risanati, magari con una ricapitalizzazione, dopo il disastro degli ultimi anni. Una provocazione : dal momento che occorrerà mettere mani al portafogli per risanare la coop perchè non si inizia a pensare ad una modifica dello statuto per far eleggere nel direttivo due soci giovani che potrebbero garantire ricambio ed allo stesso tempo continuità nella gestione?

venerdì 9 maggio 2008

Mara Carfagna ministro ed i subprime baucani


Sarà stata una coincidenza ma nella giornata in cui i giocatori del Levante, squadra di serie A spagnola, si abbracciano a centrocampo per protestare con la società che da due anni non corrisponde gli stipendi, a Boville si scopre una falla nel bilancio di Palazzo Simoncelli. Sarebbero infatti quasi duecento mila euro i debiti accumulati dalle casse comunali durante la gestione Rotondi e non iscritti nel documento di programmazione economica dell'ente. Una cifra abbastanza consistente stimata in un primo momento dalla nuova responsabile economico finanziaria che poi è la stessa che, finito “l'esilio dorato” dei cinque anni di Rotondi è tornata sul ponte di comando, come nell'era Mastrantoni. In Italia comunque a queste cose, ci abbiamo fatto l'abitudine. Non tanto per la Cirio e la Parmalat ma quanto per i buchi nel bilancio trovati prima da Tremonti sette anni or sono e poi da Tommaso Padoa Schioppa due anni fa.
Comunque, lasciamo ad altri il compito di discutere dei sub prime baucani e parliamo di cose più serie. Mara Carfagna, la topolina lanciata nel mondo della politica da Radio Boville (in archivio i post con tanto di endorsment e foto) è diventata ministro nel governo di Sua Emittenza. Forse non cambierà l'Italia ma rispetto a Luxuria è proprio un bel passo avanti. Grazie, Silvio.

martedì 6 maggio 2008

Calciopoli 2 : portati via tre punti al Boville


Non sono bastati due mesi per vederci assegnare i tre punti dopo tre bombe carta ed otto giocatori finiti in ospedale a Latina. Ma sono bastati appena due giorni per vederci togliere i tre punti dopo la vittoria di Fondi, l'ultima gara della stagione. E cosi, se il Gaeta torna in serie D dopo ventitre anni, a seguire Santucci e compagni potrebbe essere un altra formazione pontina, il Formia.
Peccato che a deciderlo non sia stato il campo ma il Giudice Sportivo che nel corso della stagione non è riuscito ad emettere una sentenza definitiva sul risultato del Francioni e nemmeno sulla contestata vittoria del Gaeta contro il Pisoniano in riva al Golfo.
Non è bastata Calciopoli appena due anni fa, ora una nuova tempesta sta per investire con un eco certamente minore, tutto il mondo del calcio laziale a livello dilettante.
A provocarla sarebbe stato, da quanto si legge nel comunicato diramato nel pomeriggio di oggi, un presunto tifoso che prima della gara avrebbe aggredito il capitano del Fondi Monforte poco prima della gara con un bastone. Stando però a quello che raccontano i bene informati non sarebbe stato un tifoso del Boville ma un giocatore, Ranaldi, il rossoblu coinvolto nell'episodio.
E se i regolamenti valgono ancora qualcosa in questo paese, dovrebbe essere comminata una squalifica al diretto interessato (anche se non si conoscono ancora i motivi della discussione tra i due..) ma non penalizzare una squadra ed una città intera.
Pensare poi che su altri episodi ben più importanti i vertici del calcio regionale non si siano ancora pronunciati nonostante il campionato sia finito, pone qualche ombra sulla regolarità dell'intera stagione dove un paese di novemila abitanti che non ha il peso politico né la tifoseria di Latina, Formia e Gaeta rischia di vedersi portare via quanto conquistato sul rettangolo verde. “Presenteremo appello, faremo ricorso, ho intenzione di andare fino in fondo, se necessario anche al presidente della Repubblica - ha commentato a botta calda patron Milani - E'in gioco qualcosa di più di un campionato ma la dignità degli sportivi del mio paese ; abbiamo fatto investimenti importanti e se dobbiamo perdere, vogliamo perdere sul campo”.

lunedì 5 maggio 2008

Una zampata di Gatti nel finale stende il Fondi


La Dea Bendata sorride al Boville in questo finale di stagione : il Formia cade a Latina ed un Boville bello solo a metà riesce ad avere la meglio su un Fondi determinato a fare bella figura e che esce dal Montorli a testa alta, piegato solo da una rete di Guido Gatti allo scadere. Nei minuti prima del fischio d'inizio comunque ad agitare le acque sembra che sia stato uno scontro avvenuto tra un giocatore del Boville ed il capitano Monforte del Fondi che è stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso del nosocomio ciociaro Umberto I di Frosinone riportando un trama agli arti inferiori guaribili comunque con qualche giorno di riposo. La prima occasione del match comunque è di marca pontina con l'ex Cervia Giuffrida che lavorava un buon pallone dal limite e lasciava partire un destro rasoterra che Paduano abbrancava in presa. La risposta dei padroni di casa non tardava ad arrivare ed appena un minuto più tardi Leoncini provava a pescare il jolly con una conclusione dal limite senza troppe pretese che si spegneva tra le braccia di Assogna. Dopo la breve fiammata iniziale la partita proseguiva su ritmi blandi e cosi bisognava attendere la mezz'ora abbondante per vedere Gianni Testa pennellare un assist per Gatto, bravo a liberarsi della marcatura pontina ma sfortunato nella battuta a rete. Nella ripresa sono ancora i padroni di casa a dirigere le operazioni con Ripa che serve con il contagiri Giacco, sponda dell'ex Isola Liri per Gianni Testa che da pochi passi manca il bersaglio grosso. Nel finale Barbabella alza il baricentro della squadra ed a cinque minuti dalla fine succede l'imprevedibile con Germano che costringe il Montorli a trattenere il respiro stampando sulla traversa un destro potente e preciso. Ad un minuto dalla fine comunque, proprio quando i ciociari sembravano accontentarsi del pari, Guido Gatti riscattava una stagione in chiaroscuro piazzando la zampata vincente facendo esplodere la gioia del pubblico blugranta. Ora diventano decisi i tre punti della partita di Latina ma dopo una stagione altalenante ora il Boville sembra avere la serie D a portata di mano.

domenica 4 maggio 2008

Pamela Anderson, la lista civica e le conigliette di Playboy


Ieri passeggiando per il centro storico ho incontrato Alberto Paglia. No, non l'architetto che pure si incrocia con una certa frequenza dalle parti di Porta San Nicola ma l'altro, l'ex assessore di Rotondi e per qualche ora di Fabrizi. Comunque, se capita anche a voi di incontrarlo, qualcuno si prenda la briga di dirgli che la campagna elettorale è finita : eh già perchè da un politico della sua esperienza certe gaffe dettate dall'entusiasmo pre-elettorale proprio non me le sarei aspettate. Fermo restando che uno come lui avrebbe fatto decisamente comodo a Fabrizi e compagni per dare peso politico ad una giunta che non ne ha affatto, il coordinatore di Fi sosteneva, tra l'incredulità di qualcuno dei presenti, che “Insieme per Crescere” è una lista civica. Salvo contraddirsi appena due minuti dopo raccontando di un curioso sms inviato al segretario cittadino del Pd, tale Di Cosimo Giampiero. “Passano gli anni ma voi siete sempre gli stessi” si sarebbe sfogato l'Albertone baucano. Ora, lontani dal pensare che il voi è una forma di plurale maiestatis tesa a riverire l'unico segretario sulla faccia del pianeta che dopo una sconfitta di proporzioni bibliche non ha il buon senso di presentare le dimissioni, con quel pronome si stava riferendo a loro, agli eredi del vecchio Pci che non avrebbero rispettato l'accordo siglato alla presenza di un altro esponente di spicco del panorama provinciale, Mauro Buschini (e poi non vi lamentate se siamo la provincia più povera del Lazio e la più inquinata d'Italia, li scegliete voi certi rappresentanti ...).
Ricapitoliamo. Alberto Paglia è il segretario cittadino di Fi. Di Cosimo del Pd. E Buschini è lo scudierio di De Angelis che fa politica da quando aveva ancora il pannolone ed ora è assessore regionale in quota Pd. A Boville sono stati tre settimane a dividersi gli assessorati : quattro sono finiti al Pd, due a Progetto Paese mentre allo Sdi non è toccato niente perchè aveva il sindaco.
In pratica, è come se a settembre organizzassimo il raduno di Pamela Anderson e delle conigliette di Playboy nelle stanze del Palazzo Filonardi, sede delle monache di clausura : in fondo potremmo sempre dire che si tratta di una sfilata di abiti ecclesiastici. Oppure no?

venerdì 2 maggio 2008

Tutti gli uomini del presidente : Ronaldo, la Brambilla e le sponde del Rio


Ve lo immaginate voi Berlusconi che, dopo la Prestigiacomo, fa anche la Brambilla ministro? E se a queste due topoline affiancasse anche Emilio Fede e Sandro Bondi che idea vi fareste del nuovo Governo? Beh, nel mondo sono pochissimi gli appassionati di scacchi ma molti di voi ricorderanno sicuramente il match più lungo della storia, quello tra Garry Kasparov e Anatolj Karpov, durato cinque mesi. Ce ne sono voluti altrettanti infatti per mettere insieme (ma quanta fatica..) quella ha tutti i presupposti per essere, a memoria d'uomo, la peggiore giunta della storia della città. Eppure Piero Fabrizi è riuscito nel miracolo tanto atteso, quello di fare Bondi ministro e la Brambilla sottosegretario. E si perchè tra i sei aspiranti Andreotti baucani (scusate il paragone ma ci sta tutto!), non ce n'è uno, dico uno, che abbia avuto la minima esperienza nell'amministrare un ente pubblico e quindi si presume che, almeno nei primi mesi, non abbia la più vaga idea di come funziona. Beh, qualcuno mastica la politica e la buona volontà di certo non gli manca ma ve li immaginate voi alle prese con delibere, determine e fondi di rotazione?
Tanto più che, grazie all'avveduta programmazione di Terminator Rotondi, la situazione delle casse e delle uffici comunali, per dirla alla Celentano (lui si, idolo di certa sinistra) non è buona.
Insomma, a dirla tutta sembra proprio come la storiella di Ronaldo che dopo l'infortunio al ginocchio va a curarsi in un motel ad ore in Brasile in compagnia di qualche uomo vestito da donna mentre il povero Ancelotti è costretto a schierare le due punte : peccato una delle due sia Gilardino.
Tornando alla politica baucana di nuovo, oltre ai consiglieri, ci sarà anche la presidenza del consiglio, affidata ad un altro che sarebbe stato più utile in giunta, Nicola Milani. A proposito di presidenza, questo è stato l'ultimo regalo del sindaco Rotondi per finire degnamente la consiliatura : peccato che se avesse avuto l'intelligenza di dimettersi quattro anni fa, durante la prima crisi politica, ora i rossi sarebbero dovuti emigrare anche loro sulle spiagge di Rio de Janerio : tranquilli, Luxuria è della Sinistra Arcobaleno e quindi non sarebbe salita su quell'aereo. Al suo posto Britney Spears, la topolina nella foto.

giovedì 1 maggio 2008

La Uefa Champions League a Boville

champions_league_trophy_1_1024x768

Un evento imperdibile per tutti gli appassionati di sport. La Uefa Champions League sarà esposta sabato 3 maggio alle ore 18.15 presso bar "Caffè la Porta", Boville centro. Gli amanti del calcio baucano potranno così ammirare il trofeo calcistico più importante d'Europa in prima persona. Ci sarà anche la possibilità, dietro prenotazione (gratuita), di farsi fotografare assieme alla coppa. L'evento è stato organizzato in collaborazione con Fondazione Milan, la onlus della società rossonera. Infatti i proventi raccolti durante le esposizioni del trofeo saranno devoluti direttamente alla Fondazione Milan. Il progetto di beneficenza interessato dal tour della Uefa Champions League è riguardante la costruzione dell'ospedale pediatrico di Nazareth.

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.