martedì 30 dicembre 2008

Anno nuovo, consiglio vecchio : scintille tra Michael ed Antonio l'Americano


Si è chiusa con un acceso scontro verbale, che ha avuto come protagonisti Michele Rotondi ed Antonio Venditti, la seduta del consiglio comunale di lunedi sera, l'ultima dell'anno solare. Sala consiliare gremita in ogni ordine di posto mentre tra i banchi della maggioranza, che aveva inserito una modifica al Piano Regolatore Generale, a risaltare era l'assenza dell'assessore all'urbanistica, Daniele Paluzzi. La seduta, aperta dal presidente del consiglio comunale Nicola Milani, iniziava con il via libera all'assestamento di bilancio da parte della maggioranza di Piero Fabrizi mentre l'opposizione, oltre a bocciare il documento di programmazione economica di Palazzo Simoncelli protestava vivacemente anche sul secondo punto all'ordine del giorno, il recupero dell'imposta comunale sugli immobili in corso di costruzione e sui terreni edificabili per le annualità precedenti. "Abbiamo fatto un lavoro importante in questi ultimi mesi per cercare di avere un quadro chiaro della situazione presente sul nostro territorio – ha aperto la sua relazione l'assessore al bilancio Anthony Astolfi – siamo convinti della bontà di quello che stiamo facendo anche sulla scorta di tanti altri comuni in Italia. Con l'approvazione di questo regolamento daremo la possibilità ai nostri concittadini di mettersi in regola con questa imposta evitando il pagamento di sanzioni e degli interessi su queste somme. Inoltre, dal momento che stiamo attraversando un momento non facile per la nostra economia abbiamo previsto dei piani di rateizzazione per venire incontro alle famiglie". Dai banchi dell'opposizione però a protestare contro "un provvedimento che ha l'unico obbiettivo di fare cassa" è stato l'ex sindaco Michele Rotondi che ha più volte ribadito "l'illeggittimità di questo provvedimento dal momento che esiste una sentenza della Cassazione di un mese fa che ha stabilito illeggittima un imposta su un terreno o su un fabbricato qualora non si verifichino le necessarie condizioni per l'edificabilità. Per questo motivo riteniamo che non si debba chiedere niente ai nostri cittadini". A chiudere la polemica, prima dell'approvazione del punto con l'astensione dell'opposizione e la votazione favorevole di tutta l'assise per l'adesione alla rete dei Territori Ciociari è stato il sindaco Piero Fabrizi che ha ribadito la volontà di venire incontro alle esigenze dei cittadini nel rispetto delle regole. Ancora niente di fatto invece per la vicenda relativa all'installazione di ujn ripetitore telefonico nella zona di San Lucio che scatenò tante polemiche qualche anno fa anche perché "gli uffici comunali sono ancora in attesa del parere dell'Arpa – ha commentato il vice sindaco Enzo Perciballi – anche se l'amministrazione è disponibile ad accogliere le richieste di un gruppo di cittadini della zona per il trasferimento di questo dispositivo su un terreno di proprietà di un associazione in maniera tale da compensare questa situazione con qualche incentivo di carattere economico". Rinviata invece la modifica al Piano Regolatore Generale per la realizzazione di un area di verde attrezzato nella contrada di Santa Liberata."La proposta della maggioranza non è chiara anche se noi siamo favorevoli a sistemare le aree di verde pubblico. Occorre però stabilire dei criteri che siano gli stessi per tutte le aree di verde pubblico previste nel Prg, senza andare quindi a penalizzare nessuna area del nostro territorio". A salvare una maggioranza nella quale, durante la discussione, si era aperta qualche faglia di troppo, era capogruppo Angelo Sordilli chiedendo il rinvio del punto in discussione. Polemica invece sulle interrogazioni ed interpellanze, richieste dalla minoranza dopo l'insedimento di Piero Fabrizi nello scorso mese di maggio. Ad accendere la miccia, infatti, è stata proprio un interrogazione di Rotondi sui lavori di rifacimento della strada di Fosso Rio : l'ex sindaco si è lamentato "per la mancanza della documentazione necessaria negli uffici comunali e per l'affidamento dei lavori della scuola media per un importo di poco superiore ai diecimila, sempre mediante il ricorso della trattativa privata". Una polemica raccolta subito dall'assessore Antonio Venditti che si è scagliato contro l'ex sindaco ed il battibecco, con toni anche piuttosto aspri, è proseguito anche fuori dall'aula consiliare, lungo corso Umberto.

sabato 27 dicembre 2008

Babbo Natale e la variante al Piano Regolatore


Nelle ultime settimane due delle tre aste dei buoni del Tesoro sono andate deserte. E nell’unica a cui banche ed investitori istituzionali hanno partecipato sono stati aggiudicati soltanto un terzo dei titoli. Sul circuito dei media nazionali ed internazionali però nessuno si è sentito in dovere di buttare giù quattro righe per questa notizia. Troppo impegnati per dipingere la rivolta della Grecia, paese sull’orlo di una bancarotta senza precedenti nella storia, come una rivolta di un gruppo di studentelli e perdigiorno, i media nazionali si sono concentrati sull’enorme afflusso negli impianti di sci durante la sosta natalizia. E fin qui niente di strano. Nevica e la gente va a sciare. Quello che preoccupa invece, è l’assordante silenzio sulle altre notizie, quelle vere. Siamo in guerra e l’informazione, ai tempi del crollo delle Borse mondiali e del meccanismo ideato da Sallustio Brandini, ovviamente, si adegua. E Boville non è da meno. Crociere e settimane bianche sembrano essere andate in soffitta anche per i nostri paesani che hanno scelto, o forse sono stati costretti, ad un Natale all’insegna dell’austerity. Non va in vacanza nemmeno la politica cittadina che ha convocato per lunedi sera il consiglio comunale. Tre gli argomenti scottanti : il bilancio comunale, lo spostamento di un ripetitore di telefonia a San Lucio e la votazione di una variante al Piano Regolatore Generale. Tutto questo il penultimo giorno dell’anno. Con loro, i cittadini, distratti dai panettoni e dalla tombola : per approvare il bilancio consuntivo c’è tempo fino a marzo. L’opposizione, c’è da scommetterci, non batterà ciglio. Non una parola sul bilancio (anche perchè buona parte degli sfaldoni porta la loro firma), ancora meno sul ripetitore telefonico e nemmeno la variante al Prg. Scommettiamo? Spegniamo i televisori e per un attimo dimentichiamoci delle cavolate che quotidianamente ci raccontano. Tutta questa fretta per un consiglio comunale. Perchè?

martedì 23 dicembre 2008

Cenere e carbone per la giunta Fabrizi?


L'anno che sta per concludersi ha segnato una svolta nella politica cittadina. L'entusiasmo dello scorso aprile, quando la maggioranza dei cittadini ha incoronato Piero Fabrizi affidandogli le chiavi del municipio sembra essere un ricordo ormai lontano nel tempo. Chiusa la parentesi di Michele Rotondi che aveva portato il centrodestra al governo cittadino per la prima volta nella storia, il copione che va in scena nelle stanze di Palazzo Simoncelli sembra assomigliare più di quanto si possa pensare alla gestione precedente, segnata dall'abbandono dei vari Paglia, Picarazzi e Salsiri. In otto mesi infatti, da quando il sindaco Fabrizi si è insediato a Palazzo Simoncelli non sono mancati i momenti di confronto, anche piuttosto decisi, all'interno della sua maggioranza. Nello scorso autunno infatti, quando il consiglio comunale si trovò a richiedere un finanziamento alla Pisana per il recupero del vecchio mattatoio comunale si consumò il primo strappo con il presidente del consiglio Nicola Milani che invece aveva prima coinvolto il Consorzio delle Imprese Edili di Boville e poi aveva puntato le sue fiches sulla realizzazione di un auditorium vicino la scuola media Armellini. Una bocciatura che non è andata giù all'ex enfant prodige della politica cittadina che qualche giorno dopo, forte anche della sponda offerta da Michele Rotondi dai banchi dell'opposizione, non ha nascosto il proprio disappunto, chiedendo di restituire, insieme ad una stanza del palazzo comunale da mettere a disposizione di tutti i consiglieri, maggiore autonomia ed autorevolezza all'intero consiglio comunale.
A ricucire lo strappo non è bastata l'approvazione, qualche settimana dopo di una seconda richiesta di finanziamento alla Pisana per la realizzazione dell'auditorium perchè negli ultimi giorni, alla vigilia dell'ultimo consiglio comunale dell'anno che dovrà dare il via libera al bilancio, il tono del confronto si è fatto più aspro. Sugli scudi, insieme a Milani che è tornato alla carica chiedendo più spazio per la discussione all'interno del consiglio comunale, è salito anche Antonio Venditti. Un confronto deciso quello che sarebbe andato in scena tra i due, nel corso di una riunione di maggioranza. La sensazione è che in pentola bolla qualcos'altro e tra gli osservatori della politica all'ombra dell'Angelo di Giotto la convinzione è quella che si stiano misurando i rapporti di forza in vista delle provinciali del giugno prossimo nonostante la Caporetto di Veltroni e compagni che in occasione delle ultime politiche a Boville sono sprofondati sotto il minimo storico. E se i voti del Pci di Verrelli sono ormai materiale da consegnare agli archivi, l'unanimità nelle scelte per il futuro dei cittadini sembra essere un traguardo lontano ed irraggiungibile. Sotto l'albero infatti ci cittadini di Boville troveranno un Montorli rimesso a nuovo e griffato dalla giunta Fabrizi ma anche cenere e carbone per gli aumenti dell'addizionale Irpef e della Tarsu deliberati, sempre dall'amministrazione di sinistra, nello scorso mese di maggio. Appena due giorni prima che il governo Berlusconi, con un decreto, bloccasse gli aumenti delle imposte per tutti gli enti locali. Quando si dice il tempismo.

mercoledì 17 dicembre 2008

L'adsl, le lumache e la gestione Tronchetti Provera


Ci eravamo lasciati con lui, l'Alcalde Michele, che rivendicava la paternità di una linea internet veloce che a Boville non è mai arrivata. Era lo scorso mese di marzo, nel borgo, in tempi di campagna elettorale, imperava ed imperversava la corsa all'ultimo voto utile : sapete tutti come è andata a finire.
Ora, a qualche mese di distanza e dopo una lunga battaglia promossa, ironia della sorte proprio su internet, da Radio Boville noi torniamo a rivoltare il coltello nella piaga. Tra qualche giorno sul calendario correrà l'Anno del Signore duemilanove ma i modem baucani viaggiano ancora alla velocità di una lumaca. E' il segno dei tempi che corrono. E di Telecom Italia che dopo le allegre gestioni di Colaninno e Tronchetti Provera ha pensato bene di rispondere alla crisi economica ed al crollo degli utili aumentando il canone mensile sui cittadini.
In cambio di niente perchè nessuno ha previsto, e tantomeno imposto, investimenti per ridurre il divario digitale che spacca in due tronconi il paese. Boville è nel limbo : tra la prospettiva di avere l'adsl tra qualche mese e quella, meno entusiasmante, di diventare dei Matusalemme cultori di un oggetto vintage, "il modem a cinquantaseikappa".
Niente di nuovo sotto il sole e l'unica cosa che ci resta da fare, almeno per ora, è aspettare : nel frattempo, da Palazzo Simoncelli qualcosa si sta muovendo. L'assessore Astolfi, Tonino per gli amici, ci sta provando tanto da chiamare in causa qualche assessorato della Pisana e lo staff dell'ex monopolista di cui sopra che si occupa proprio dello sviluppo delle infrastrutture. Forse non è abbastanza, magari servirà a poco perchè la logica che muove certe operazioni è solo e soltanto economica. Non ci resta che aspettare : sicuramente qualcosa in più rispetto alla raccomandata vecchia di cinque anni che l'Alcalde Michele resuscitò dall'archivio nottetempo. Popolo dei modem vintage e delle chiavette varie, incrociate le dita.

Due colpi del Boville, in arrivo Cuomo e Taurino


Colpo di mercato del Boville Ernica :la società di porta San Nicola, dopo gli arrivi di Brustolin e Lucchese che andranno a rinforzare la linea mediana rossoblu ha ingaggiato il centravanti Davide Taurino ed il portiere Christian Cuomo. La notizia era trapelata negli ambienti vicini alla società rossoblu anche nei giorni scorsi, da quando il diesse Stefano Caldaroni si è messo sulle tracce del ventottene centravanti della Pro Vasto ma soltanto nella serata di martedi è arrivata l'ufficialità mentre per il portierone cresciuto negli States si tratta di un piacevole ritorno dal momento che aveva vestito la maglia del Boville per due stagioni ai tempi della promozione.
Taurino andrà quindi a completare quella batteria di attaccanti che Fabrizio Perrotti aveva chiesto fin dall'inizio della stagione estiva; in un primo momento infatti la società rossoblu era balzata agli onori delle cronache nazionali per l'ingaggio, poi sfumato, dell'attaccante nigeriano Enninaya e finora ha disputato questo primo spezzone di campionato senza poter contare sull'apporto, decisivo nel modulo a tre punte, di un centravanti vecchio stampo in grado di far salire la squadra e dare profondità alla manovra. Spesso mister Fabrizio Perrotti è stato costretto, complici gli infortuni di Raso e la squalifica di Alessio Carlini, a far scendere in campo i suoi con un attacco tutto da inventare, cercando soprattutto di far leva sui punti deboli degli avversari : una serie di scelte obbligate che non hanno permesso al Boville di raccogliere e capitalizzare al massimo le occasioni costruite nell'arco dei novanta minuti. Nell ultima uscita stagionale i nuovi arrivati si sono subito messi in mostra con Brustolin e Lucchese autori di un buona gara e Migliorelli che ha firmato nel finale della gara contro la Villacitrese il gol, pesantissimo, che ha regalato i tre punti a Mattia Perrotti e compagni.

domenica 14 dicembre 2008

Apre Raso, chiude Migliorelli : il Boville batte la Villacitrese


Vittoria del Boville di mister Perrotti che batte due a uno la Villacitrese seconda in classifica. Partita divertente quella disputata sul sintetico del Montorli con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto con numerosi capovolgimenti di fronte ed emozioni da una parte e dell'altra.
In avvio mister Perrotti che era costretto a rinunciare a Maffucci acciaccato e schierava i due nuovi arrivati Lucchese e Brustolin con Migliorelli nelle vesti di rifinitore alle spalle di Raso e Carlini. Dopo appena quattro minuti era proprio l'ex attaccante di Latina e Ferentino a griffare la rete del vantaggio dei padroni di casa : Migliorelli saltava un avversario e pennellava un cross dalla fascia sinistra sul quale Raso saltava più in alto di tutti. La reazione dei biancocelesti però non tardava ad arrivare e cinque minuti più tardi Steri aveva sui piedi la prima palla gol del match ma De Angelis era bravo a metterci una pezza. L'appuntamento con il pareggio però era soltanto rimandato ed appena quattro minuti più tardi quando Cordelli vedeva il movimento di Trotti e lo serviva con il contagiri, l'attaccante sardo si presentava davanti a De Angelis e lo infilava sul palo più lontano. Dopo l'avvio scoppiettante il ritmo calava alla distanza ma la gara era divertente con il Boville, costretto nel frattempo a rinunciare a Raso per infortunio, più intraprendente e pericoloso prima con un tiro dalla lunga distanza di Migliorelli e poi sugli sviluppi di un calcio piazzato di Carlini che costringeva Floris agli straordinari. Nella ripresa il copione non cambiava anche se la prima occasione era di marca biancoceleste con Manzo bravo a pennellare un calcio piazzato per Mancosu che si alzava più in alto di tutti ma la sua inzuccata trovava la risposta di un attento De Angelis che si rifugiava in angolo. Il break del Boville arrivava qualche minuto più tardi con Brustolin che provava a pescare il jolly dalla lunga distanza ma era ancora la Villacitrese a far vedere le cose migliori ed al minuto numero venti sfiorava il raddoppio con una bella combinazione tra Mancosu e Steri che mancava di un soffio la deviazione vincente. L'assedio dei sardi però continuava prima con un affondo di Mancosu che serviva ancora Steri sul quale De Angelis era provvidenziale e poi con un tiro dello Steri che, dopo uno slalom in area ciociara, stampava il suo destro sulla parte alta della traversa. I sardi non riuscivano a capitalizzare le occasioni costruite ed al trentasettesimo era Migliorelli a punire la retroguardia di mister Mereu spingendo in rete, con la porta praticamente vuota, un cross di Minelli deviato dalla difesa biancoceleste. Il vantaggio galvanizzava la squadra di Perrotti anche se Mancosu, appena due minuti più tardi, aveva sui piedi la palla del pareggio ma mancava di un soffio il bersaglio grosso. Dopo il pareggio contro il Ferentino una trasferta amara per la Villacitrese in Ciociaria mentre per il Boville può mettere fieno in cascina utile per raggiungere con qualche giornata di anticipo l'obiettivo salvezza.

venerdì 12 dicembre 2008

Domenica la presentazione del libro di Cardamone


“Supplici e Amazzoni” è il titolo del libro di Alfonso Cardamone, un grande scrittore di poesia e saggistica, che verrà presentato domenica 14 dicembre alle ore 10.30 nella Biblioteca Comunale di Boville Ernica. Si tratta del penultimo appuntamento della stagione Autunno Culturale 2008..
Interverranno oltre all’autore, Alice e Severo Lutrario.
Entrare nella complessa prospettiva di un mondo arcaico di poeti e artisti che generarono i fermenti e le basi della nostra cultura occidentale significa riandare alle radici stesse delle parole e delle immagini in cui siamo immersi. E' un viaggio di ricerca attraverso suoni e figure che hanno costruito nel tempo l'asse e le modalità del nostro sentire, vedere e comunicare…Il lavoro a tasselli modulari fungibili a livello storico-letterario viene composto e sviluppato qui in una scrittura leggera non nozionistica, aperta a riferimenti e comparazioni di tono colloquiale, assai utile a un primo approccio a una materia così densa, articolata e carica di metafore nonché di complessità lessicografiche.

Boville Calcio, tutto pronto per la Villacidrese


Mentre il calciomercato continua a tenere banco in città il Boville di mister Fabrizio Perrotti ha ripreso gli allenamenti in vista della gara casalinga contro i sardi della Villacidrese di domenica prossima. Impegno difficile quello contro i sardi di mister Mereu che continuano la ricorsa al Tavolara capolista nonostante il mezzo passo falso di domenica scorsa contro il Ferentino, bravo ad imporre il pareggio a Figos e compagni in terra sarda. Ma se da una parte il mercato ed il piano varato dal presidente Tonino Capogna per tagliare i costi per la stagione in corso rischiano di distrarre Iozzi e compagni dalla gara di domenica, dall'altra è il dirigente Mario Carnevale a chiedere ai rossoblu una prestazione importante e degna di nota anche perchè ad eccezione della Viterbese, finora al Montorli battere il Boville non è stato semplice per nessuna delle formazioni anche più blasonate del girone. La speranza della società quindi è quella di fare leva sul fattore campo per risollevare le sorti e soprattutto una classifica inferiore a quelli che erano i programmi o meglio i buoni propositi dell'estate appena trascorsa. Sul fronte del mercato il diesse Caldaroni ed il presidente Tonino Capogna sono ancora sulle tracce di un centrocampista e di un difensore e tra i vari nomi circolati c’è anche quello di Manolo Ripa che ha iniziato il campionato proprio con la maglia rossoblu prima di accasarsi a Terracina. Tra i movimenti in uscita invece il centrocampista Mereu è vicino all’accordo con un altra formazione ciociara, il Morolo.

mercoledì 10 dicembre 2008

Boville Calcio : parte Manoni, arriva Minelli


La sconfitta contro l'Astrea di domenica scorsa ha lasciato con l'amaro in bocca il Boville di Perrotti che dopo il pareggio casalingo contro il Guidonia non riesce ancora a trovare la continuità di gioco e soprattutto di risultati necessaria per risalire dai bassifondi della classifica. A tenere banco all'interno della società di porta San Nicola è comunque il mercato di riparazione con la società che sta lavorando per rinforzare il parco giocatori a disposizione. Alla vigilia della gara contro i biancazzurri romani infatti, ha lasciato il club di Porta San Nicola anche il centrocampista Manolo Manoni il cui nome va ad aggiungersi alla lista dei partenti insieme a quelli del baby Iervolino e del portiere Maiorani mentre è ancora da definire la situazione di Corrado. Proprio Manoni comunque, uno degli elementi più esperti della rosa anche se nel Boville, forse a causa di problemi fisici non ha mai entusiasmato, sarebbe la prima vittima illustre della politica di austerity con conseguenti tagli ai rimborsi varata dal nuovo presidente Tonino Capogna. Restano da definire ancora un paio di situazioni legate al rimborso pattuito ad inizio stagione dal vecchio presidente Gianni Milani ma, a meno di clamorosi colpi di scena, non dovrebbero esserci rivoluzioni dell'ultima ora. Non soltanto partenze ma anche qualche arrivo perchè al posto dell'ex centrocampista di Taranto ed Ascoli è arrivato Simone Minelli che fino a qualche giorno fa vestiva la maglia giallorossa del Guidonia. Ma l'ex tiburtino potrebbe non essere l'ultimo dei nuovi arrivi: si attendono infatti altri due giocatori per infoltire una rosa che sembra non essere più competitiva come settimane fa. Il presidente Capogna ed il dg Caldaroni starebbero valutando l'inserimento di un mediano e di un difensore centrale in grado di andare a ricoprire il ruolo, all'occorrenza, di Mancini e Frioni, giocatori che Perrotti conosce benissimo avendoli allenati quando vestivano ancora la maglia del Ferentino. L'obiettivo stagionale della società ernica resta comunque quello di una salvezza tranquilla che consenta di programmare nel migliore dei modi la prossima stagione ma fino a questo momento, complici anche i diversi problemi dovuti al travagliato terremoto societario, la stagione del Boville non è sicuramente all'altezza delle aspettative della tifoseria e delle cifre importanti investite dalla società dall'inizio del campionato. Nella foto, la gioia per la promozione dello scorso giugno : quest'anno le feste rischiano di essere soltanto un ricordo.

martedì 9 dicembre 2008

Radio Boville, tra presente e futuro


E' finita. Dall'altra parte dell'Atlantico, dove il mondo corre molto piu veloce di quando succede al di qua, Chicago Tribune e Los Angeles Times hanno chiuso a doppia mandata i portoni delle redazioni mentre il New York Times, che aveva annunciato in pompa magna l'ipotesi di chiudere in anticipo con la carta stampata passando al web, ha ipotecato la proprietà del grattacielo sulla Ottava Avenue per rastrellare sul mercato circa trecento milioni di dollari. Segno evidente che la crisi si è abbattuta in maniera pesante, pesantissima sul mondo dell'editoria. E' il segno dei tempi, il segno di una rivoluzione in atto, il prezzo da pagare alla modernità.
Con questa notizia, che era nell'aria da tempo, che inizia il nuovo corso di Radio Boville, un diario serio ma non troppo delle cronache del nostro borgo. Ad indicare il nuovo corso, sinonimo di tagli alla redazione, non c'è nessuna novità, a parte la veste grafica ancora in via di definizione e la decisione di tornare al vecchio indirizzo, quello dal quale la nostra avventura è iniziata un anno e mezzo fa. Conversano terzino, Milani presidente e Rotondi sindaco appartengono ormai al nostro passato : il futuro invece è quello che ci proponiamo di raccontare. Con un occhio attento, a tratti provocario e speriamo ironico. Come la vecchia Radio Londra. Insomma, con il Boville in serie D, i comunisti nel palazzo, l'edilzia in crisi e la Bovillense seconda in classifica, Radio Boville rinasce dalle sue ceneri. Dopo troppi mesi di abbandono, con una linea editoriale nuova di zecca e una valigia piena di idee. Alcuni già battono la strada ed altri arriveranno. Forse. Magari proprio qui, puntuali come l'organetto di L'sandrino Paparun'c.

giovedì 4 dicembre 2008

Auditorium, via libera dal consiglio


Torna il sereno all'interno dell'amministrazione Fabrizi. Il consiglio comunale di martedi sera infatti si è concluso con l'approvazione del progetto che riguarda la possibilità di costruire un auditorium a ridosso della scuola media, opera questa che aveva suscitato i primi, passeggeri, mal di pancia all'interno della maggioranza. Sala consiliare praticamente deserta e seduta archiviata in meno di un ora, giusto il tempo di dare il via libera ad un opera che è ancora in attesa di avere il via libera da parte della Pisana e che, nel caso venisse realizzata, vedrà la compartecipazione del Cieb, il consorzio delle imprese edili di Boville. Ad aprire i lavori della seduta il sindaco Piero Fabrizi che ha illustrato all'assemblea i dettagli del progetto e soprattutto il carattere strategico di un opera che andrebbe a colmare la cronica mancanza di una struttura di questo tipo a ridosso del centro storico cittadino. "La realizzazione di auditorium a ridosso del centro storico e della scuola media è un idea che è stata subito accolta con entusiasmo sia dalla cittadinanza che dall'amministrazione comunale - ha commentato il primo cittadino - in un primo momento comunque abbiamo preferito lavorare sul progetto di recupero del mattatoio comunale che aveva raccolto un consenso maggiore tra i nostri cittadini. Ci è sembrata la scelta più opportuna ed in linea con quelle che sono le linee guida di un bando che andrà a finanziare interventi ed opere sul territorio discusse insieme con tutti i cittadini". Tra le prerogative del bando che prevede un impegno economico da parte della Pisana c'è anche la compartecipazione alla realizzazione dell'opera da parte di un soggetto privato che in questo caso sarà, appunto, il Cieb. "L'impegno da parte dei privati in questo senso è un segnale importante - ha più volte ripetuto Fabrizi nelle ultime settimane - la disponibilità di un gruppo di imprenditori del paese conferma l'attaccamento alla nostra terra e la volontà di creare valore e migliorare la qualità della vita dei residenti. Inoltre stiamo attraversando un momento difficile per l'economia e quindi anche le casse della pubblica amministrazione non sono molto floride". Favorevole anche l'opposizione che aveva votato per la realizzazione dell'auditorium anche nelle sedute precedenti

Milani vicino all'acquisto della Lupa Frascati?


E’ancora nel mondo del calcio il futuro di Gianni Milani. Il presidente del Boville Calcio che si è dimesso dall’incarico nello scorso mese di settembre lasciando il testimone nelle mani di Tonino Capogna e secondo alcune voci, negli ultimi giorni, si sarebbe avvicinato alla Lupa Frascati. Il richiamo del prato verde quindi sembra essere più forte dei dissapori e delle difficoltà emerse negli ultimi mesi alla guida del sodalizio blugranata. Subito dopo aver rassegnato le dimissioni da numero uno del Boville, alcune voci lo davano vicino a fare il suo ingresso nel Terracina, società che milita nel campionato di Eccellenza e dove, tra gli altri militano Mancone, Martinelli, Giacco, Gatti e Ripa, tutti giocatori protagonisti della trionfale cavalcata con la maglia blugranata la stagione scorsa. “L’idea di tornare ad investire nel calcio mi piace - ha confermato lo stesso imprenditore edile di Fontana Rosa raggiunto al telefono - con la dirigenza della Lupa Frascati c’è stima e rispetto ma è prematuro parlare di un interesse anche se l’idea, come ho detto in precedenza, potrebbe essere interessante”. Qualora la trattativa dunque andasse in porto Milani si ritroverebbe ad incrociare la spada con il suo Boville, stavolta da avversario.

martedì 2 dicembre 2008

Mister Perrotti ottimista dopo il pareggio con il Guidonia


Un solo punticino, buono per il morale e, soprattutto, per la classifica. E' questo il magro bottino ottenuto dal Boville Ernica di mister Perrotti nella gara casalinga contro il Guidonia di domenica scorsa, grazie al pareggio firmato dalla punta Migliorelli in piena zona Cesarini. Per i blugranata, reduci dalla confortante vittoria sul campo del Monterotondo sette giorni prima, doveva essere la partita della verità, quella che, almeno nelle intenzioni della società, avrebbe dovuto confermate il buon momento della squadra, attesa ora da una trasferta difficile sul campo dell'Astrea. "Sono contento del carattere con cui i ragazzi hanno affrontato questa gara - ha commentato Fabrizio Perrotti, alla quinta stagione in serie D dopo aver guidato Ferentino ed Isola Liri - certamente ci aspettavamo qualcosina in più, soprattutto per quanto riguarda una classifica che è ancora piuttosto corta. Finora abbiamo sempre offerto un buonissimo calcio e, forse escludendo la Viterbese, finora non abbiamo incontrato nessun avversario che ci ha veramente messo in difficoltà". Sulla stessa lunghezza d'onda anche il presidente Tonino Capogna, che proprio in settimana aveva chiesto alla squadra una prova di maturità. "Contro il Guidonia di Feretti abbiamo fatto una discreta partita : loro venivano da una striscia di sei risultati utili consecutivi e sono in un ottimo momento, soprattutto come condizione fisica". In coincidenza con il mese di dicembre poi si aprirà anche il mercato di riparazione, mercato nel quale il Boville dovrà mettere a segno almeno un paio di operazioni in entrata per rinforzare una rosa ridimensionata dopo le dimissioni di Milani e la crisi successiva che rischiava di far sparire un Boville che si stava appena affacciando alla porta del grande calcio. "Abbiamo intenzione di migliorare l'organico, sia in termini di quantità che di qualità. Seguiremo quelle che saranno un pochino le indicazioni dell'allenatore ma soprattutto stiamo cercando di ridiscutere gli accordi economici con gli attuali componenti della rosa, una decisione questa assolutamente in linea con il momento che sta vivendo l'economia e soprattutto il mondo del calcio".

Punteggio tennistico tra Bovillense e Strangolagalli


Punteggio tennistico per la Bovillense di mister Pellegrini che supera gli Azzurri Strangolagalli nel match di sabato pomeriggio al Montorli. Successo rotondo per la squadra biancoceleste che raggiunge cosi in classifica il Carnello e si prepara ad affrontare con le vele spiegate il difficilissimo impegno sul campo del Real Castelliri che nell'ultimo turno ha battuto proprio Landolfi e compagni.
Primo tempo equilibrato con Valentino Paglia e compagni bravi a tenere in mano il pallino del gioco ma quasi mai pericolosi dalle parti di Luciani : la prima azione pericolosa della partita era di marca baucana e portava la firma di Davide Fratarcangeli che raccoglieva una sponda dell'ariete Luffarelli e con un diagonale dal posizione defilata provava cercava, senza fortuna, il secondo palo. A rompere gli equilibri ci pensava nella ripresa Rocco Cocco, alla seconda rete
stagionale dopo il gol nel derby contro l'Hot Ice Boville. Lo Strangolagalli provava ad abbozzare una timida reazione ma i ragazzi di mister Pellegrini mettevano in cassaforte il risultato con un tocco sotto porto di Valentino Paglia. A firmare le altre reti dell'incontro ci pensavano Diego Berardi, autore di una splendida tripletta al rientro dopo un lungo infortunio e Simone Venditti che infilava ancora la difesa ospite con un contropiede nel finale. Tre punti importanti che valgono il secondo posto in classifica ma soprattutto confermano le qualità messe in mostra nelle prime uscite della stagione. Tutte le informazioni sulla storica formazione di Boville che sta per compiere quaranta anni dalla fondazione sono disponibili sul sito internet, www.bovillense.com

domenica 27 luglio 2008

Lorenzo Jovanotti al Casaleno, un concerto " baucano"


E'trascorsa una settimana esatta dall'arrivo di Lorenzo Jovanotti a Frosinone per il “Safari Tour”. Per l'esibizione del cantante, che nella scorsa primavera ha firmato una delle sue canzoni con una stella della musica mondiale come Ben Harper, al Casaleno sono corsi in novemila. Molti dalla Ciociaria, tanti dalla provincia di Latina e numerosi anche da Roma. Resta il problema delle strutture e della sicurezza ma l'organizzazione di eventi del genere è sicuramente una delle lacune più vistose della terra ciociara. Non tutti sanno però che a far arrivare Lorenzo Cherubini a Frosinone è stata un organizzazione che ha sfidato un pochino la burocrazie e certi luoghi comuni che da sempre condizionano certi eventi in Ciociaria. Un organizzazione, è giusto sottolinearlo, che parla baucano. Motivo in più quindi, per sperare che nella prossima estate qualcosa del genere si possa organizzare al Montorli.

Zarrelli incontra le squadre di D inserite nel girone sardo


Si è svolta presso la sede del Comitato Regionale Lazio a via Tiburtina, nel corso della quale il presidente Zarelli è stato a colloquio con i rappresentanti delle società laziali di Serie D, per definire alcuni dettagli della prossima stagione. Presenti all'incontro, anche il presidente della LND Carlo Tavecchio e Luigi Repace, Responsabile per gli incontri tra la LND e le società dilettanti, che ha dichiarato "Abbiamo voluto incontrare le società per tranquillizzarle sul futuro del prossimo campionato. Abbiamo ascoltato le loro esigenze e sicuramente sapremo presto rispondere con degli interventi adeguati. L'organizzazione e la composizione dei gironi potrebbe essere nota già dai prossimi giorni.". Per quanto riguarda la prossima stagione, le squadre laziali saranno inserite in un girone che comprenderà anche le compagini provenienti dalla Sardegna (come già accaduto nello scorso campionato). Le società laziali si sono divise: pareri distanti sul possibile girone bis con le sarde.

martedì 22 luglio 2008

Wi Max, fate il vostro gioco


Dopo l'assegnazione delle frequenze, con le varie sorprese che l'asta ha riservato e il colpaccio di Ariadsl, il destino della nuova mega-rete wireless non ha avuto impennate di chiarezza, anzi, se ne sa davvero poco.
Sul mercato sono apparse delle offerte "pre-Wimax". Per rimanere su Ariadsl, in attesa del debutto della nuova tecnologia, per poco meno di 35 euro al mese viene proposto un collegamento basato su un'antenna e un router di rete, entrambi forniti dal provider.
In realtà, il mercato ritarda perché la tecnologia WiMax in Italia non ha ancora una regolamentazione ufficiale. Eppure, nel delicato momento che il Paese sta vivendo, quello dello sviluppo delle comunicazioni e delle relative infrastrutture tecnologiche è un nodo cruciale, da sciogliere quanto prima. L'Italia è indietro rispetto alla media europea sia per diffusione delle tecnologie xDSL che per quelle basate su fibra ottica, e uno dei gangli sta nei conflitti tra i vari provider e l'ex monopolista Telecom.
In tema di comunicazioni, da qualche tempo si assiste infatti ad un radicale cambio di abitudini dei consumatori. E per le aziende, la questione di fondo non è la connettività Internet, ma l'antica eppure attualissima linea telefonica fissa. Che, vista nell'ottica delle comunicazioni Voip (basate completamente su Internet) appare ormai strumento del passato, ma resta di importanza primaria per ogni operatore, che infatti include sempre un'offerta "voce" nei propri pacchetti.
La guerra del wireless parte quindi dal vecchio "doppino" analogico e dall'erosione che le nuove tecnologie apportano al mercato della telefonia tradizionale. Un sistema Wimax a regime al 100% lascia infatti il campo aperto a tutte le piattaforme Voip disponibili già oggi, creando quasi dal nulla un mercato completamente nuovo. Capace di inglobare quello vecchio, oberato peraltro da spese di mantenimento fisico - la rete di telefonia fissa ad esempio. Ma ormai molto lontane dal futuro, dipinto giorno per giorno dalle nuove possibilità tecnologiche

domenica 20 luglio 2008

QUALE AMMINISTRAZIONE ?

scan (000000)

Non è la prima e non sarà l'ultima volta, c'è da scommetterci. Anche oggi sul giornale "Ciociaria Oggi" un assessore comunale ha esordito il suo articoletto spot così: "Nelle precedenti amministrazioni di centro-sinistra è stato fatto molto per soddisfare i bisogni dei cittadini, ma molto ancora bisognerà fare oggi per rispondere alle esigenze della società". O non conoscono la realtà loro, oppure sono diventati (o lo erano già due mesi fa) neo-comunisti i vari PAGLIA, PICARAZZI, SALSIRI, PALUZZI E VENDITTI ! No perchè se a quanto pare ad amministrare il comune c'è una giunta di centro-sinistra, o avete preso in giro i vostri elettori, oppure prego, abbiate il coraggio di mostrarci in anteprima la tessera del PD.

giovedì 17 luglio 2008

Zeppieri presidente dell'Asi. Boville nel consorzio?


La telenovela della presidenza dell'Asi di Frosinone si è conclusa con l'elezione alla presidenza di Arnaldo Zeppieri. Il costruttore di Veroli infatti, già presidente della Confindustria di Frosinone, ha ottenuto il via libera dalla politica e prepara ad inaugurare una nuova fase all'interno dell'ente industriale. Nel discorso d'insediamento comunque Zeppieri ha parlato di opportunità, rilancio e di posti di lavoro in una terra in cui la progressiva deindustrializzazione, iniziata negli anni novanta e proseguita nell'ultimo lustro, sembra mettere in ginocchio la già fragile economia. Tra le novità poi ci sarà anche il probabile ingresso di Boville, magari tra qualche mese, nell'Asi di Frosinone. Ma l'amministrazione Fabrizi non doveva essere quella della tutela e della valorizzazione del territorio? E allora che cavolo c'entrano le fabbriche, sempre in prospettiva e sempre che qualcuno venga qui a costruirle ovviamente, con il nostro paese? Avere degli insediamenti produttivi nel nostro territorio è comunque una cosa buona, intendiamoci ma siamo sicuri che alla fine non si vada a creare l'ennesimo carrozzone a cui il nostro paesino, finora rimasto fortunatamente fuori da certi sporchi giochi della politica, sarà costretto ad accordarsi costringendo i cittadini a tirare fuori soltanto quattrini?

martedì 15 luglio 2008

Di Cosimo trionfa nel rally di Ceccano


Il pilota bovillense Tonino Di Cosimo entra nella storia del rallysmo centromeridionale aggiudicandosi per la quinta volta il Rally Città di Ceccano, gara valida per il Challenge Italia Rally. La competizione, organizzata dal Random Team, ha avuto tutti gli ingredienti per un grande spettacolo agonistico, con tanti e qualificati piloti al via, una lotta serrata per le posizioni di vertice ed un affluenza record di pubblico sulle prove speciali. La cronaca della 23a edizione del rally ceccanese vede subito scatenarsi un promettente testa a testa nella prima prova speciale tra Di Cosimo (Punto Abarth S2000), Sulpizio (Clio S1600) e Bucciarelli (Peugeot 207 S2000), divisi da una manciata di decimi. Nella seconda prova però Mario Sulpizio incappava in una foratura che gli faceva perdere oltre 40’’ mettendolo fuori dai giochi per la vittoria. Così la sfida rimaneva limitata al ceccanese Francesco Bucciarelli che però, nella quarta delle dodici prove in programma, incappava in un sasso che procurava la rottura della sospensione e il successivo ritiro al controllo orario.
Così a prenderne il testimone nel ruolo di anti-Di Cosimo è stato il concittadino Gianni D’Avelli, incoraggiato dai successi nella sesta ed ottava ps. La coppia Di Cosimo-Crescenzi però stroncava sul nascere ogni velleità di D’Avelli con un deciso rush finale. A completare il podio tutto ciociaro ci pensava il campolese Mario Sulpizio, dopo una eccezionale rimonta che lo portava nel finale a precedere il capitolino Rendina (Mitsubishi), vittima di una foratura e l’ottimo Ezio Palombi.
(Il Messaggero)

venerdì 11 luglio 2008

AL VIA BOVILLE ETNICA 2008

 logo

Facciamo ballare la terra !!! Questo lo slogan che accompagna la settima edizione di BovilleEtnica, la rassegna di musica e danza popolare che presenta quest'anno finalmente un degno programma. Si parte venerdi 11 luglio con i FEBBRE QUARTANA alle ore 21.30 presso Piazza S.Angelo passando per gli ALLA BUA in concerto previsti per sabato 12 e concludendo la bellissima tre giorni con i VEN'TRUPEA finalisti al Folkontest 2008. Sono previsti inoltre numerosi passatempi pomeridiani e preserali. Altre informazioni su www.bovilleetnica.com . Questa settima edizione quindi è appuntamento  ovviamente da non perdere per gli amanti del divertimento e della buona musica popolare. Tutti a Boville quindi questo week-end...per un paese tarantolato!!!

giovedì 10 luglio 2008

Incidenti sul lavoro, la piaga della Ciociaria


Ennesimo incidente sul lavoro, con una dinamica che sempre più spesso si ripete e che questa volta, fortunatamente, ha lasciato ferito ad un polso con un leggero trauma cranico E. V., un giovane diciannovenne di Boville Ernica, residente in via Torretta, poco prima della popolosa frazione di Casavitola. Il giovane è caduto rovinosamente a terra, nella tarda mattinata di ieri, sbattendo a metà tra il suolo cementato e un cumulo di masserizie sottostanti, dall'altezza di circa cinque metri, mentre era su di un ponteggio, allestito all'esterno di una villetta, a pochi metri dalla sua abitazione, per poter verniciare la facciata della stessa. Tanta la paura degli altri operai accorsi alle sue grida e immediato l'arrivo dei carabinieri della locale stazione e dell'ambulanza del 118 sul luogo che ha prelevato il ragazzo e lo ha trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Umberto I di Frosinone.
Dopo i vari e tempestivi accertamenti, tra i quali le radiografie seguite poi da complete ecografie, l'equipe medica ha riscontrato una frattura del polso e un leggero trauma cranico, procedendo successivamente al suo ricovero nel reparto di ortopedia del nosocomio del capoluogo in osservazione ancora per due giorni, come da prassi, immobilizzando l'arto per poi procedere alla relativa ingessatura.

mercoledì 9 luglio 2008

Domenica il convegno sul sarcofago paleocristiano


Finalmente qualcuno nel nostro paese torna a fare cultura e si apre un piccolo ma importante spiraglio nella valorizzazione dei tanti piccoli tesori gelosamente conservati a Boville.
Domenica 13 luglio infatti alle ore 11.30, presso la sala consiliare del comune di Boville Ernica si terrà il convegno sul sarcofago paleocristiano, conservato nella chiesa di San Pietro Ispano, a cura della dottoressa Elisa Canetri, autrice dell'omonima monografia. Il sarcofago fu rinvenuto nel 1941 da alcuni contadini a Sasso, lungo le sponde del fosso Rio in quello che era, con tutta probabilità, uno dei primi insediamenti nel nostro territorio in epoca romana.
Al termine la dottoressa effettuerà una visita guidata all'interno della chiesa di San Pietro Ispano.

giovedì 3 luglio 2008

Rassegna culturale in biblioteca

Si apre giovedi 24 luglio 2008 la rassegna culturale “INFINITI VIAGGI IN…FINITE TERRE”, organizzata dalla Biblioteca Comunale di Boville Ernica in collaborazione con BIBLIOMANIA (Società per i servizi bibliotecari e culturali). La prima serie di incontri verterà sul tema “Il chiostro: un microcosmo di emozioni” e avrà luogo proprio presso il Chiostro del Palazzo Comunale di Boville Ernica. Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere le risorse artistico-culturali delle nostre terre attraverso il concetto di “viaggio”, nella sua accezione metaforica, attraverso la scoperta di punti di contatto, similitudini, contraddizioni, diversità. Il titolo “Infiniti viaggi in… finite terre” sintetizza le finalità che la rassegna intende raggiungere agendo operativamente sul territorio. La rassegna, che si sviluppa lungo l’asse della cultura delle differenze o delle differenti culture diventa, allora, un luogo di confronto e di partecipazione di anime, corpi e menti; con la volontà ed esigenza di conoscere loro per riscoprire noi stessi. La rassegna vuole dare voce a quelle “forme d’arte” con cui entra in contatto con la consapevolezza di non rappresentarle come eventi folkloristici o sopravvivenze ad un destino crudele ma come reale vissuto della cultura “altra” stessa, conscia della ricchezza che ne può derivare quando si attiva un vivace processo sincretico di scambi reciproci.

mercoledì 2 luglio 2008

Verrelli,i campi da tennis e l'adeguamento del Montorli


Gli Europei di calcio sono finiti con la vittoria delle Furie Rosse e noi non abbiamo avuto il piacere di poter ammirare le partite al maxischermo tanto sbandierato dalla gouche baucana in occasione dei mondiali di Berlino. Ora inizia Wimbledon e nonostante le chiacchiere ed i mega progetti della politica locale noi non abbiamo i campi da tennis. Li aveva costruiti il vecchio sindaco Verrelli e il primo a far pagare i ragazzi per fare una partita fu l’allora amministrazione Mastrantoni. Ma non è finita perché a sfasciarli completamente fu l’amministrazione Rotondi per quello che doveva essere un mega progetto o se preferite un progetto molto "baucano". Risultato : un miliardo ed ottocento milioni spesi senza che sia stata asfaltata la seconda via di fuga e senza che fossero sistemati i due campetti da tennis. In pratica, quando amministrava Verrelli a Boville i campi da tennis c’erano e funzionavano bene, quelli che sono arrivati dopo di lui li hanno distrutti. Abbiamo fatto parecchi passi avanti non c’è che dire. Se l’amministrazione dovesse accendere un mutuo per la sistemazione della tribuna (cosa improbabile perchè loro sono quelli dei settecento miliardi di finanziamento a fondo perduto) e rimettere mano al Montorli sistemi quell'indecenza che si puo ammirare qualche metro piu in basso. Ma ci pensate? Un sindaco che si era fermato alle elementari costruì a Boville i campi da tennis quando Borg non si era ancora sposato con la Berte e McEnroe aveva ancora il ciuccio, quelli con la laurea e quelli che capiscono tutto loro li hanno sfasciati. La cosa buffa poi è che non hanno alcuna intenzione di sistemarli.

martedì 1 luglio 2008

Parte il bando per assumere vigili urbani


Finalmente. Approvato il bilancio comunale l'amministrazione comunale ha finalmente deciso di mettere mani al portafogli e rimpolpare l'organico dei vigili urbani. L'intenzione è quella di offrire un servizio qualitativamente più adeguato nel periodo estivo a tutti i residenti ed ai visitatori del paese. La graduatoria delle persone che faranno domanda sarà valida per tre anni. Sarà quindi un’occasione di arricchimento e di crescita anche umana, non solo professionale, soprattutto per i giovani studenti, che, durante l’estate, potranno espletare un servizio di alta responsabilità verso l’intera collettività di Boville.
Tutti gli interessati possono trovare qui il bando.
Potrebbe essere il primo spunto di riflessione interessante per creare anche a Boville qualche opportunità di lavoro per i giovani e gli studenti. Vero, dottor Piero?

lunedì 30 giugno 2008

Holly in Brasile ed il Monet perso all'asta


Sono tempi duri per il patron del Boville, Gianni Milani. Il numero uno rossoblu che ha condotto la squadra in serie D al termine di una trionfale cavalcata nelle ultime settimane ha dovuto incassare un due di picche da Oliver Hatton, il protagonista del popolare cartone animato giapponese che, prima dell’arrivo di Toto Schillaci nella terra del Sol Levante, ha lanciato il calcio made in Japan. “Grazie Boville ma voglio il Brasile” ha commentato il fantasista autore della rovesciata piu lunga della storia. Ma non è l’unica tegola caduta dalle parti di Fontana Rosa. Il vulcanico presidente infatti ha perso un Monet all’asta da Sotheby's, a Londra. Glielo abbiamo fottuto noi di Radio Boville per fargli capire con chi ha a che fare. Ora aspettiamo donazioni dai lettori per completare l’acquisto : dobbiamo arrivare a 40 milioni di sterline ed abbiamo già sfondato quota 18 euro. Siamo stati dei profeti anche per quello che sta accadendo nel Boville Ernica Calcio?

sabato 28 giugno 2008

Il Boville Ernica "corteggia" Holly


Ronaldo avrà una figlia. In omaggio alle sue recenti performance, la chiamerà Rodolfo. E’in questo arcano più che nelle manovre che vedono i vari Milani, Perrotti e Carnevale in giro per tutto il centro Italia alla ricerca disperata di talenti della pedata la spiegazione di questo momento che si sta vivendo nel Boville. Siamo seri. Perché la dirigenza rossoblu sta lavorando per portare a Boville due baucani doc, il portiere Lisi, la scorsa stagione al Morolo e Giacomo Iozzi, centrocampista del Cassino di mister Grossi con ottimi trascorsi anche ad Isola Liri. Il nome che più stuzzica la fantasia invece è quello di Laurent Amassoka, punta camerunese del Pomezia e protagonista anche nel Montichiari in eccellenza qualche anno fa. L’attaccante di Younde infatti quest’anno ha messo a segno un consistente bottino di reti e ricorda nei movimenti il connazionale Samuel E’too che veste un'altra maglia blaugnata, quella del Barca. Nelle ultime ore invece notizie non confermate vogliono Milani e soci vicini all’ingaggio di Oliver Hatton, protagonista della celebre serie tv. Sembra che sia proprio lui l’ideale sostituto di Conversano.

venerdì 27 giugno 2008

Euro 2008 al capolinea. Ed il maxischermo?


Dagli Europei siamo usciti mestamente, perdendo con la Spagna. Torna il senor Marcello Lippi e si torna all'antico. E noi con la memoria torniamo alla trionfale cavalcata di Berlino quando, due anni fa, i pedatori italici portavano a casa il quarto titolo mondiale della storia ed il segretario dell'allora Ds, Giampiero Di Cosimo invocava a furor di popolo un maxi schermo in piazza per esultare ai miracoli di Buffon ed alle discese sulla sinistra di Grosso. Di acqua sotto i ponti ne è passata un bel po', Nesta e Totti hanno abbandonato la Nazionale e Iaquinta boccheggia per trovare un posto nella Juventus. Ma del maxischermo a Boville si sono perse le tracce e Di Cosimo, ora che l'amministrazione comunale è cambiata edil vento va a favore, se ne sta zitto e buono. Forse l'improvvisa passione per il pallone italico è andata scemando, forse era solo propaganda. Nella foto Alessandro Del Piero, in arte Achille. Un altro che una volta sceso in campo avrebbe dovuto fare sfracelli ma abbiamo visto tutti come è andata.

giovedì 26 giugno 2008

Sbarca il Late Show. Firmato da Nicola Milani


Ogni paese che si rispetti ha il suo show. E' per questo che a New York, negli studi della Cbs va in scena il Late Show di David Letterman e noi a Boville ci dobbiamo accontentare del consiglio comunale. Ma lui se ne è andato sbattendo la porta e minacciando le dimissioni. Si è concluso cosi l'one man show del nostro presidente del consiglio, Nicola Milani, con il colpo di scena finale tanto atteso. Tutto questo, dopo aver strizzato l'occhio a Rotondi per l'intera durata del consiglio comunale e dopo aver bacchettato il sindaco Piero Fabrizi tacciandolo di populismo neanche fossimo a Caracas, residenza del altermondialista Chavez. Ma guarda un po a chi mi tocca fare il secondo avrà pensato in cuor suo Nicolino, capogruppo della Dc baucana da quando era ancora in fasce, ideatore e fondatore della Banca Popolare del Frusinate e sindaco del borgo a trenta anni. One man show dicevamo. Con tutti, o quasi, i consiglieri comunali scuri in volto dalla rabbia nel vedersi concedere o negare la parola da un presidente dell'assise tanto saccente, che sciorina ordini del giorno e detti popolari con tanta grazia. Forse è stato il modo migliore per ringraziare Rotondi che al termine della sua corsa chinò la schiena per votare l'istituzione di una presidenza del consiglio pure a Bauco (poi a che cavolo serve nessuno l'ha ancora capito). Dicevamo dei mal di pancia dei consiglieri della maggioranza. Ma poi di cosa si lamentano? Valli a capire certi politici. Dal buon Nicola stanno copiando tutto, in particolare lo stile puntiglioso, saccente e la retorica poco sinistroide e vagamente berlusconiana oltre naturalmente alla straordinaria, devastante,epica capacità di creare ad arte qualche bufala elettorale come quella dei settecento miliardi di finanziamenti che avrebbero portato a Boville quando invece l'unica cosa che hanno saputo fare è stata quella di mettere le mani nelle tasche dei baucani per racimolare un miliarduccio delle vecchie lire. Meditate gente, meditate. Ironia a parte comunque, in ossequio al CaW, Milani ha dato esempio grande correttezza istituzionale.
Nella foto, gli studi del David Letterman Late Show.

sabato 21 giugno 2008

Fabrizio Perrotti è il nuovo allenatore del Boville


Sarà Fabrizio Perrotti il nuovo allenatore del Boville Ernica. La società di porta San Nicola, che si prepara quindi ad affrontare il primo campionato di serie D della sua storia, ha scelto quindi uno dei tecnici più promettenti e preparati in circolazione. Ad annunciarlo, poche ore dopo la chiusura dell'accordo che legherà l'ex centrocampista del Frosinone alla società rossoblu, è stato il presidente Gianni Milani, entusiasta dopo la chiusura di questo importante accordo sul quale sarà costruito il Boville del futuro. Perrotti, che nel suo breve ma prestigioso curriculum, conosce benissimo il campionato di serie D avendo centrato prima i play off e poi una storica salvezza con il Ferentino ed avendo fatto molto bene negli anni precedenti anche sulla panchina dell'Isola Liri.
La decisione per certi versi inaspettata è arrivata come un fulmine a ciel sereno ed ha scosso tutto l'ambiente sportivo della cittadina. Le strade di Perrotti e del Boville erano sul punto di incrociasi anche nello scorso inverno quando Milani, che aveva appena rimosso dall'incarico mister Fraioli, si lascio andare ad apprezzamenti significativi verso il tecnico che allora era ancora tesserato con il Ferentino e che quindi non poteva sedere su un altra panchina. Il Boville poi ha ingaggiato Barbabella centrando la serie D anche grazie a diversi gol pesanti messi a segno da Mattia Perrotti, figlio dell'ex canarino che nel frattempo era tornato sulla panchina della società gigliata centrando la salvezza nonostante la traballante situazione societaria ; ora le strade tornano ad incrociarsi. "Abbiamo scelto Perrotti perchè ritengo che sia un allenatore giovane, serio e preparato – ha commentato a botta calda il presidente Milani – è il nostro primo anno in serie D e quindi credo sia importante l'esperienza e la grinta di un tecnico che ha voglia di emergere ma che conosce molto bene la categoria". Il Boville quindi sceglie "il Principe" per un ruolo da regina in serie D.

venerdì 20 giugno 2008

Boville calcio: Rinviata la festa promozione

pamela_prati_364b La festa del Boville calcio per la promozione in serie D che si sarebbe dovuta tenere questo sabato presso lo stadio Montorli è stata rinviata. Si terrà secondo quanto appreso dallo staff della squadra del patron Milani probabilmente sabato  28 giugno prossimo. Confermata la presenza della show girl Pamela Prati.

giovedì 19 giugno 2008

WI-MAX, si parte subito da Terracina.

Abbiamo ricevuto numerose email dai nostri lettori che ci chiedevano di aggiornarli sull'evoluzione del WI-MAX, argomento a noi molto sensibile. Ebbene si, procede tutto abbastanza bene, seppur con qualche ritardo causato dalla solita burocrazia italiana. Ma la novità più promettente per noi utenti finali è che oltre alla città di Bari e all'area metropolitana di Brescia il basso Lazio rientra oggi tra le zone indicate per l'inizio delle trasmissioni in WI-MAX. Alcatel-Lucent è stata scelta da Linkem – uno degli operatori di riferimento nella larga banda wireless – per realizzare una rete Wimax 802.16e-2005 chiavi in mano nel Lazio. Sarà Terracina, in provincia di Latina, il primo comune ad essere coperto dal servizio.La sperimentazione partirà in queste settimane e a sperimentazione conclusa, circa un mese se l'esito sarà positivo, la copertura WI-MAX sarà allargata a tutto il basso Lazio. La commercializzazione vera e propria partirà quindi intorno a fine Agosto inizio Settembre. L’utente potrà scegliere tra diverse tipologie di fruizione: dall’antenna esterna da montare sul tetto di casa, soluzione che garantisce la ricezione del segnale anche a grande distanza dall’antenna centrale, alla scheda per i pc portatili,che consente elevate prestazioni in mobilità, al piccolo dispositivo casalingo che si può poggiare sulla scrivania. Tutto questo a quanto sembra a costi più bassi delle attuali offerte di banda larga.

mercoledì 18 giugno 2008

Convocato il consiglio comunale

comune Boville Ernica

E' stato fissato per il tardo pomeriggio di lunedì prossimo il consiglio comunale per discutere il bilancio di previsione, il prezzo di cessione delle aree fabbricabili e le comunicazioni, interrogazioni e interpellanze. Per quanto riguarda i debiti fuori bilancio, si è conclusa pochi giorni fa la relazione del collegio di revisione contabile dell'Ente, il quale ha duramente sanzionato la precedente amministrazione a causa della delibera della Giunta dell'ottobre scorso con cui si è apportato una variazione di 227mila euro al bilancio comunale. Questa delibera non è stata mai ratificata dal consiglio come  invece prevede la legge ed è stato uno dei cavalli di battaglia, nella recente campagna elettorale dell'ex consigliere della Rotondi, Americo Picarazzi. Sembra finire quindi l'ormai purtroppo famosa odissea dei conti pubblici di Palazzo Simoncelli con la speranza che si possa tornare a fare qualcosa di costruttivo per il borgo.
Infine la seduta sarà importante anche perchè dovrà essere affrontato, speriamo in modo saggio, il problema dell'adeguamento del campo da calcio Montorli alle esigenze della serie D, categoria nella quale la squadra del patron MIilani è stata promossa domenica scorsa.

Boville in serie D, le immagini

Ecco alcune immagini della festa al Matusa dopo l'esaltante vittoria contro l'Aprilia. Intanto l'appuntamento per tutti i tifosi e gli appassionati del Boville calcio è fissato per sabato prossimo allo stadio Montorli. Madrina d'eccezione per la serata la showgirl Pamela Prati.

Boville Mattia Perrotti e Luca NardoneBoville Danilo Capogna

 Boville piccoli tifosi

Boville squadra

Boville Enzo Giacco

domenica 15 giugno 2008

Una doppietta di Giacco vale la serie D


Storica impresa del Boville di mister Barbabella che supera l'Aprilia nella finale play off disputata la Matusa di Frosinone. Un successo storico che spalanca al Boville le porte della serie D, un successo arrivato in maniera rocambolesca e con un finale eroico da parte dei ciociari che hanno chiuso la gara in otto ma che sono stati bravi, bravissimi a fare la guardia alla porta di Paduano. La prima occasione della gara era di marca pontina con Sannino che riceveva palla da Corsetti ed era bravo a girarsi lasciando sul posto Martinelli ma il suo diagonale era impreciso e terminava sul fondo. La squadra di mister Staffa era brava a pressare il Boville a centrocampo lasciando poca libertà di manovra a Rtipa e Leoncini e cosi il Boville era costretto ad innescare le punte con lanci lunghi dalla difesa, copione che questo già andato in scena nella gara d'andata. A rompere gli equilibri del match però, ci pensava ancora Enzo Giacco che al ventiquattresimo sfruttando una clamorosa disattenzione del portiere ospite che battezzava fuori un calcio di punizione dalla lunga distanza ma l'errore di valutazione costava caro a Cipriani che, immobile, vedeva il pallone infilarsi alla sua destra facendo esplodere la curva del Matusa, per l'occasione colorato di rossoblu. I padroni di casa, galvanizzati dal vantaggio, si gettavano in avanti alla ricerca del raddoppio con Lillo che provava a pescare il jolly dalla distanza ma ilo suo destro finiva direttamente in tribuna. Sul capovolgimento di fronte però l'Aprilia tornava a farsi pericolosa e Mancone, in collaborazione con Martinelli, era costretto a sbrogliare la matassa sradicando il pallone dai piedi di uno sgusciante Sannino. Il Boville schierato da Barbebella concedeva poco allo spettacolo ma era una squadra cinica e spietata e cosi al minuto trentanove, quando il direttore di gara accordava un calcio piazzato per atterramento di Gatti al limite dell'area : sul dischetto andava di nuovo Enzo Giacco che disegnava una palombella che andava ad infilarsi sotto il sette della porta pontina. n avvio di ripresa poi era ancora la squadra di Staffa a premere sull'accelleratore con il nuovo entrato De Luca che trovava un tiro cross sul quale Paduano era costretto agli straordinari. Il Boville non ci stava ed appena due minuti piu tardi si affacciava ancora dalle parti di Cipriani con Giacco che, sfruttando una leggerezza di Ardia, si trovava sui piedi la palla per chiudere i conti ma preferiva la soluzione di potenza a quella di precisione costringendo l'estremo difensore pontino a rifugiarsi in angolo. Al decimo il Boville era costretto a fare a meno di Lillo, espulso per somma di ammonizioni ed i pontini, in superiorità numerica, si spingevano in avanti per dimezzare le distanze e ci andavano vicini al minuto numero quattordici con Corsetti che andava via a Mancone e lasciava partire un diagonale che Paduano respingeva con i piedi. L'Aprilia aveva in amno il pallino della manovra e metteva il Boville alle corde con Di Giorgio bravo ad infilarsi nelle maglie della difesa ciociara ma sfortunato dal momento che la sua conclusione si stampava sulla parte alta della traversa. Qualche istante dopo però il direttore di gara espelleva anche Leoncini costringendo il Boville a finire in nove : il coach romano provava a serrare i ranghi inserendo Capogna ma era ancora una volta Paduano a venire chiamato in causa dal nuovo entrato Reccolani con un rasoterra a fil di palo poco prima della mezz'ora. I pontini, in superiorità numerica si spingevano in avanti ed al trentaduesimo Montella, al termine di una mischia, non riusciva ad inquadrare lo specchio della porta rossoblu. Il direttore di gara allontanava dal terreno di gioco anche Martinelli per un fallo di reazione ma il Boville, con le unghie e con i denti difendeva eroicamenteil risultato che vale un posto nella storia sportiva della città, ora protagonista in serie D.

IL BOVILLE CALCIO IN SERIE D!!!

Al Matusa di Frosinone si impone per 2 a 0 contro l'Aprilia e conquista la sua prima e storica promozione in serie D!!!
Complimenti a tutta la squadra!!!
A tra poco per l'analisi della partita

venerdì 13 giugno 2008

La Santarelli, lo strip della Ferilli. E se vince il Boville..


In principio fu Sabrina Ferilli ad improvvisare uno strip per la vittoria dello scudetto della Roma. A dirla tutta, l'anno precedente, durante la festa per la conquista del tricolare da parte dei cugini della Lazio i fortunati aquilotti poterono ammirare il favoloso decoltè di Anna Falchi prima che dventasse la signora Ricucci. Storie di donne e di uomini. E di calcio. Peccato allora che negli anni d'oro la Fiorentina targata Batitusta non abbia portato in riva all'Arno il tricolore perchè, forse, alla collezione delle topoline che si mostrano senza veli un po' per fede un po' per finire in copertina dei giornali sportivi, si sarebbe aggiunta anche Valeriona Marini.
Ora, per ingannare l'attesa prima della gara contro la Romania, è stata Elena Santarelli a promettere di mostrarsi senza veli per la gioia dei fotografi. Curiosa coincidenza, quando hanno saputo dello strip anche la numerosa comunità rumena in Italia si è tinta subito la faccia d'azzurro ed hanno iniziato ad intonare Fratelli d'Italia. Ma poi la bionda Santarelli ha subito fatto subito marcia indietro. “Figuriamoci se mi spoglio per una partita di calcio” ha replicato seccata la bionda di Latina. Ma se domenica il Boville vince lo spareggio e conquista la serie D... chi ci mostra le sue grazie? Tra mistero e rimpianto, ecco il vero rammarico di non avere una tifoseria organizzata.

Arriva l'Aprilia, Barbabella carica i suoi


"Siamo arrivati in fondo alla competizione, abbiamo fatto un ottima stagione. Ora ci manca soltanto una gara per trasformare un ottima annata in un annata vincente!". E' questo il commento di mister Barbabella a poche ore ormai dall'ultima e decisiva gara della stagione che si disputerà domenica allo stadio Matusa di Frosinone. "Contro l'Aprilia - continua ancora l'ex baby prodigio della Lazio – sappiamo di giocarci qualcosa di importante, qualcosa che la società, la città e questo gruppo ha voluto fortemente superando anche momenti difficili in cui sembrava che le cose non giravano per il verso giusto". Tutto pronto insomma per domenica con il Boville che vuole portare a casa il risultato contro una squadra, l'Aprilia dell'ex Sora ed Ascoli, D'Ainzara, che certo non verrà a fare due passi in Ciociaria. Per quanto riguarda la formazione, Barbabella dovrà fare a meno di Pessia e dell'ex attaccante del Frosinone Gianni Testa, fermo per tre settimane dopo la distorsione rimediata sul campo dell'Aprilia nel primo round della doppia finale play off. Ancora in forse il mediano Lillo, fermo ai box da quindici giorni a causa di una contrattura. Non ci resta allora che incrociare le dita sperando che questa sia davvero, come ha ripetuto il coach, l'annata vincente. Poi potremmo dare il via ai festeggiamenti oppure.. consolarci con un'ottima annata.
In entrambi i casi, qualunque sia il risultato, il nostro staff si offre volontario per l'acquisto di una bottiglia di Chianti.

lunedì 9 giugno 2008

Il settore giovanile del Boville gemellato con la Lazio


Tribune gremite e grande giornata di festa per la scuola calcio del Boville che ha festeggiato lunedi scorso la storica affiliazione alla scuola calcio della Lazio organizzando un quadrangolare tra le formazioni giovanili sul tappeto sintetico del Montorli. Per festeggiare la fine della stagione e soprattutto l'affiliazione con il settore giovanile della Lazio di Claudio Lotito i responsabili del settore giovanile del Boville hanno voluto invitare alcune delle migliori formazioni giovanili della regione come l'Ariccia, una rappresentativa ciociara oltre ovviamente ai ragazzi del Boville e gli "aquilotti" della Lazio. Una grande festa dello sport quindi che ha avuto come grandi protagonisti i bambini della scuola calcio che si sono divertiti, dalla mattina fino al tardo pomeriggio, a rincorrere il pallone sul prato del Montorli dove gioca anche la prima squadra che proprio il giorno precedente aveva battuto il Città di Castello, in Umbria. Un bella iniziativa insomma che potrebbe portare valore aggiunto al nostro settore giovanile : senza farsi illusioni (capito?), il calcio è prima di tutto uno sport. Ed è bello proprio per questo.

domenica 8 giugno 2008

Zero a zero tra Boville ed Aprilia

Finisce zero a zero il primob round della finale play off tra l'Aprilia ed il Boville. Soltanto un pareggio a reti bianche, arrivato al termine di una gara bella ed a tratti spettacolare con l'Aprilia che ha dato l'impressione di avere più benzina nelle gambe e che ha costruito le occasioni più importanti del match ed un Boville, che è uscito fuori nella ripresa, bravo a difendere lo specchio della porta di Paduano. Verdetto rimandato alla gara di ritorno, tra sette giorni in Ciociaria anche se in avvio era il Boville con Gatti che, a pochi secondi dal fischio d'inizio, sfruttava una sponda di Di Battista e lasciava partire un destro potente ma fuori misura che finiva a lato. La risposta dei padroni di casa arrivava tre minuti più tardi con Mafferri che provava a pescare il jolly con un diagonale da posizione defilata ma il tiro del capitano biancoceleste trovava soltanto l'esterno della rete. Al minuto numero otto invece era Corsetti a convergere al centro ed a chiamare Paduano ad una difficile deviazione in angolo su un destro potente e preciso. L'Aprilia premeva sull'accelleratore ed al tredicesimo era Sannino a guadagnarsi gli applausi del pubblico di casa stampando un destro potente sul palo della porta di Paduano, complice anche una disattenzione della difesa ciociara. Il Boville faticava ad entrare in partita ed i padroni di casa erano bravi a tenere palla ed al minuto numero ventiquattro era Montella a sganciarsi ed a scodellare in mezzo un cross per l'accorrente Corsetti ma la sua inzuccata terminava sul fondo. Il Boville però non ci stava ed al quarantesimo provava l'affondo : Gatti andava via sulla sinistra e pennellava un cross per Di Battista ma l'incornata dell'esterno rossoblu finiva a lato di un soffio. Nella ripresa, dopo appena un minuto era Gianni Testa, appena entrato a ricevere palla al limite dell'area al momento del tiro veniva messo giù in area e l'azione sfumava costringendo anche l'ex attaccante del Frosinone ad uscire dal rettangolo di gioco sostituito da Perrotti. Il Boville si chiudeva in difesa ed i padroni di casa erano costretti a provare il tiro dalla distanza prima con Valerio dai trenta metri e poi con Sannino che con un diagonale provava a sorprendere Paduano sul secondo palo ma entrambi le occasioni si spegnevano sul fondo. Mister Staffa provava cosi a mischiare le carte inserendo l'ex sorano D'Ainzara ed Anselmi mentre il Boville prima con Gatti e poi con Giacco, due punte centrali, provava a pungere in contropiede senza troppa fortuna. Il finale era tutto di marca ciociara prima con Ripa che vedeva il movimento di Gatti e lo serviva trovando però la deviazione della difesa pontina e poi con Giacco che non riusciva da inquadrare il bersaglio su calcio di punizione dal limite.

venerdì 6 giugno 2008

1°COMANDAMENTO: AUMENTARE LE TASSE

taxready

"La sinistra ormai sa parlare solo con le tasse", parole di Luciano Ligabue durante un suo concerto. Signori, a Boville è iniziata la restaurazione del grande fratello statalista. Storicamente, è di sinistra l'aumento della pressione fiscale come mezzo per accrescere le funzioni dello Stato (e il relativo potere). Il binomio sinistra tasse sembrava inscindibile, tanto che la tassazione era il termometro per misurare il grado di spostamento o di collocazione a sinistra di una compagine governativa. Sembrava però che tale mentalità avesse abbandonato la maggior parte dei "sinistri pensieri" di questi politicanti...ma...
Ma la nuova amministrazione comunale che si è insediata da ormai due mesi circa ci ha smentito subito. Il frenetico interventismo spicciolo che stanno dimostrando nei loro primi provvedimenti, mossi da chissà quali ideali amministrativi, è quantomeno incomprensibile e ispirato a finte politiche di assistenzialismo sociale e morale. Sembrano invece spinti da un irrefrenabile e morboso desiderio nella gestione della cosa pubblica che li porta ogni qual volta siedano nei banchi di maggioranza di qualsivoglia ente pubblico a mettere le mani indistintamente nelle tasche dei cittadini. Non hanno sentito nemmeno il bisogno di spiegare preventivamente alla popolazione quali fossero questi "inimmaginabili buchi di bilancio" che l'amministrazione Rotondi aveva lasciato in eredità, che al loro primo Consiglio Comunale si sono arrogati il diritto di aumentare la pressione fiscale! Cosa da sempre fastidiosa in epoca di crescita economica, figuriamoci poi di questi tempi! Intelligentemente dopo hanno spostato l'attenzione del dibattito pubblico sulla presunta irregolarità di una concessione edilizia assegnata dalla vecchia amministrazione trasformando il consiglio comunale scorso in una sorta di Hollywood della politica baucana con tanto di manifestanti e magliette di protesta addosso. Mi ricorda il vecchio e ormai lontanissimo governo Prodi che vedeva manifestare in piazza ministri del proprio governo. Che barzelletta! Ancor di più sbalordisce che alcuni esponenti del Pd esterni alla giunta hanno rivendicato per la prossima volta (e si forse non sarà l'unico aumento che ci tocca) un pre-consiglio all'interno del Pd per "decidere" quali "decisioni" dovranno essere approvate dalla giunta comunale in futuro...Certa gente ora che è al "potere" si sente come investita da una sorta di benedizione divina che li innalza ad unici moralizzatori e conoscitori della verità! Sono come dei religiosi estremisti gli eredi del socialismo a Boville. Sembrano vivere di dogmi e vagli a spiegare che non era questo il momento di tassare ulteriormente la gente. Che le famiglie non arrivano più non alla quarta, ma alla terza settimana del mese! Ti risponderanno che il bilancio comunale non era apposto. D'altronde per la loro concezione statalista il cittadino viene sempre dopo l'ente.
Se volevano far dimenticare Rotondi ci riusciranno presto. Ma non in meglio.

martedì 3 giugno 2008

Olio e vino : Boville "studia" Montefalco e Giano nell'Umbria


Si è tenuta domenica scorsa, in concomitanza con la partita del Boville a Città di Castello, la visita di una delegazione dell'amministrazione comunale in terra umbra. La delegazione, guidata dal presidente del consiglio comunale Nicola Milani, aveva come obiettivo quello stabilire una partnership come alcune delle aree più avanzate del paese in termini di accoglienza turistica e valorizzazione del patrimonio enogastronomico. La prima tappa, nella mattinata di domenica, è stata quella di Giano nell'Umbria, paesino con poco meno di quattromila abitanti che può vantare un esperienza ormai ventennale nella valorizzazione dell'olio delle colline umbre e non a caso il sindaco Paolo Morbidoni, è uno dei dirigenti di maggior spessore all'interno del network delle Città dell'Olio a cui Boville ha recentemente aderito. Dopo la visita nella vicina Abbazia di San Felice il corteo si è trasferito a Montefalco, a pochi chilometri da Giano, un altra delle eccellenze nazionali nell'ambito della promozione dell'olio e soprattutto del Sagrantino, uno dei vini più apprezzati in Italia ed all'estero. Dopo un breve escursione per le vie del centro storico, la delegazione è stata ricevuta dal sindaco Valentino Valentini all'interno dell'ormai famoso museo di Montefalco, una realtà che produce cultura dai primi anni novanta e che, a distanza di venti anni, è capace di sostenersi con il solo costo dei tagliandi d'ingresso.

lunedì 2 giugno 2008

Decide Giacco: il Boville espugna Città di Castello


Ci sono voluti i tempi supplementari per decidere chi, tra il Boville ed il Castello Group, avrebbe raggiunto l'Aprila nella finale play off valida per l'accesso alla serie D. Alla fine il Boville ce l'ha fatta, al termine di un match emozionante, grazie anche ad un pizzico di fortuna. E' stata una gara tirata, nervosa ma con sprazzi di buon calcio, almeno fino a qualche minuto prima del finale thriller e della magia di Giacco. Siamo in finale dei play off contro l'Aprila e la serie D è praticamente nostra grazie al meccanismo dei ripescaggi. Nelle prime battute del match erano i padroni di casa a rendersi pericolosi con Cerbella che scodellava al centro un cross per Missaglia ma la difesa ciociara, ben piazzata, faceva buona guardia. Al quarto d'ora i padroni di casa, galvanizzati dal pubblico provavano l'affondo : sgroppata di Missaglia sulla fascia che lasciava sul posto Di Girolamo e serviva un pallone con il contagiri per Bianconi che provava il colpo ad effetto ma la sua mezza sforbiciata finiva sopra la traversa. Cinque minuti piu tardi però i ciociari riuscivano ad imbastire una reazione : su una ripartenza dl Città di Castello infatti Ripa era bravo ad approfittare di una respinta fortuita del direttore di gara e serviva Perrotti che si presentava davanti a Tosti e provava a scavalcarlo con un lob che finiva di pochissimo alto. Il Boville iniziava a prendere coraggio facendo circolare di più la palla sulla linea mediana e provando ripetutamente l'affondo con buoni fraseggi e proprio alla mezz'ora, al termine di una combinazione al limite dell'area tra Testa e Ripa, era Lillo ad avere sui piedi il primo match ma l'ex formiano preferiva la precisione alla potenza ed il suo tiro trovava soltanto l'esterno della rete. Il break dei padroni di casa però non tardava ad arrivare ed al minuto numero trentotto era Filippini a scodellare un cross dalla trequarti sul quale però Missaglia non trovava il tempo della battuta.


Nella ripresa le due squadre soffrivano l'assenza delle due colonne del centrocampo, Batti da una parte e Lillo dall'altra ed anche il ritmo sembrava calare alla distanza tanto che le azioni più pericolose in avvio di ripresa, tutte di marca blugranata, arrivavano tutte da palla inattiva. I ciociari infatti sembravano tenere meglio il campo con mister Cornacchini costretto a lasciare solo Bianconi al centro dell'attacco arretrando Missaglia in raddoppio su Ripa dando scacco a Barbabella che però qualche minuto dopo replicava togliendo l'alfiere Perrotti per la torre Mainenti nel tentativo di creare superiorità numerica sulle corsie laterali. Non succedeva più niente ed il direttore di gara rinviava il verdetto ai supplementari che si aprivano con la rete di Pica al settimo minuto : incornata di Bianconi sugli sviluppi di un calcio d'angolo, respinta corta di Paduano ma il pallone finiva sui piedi di Pica che portava in vantaggio i suoi. Il gol tagliava le gambe al Boville ma Barbabella inseriva Giacco che proprio allo scadere, quando la partita sembrava finita, toglieva le ragnatele al sette della porta biancorossa regalando l'inaspettato pareggio che porta il Boville nell'Olimpo del calcio ciociaro.

Carnevale baucano, atto primo


E se fosse tutta una abile messa in scena? Una sorta di melodramma in salsa napoletana orchestrato da quel manipolo di reduci della Prima Repubblica e recitato, inconsapevolmente, dalla pattuglia di giovanotti saliti fino al palazzo comunale? Diciamocela tutta, quella dei trecento milioni di euro sbandierati in campagna elettorale che l'attuale amministrazione avrebbe portato a Boville facendone una sorta di succursale di Wall Street era solo un enorme menzogna. Ed i fatti, due mesi dopo, hanno dimostrato che Venditti, Paluzzi e compagni sono capaci si di ingrassare il bilancio comunale ma solo triplicando l'Irpef ed aumentando il costo della raccolta rifiuti. E tanto per cambiare, paga Pantalone.
E non è un caso nemmeno il silenzio assordante, in questi giorni, del sindaco Piero Fabrizi, l'unico ad essersi reso conto che non era davvero il caso di mettere le mani nelle tasche dei cittadini togliendogli quei pochi euro che Giulio Tremonti, bontà sua, ci aveva restituito abolendo ici e tasse sugli straordinari. Una volta tanto, insomma, dobbiamo dare ragione a Rotondi quando dice che questi intelligentoni sanno solo aumentare le tasse e poco altro. Come Prodi insomma.
Non vi preoccupate ragazzi, altri due anni ancora e la banda incapaci ci ridurranno con gli abiti pieni di toppe come Arlecchino. A meno l'uomo che abbiamo eletto, Piero Fabrizi, inizi a fare quello per cui l'abbiamo votato : il sindaco. Chiudendo la bocca a tutti quei soloni che ancora raccontano meraviglie dell'Unione Sovietica o dei tempi in cui governava la Dc.

domenica 1 giugno 2008

Città di Castello - Boville calcio . Diretta on line

2006_04_04_podcasterE' la giornata decisiva per il Boville Calcio. Oggi pomeriggio la squadra di mister Barbabella contendera al Group Città di castello l'accesso alla finale dei playoff. Tanti i tifosi che sono partiti, soprattutto con mezzi propri, per seguire il Boville calcio in terra umbra. Per chi però non potesse raggiungere il bellissimo borgo umbro per assistere alla semifinale di ritorno decisiva per l'eventuale approdo in serie D del Boville calcio è possibile seguire in streming la radiocronaca della partita in diretta cliccando semplicemente su questi link: http://onair1.xdevel.com/RVT   oppure    http://s1.mediastreaming.it/7390/listen_aac.asx

PARTITA TERMINATA: FINISCE 1-1 BOVILLE VOLA IN FINALE  !!!!! AL GOL DELLA FORMAZIONE UMBRA SIGLATO DA PICA AL 7' NEL PRIMO TEMPO SUPPLEMENTARE RISPONDE GIACCO IN EXTREMIS NEGLI ULTIMI 15' DI GIOCO. A BREVE L'ANALISI DEL MATCH.

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.