domenica 30 marzo 2008

Tra la serie D e Canale 5 : Radio Boville intervista patron Milani


Quaranta anni a settembre, imprenditore, uomo di sport : ha lasciato il Boville quando ancora si giocavano gli infuocati derby con l'Anitrella per riabbracciarlo alla vigilia delle partitissime con il Latina. Un amore, quello che lega Gianni Milani al calcio del nostro paese che sembra non tramontare mai.
Radio Boville inizia un poker di interviste partendo proprio dal presidente che traccia un bilancio della sua esperienza e ci svela qualche piccolo segreto della stagione che sta per concludersi. Sulla scrivania due pacchetti di Chesterfield, il computer sempre accesso dal quale segue spesso Radio Boville, una pala meccanica in maniatura che è un pochino il simbolo dell'impresa di famiglia ed una cornice con la foto del papà. “Avevo preparato una tabella di marcia ed a marzo mi aspettavo di avere qualche punticino in più – ci racconta subito Milani – ma il bilancio della stagione è senza dubbio positivo perchè abbiamo fatto un campionato di vertice”.
Mancano sei partite alla fine della stagione : Testa e compagni hanno l'occasione di giocarsi una storica promozione in serie D.
“Certo, è una grande occasione per lo sport nella nostra cittadina. Abbiamo investito delle cifre importanti, superiori anche ad altre realtà piu grandi della nostra ma era necessario per colmare il gap che ci separa da queste realtà. Non ci dimentichiamo poi che, rispetto ad altre squadre, noi dobbiamo investire anche sui giovani perchè non abbiamo un bacino al livello di realtà più grandi”.
In questi mesi certe scelte sono state anche criticate dalla gente del paese, Radio Boville compresa.
“Beh, è normale ricevere delle critiche quando si fanno delle cose importanti. Noi abbiamo fatto degli errori soprattutto in avvio di stagione, dettato magari dalla troppa passione con cui abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto però è anche vero che in una realtà piccola come la nostra bisognerebbe pensare in maniera più costruttiva" sbotta il vulcanico patron rossoblu mentre una segretaria gli poggia sulla scrivania alcune pratiche da visionare.
Intervistare Milani non è mai una cosa semplice, mai banale : quasi sempre disponibile, molto spesso è lui a voler scegliere gli argomenti che affronta con un entusiasmo talvolta contagioso ed una diplomazia affinata negli anni, qualità insospettabile in un tipo istrionico come lui. Ma noi tiriamo vanti e proseguiamo nella chiacchierata.
Il pubblico di Boville però non vi ha mai abbandonato. Anzi, ha continuato a seguire la squadra anche nei momenti più difficili.
“Si, abbiamo un pubblico straordinario che ci segue con affetto e con passione. Stiamo crescendo anche sotto questo punto di vista, il calcio sta assumendo piano piano anche quel ruolo sociale che dovrebbe avere sempre”.
Torniamo al calcio giocato e parliamo dei singoli. Quali sono stati i migliori, quali i peggiori e chi, invece, ti ha sorpreso?
“Sicuramente Testa e Ripa che pur non essendo tra i professionisti si sono impegnati ed hanno dato tutto cosi come Lillo, Mancone e Paduano che hanno fatto bene qui a Boville. Poi sono rimasto colpito da Gatto e Martinelli, due giovani di grande valore, due ragazzi straordinari mentre un discorso a parte lo merita Francesco, il nostro custode : uno che non va sui giornali ma che è sempre pronto ed attento, uno che ci mette passione”.
A proposito di giornali, nel Boville di quest'anno c'è anche uno, Giovanni Conversano, che ha portato il paese in tv nella trasmissione di Maria De Filippi.
“Ancora adesso arrivano lettere in sede di persone che ci chiedono di lui. Mi sono emozionato quando ho visto il paese in onda su Canale 5. Quando lo abbiamo preso sapevo che aveva questa corsia preferenziale con la tv e comunque nelle gare che ha giocato con noi ha fatto bene”.
In chiusura, tra due settimane il paese è chiamato a rinnovare l'amministrazione comunale. Gianni Milani vota per Rotondi, per Fabrizi oppure.. se ne va al mare?
“Ma no, ho letto i programmi di entrambe le liste e sono convinto che siano entrambi ambiziosi, vedremo. Per quanto riguarda la squadra, l'amministrazione comunale finora ci ha sempre sostenuto e se andiamo in serie D sarà necessario completare la seconda via di fuga ed una tribuna per gli ospiti e penso che con l'impegno e la passione riusciremo a fare le cose al meglio. Un ultima cosa ancora, voglio ringraziare anche voi di Radio Boville che avete creato uno strumento molto carino , divertente che permette ai visitatori di informarsi, di esprimere le proprie opinioni su internet”.
Noi non possiamo che ringraziare e dargli appuntamento alla prossima. Forza Boville!

martedì 25 marzo 2008

Finalmente i programmi. Karl Marx, i settecento miliardi ed il corso di zagaglia


Insieme ad una Pasqua con Giotto celebrata in tono minore a causa del maltempo, i baucani hanno trovato nell'uovo di cioccolato un gradita sorpresa : i programmi. Smentendo quindi qualche Cassandra paesana che pensava che nessuna delle due liste avesse un minimo di idea riguardo al futuro del paese, dai think tank (termine che fa molto americano, quindi a Bauco è fico chiamarsi cosi) sono usciti questi due singolari libricini.
Dentro c'è di tutto e pure di più. Partiamo con il programma del sindaco Rotondi : manca un riferimento ai giovani del paese e con grande sorpresa, troviamo la creazione di un palazzo della sanità all'interno del centro storico e, udite udite, la richiesta dell'internet veloce. Ma Michael non aveva brindato al progetto del palazzo della sanità al centro già qualche anno fa quando annunciava in toni trionfalistici l'assenso del capitano Storace e della ciurma alleanzina allora sul ponte di comando della Pisana? E l'Adsl non l'avevano già richiesta la bellezza di cinque anni fa tanto che proprio noi di Radio Boville siamo stati rimproverati per questo? Mah. Di sicuro c'è solo una cosa : se l'Adsl arriverà non sarà per merito di questi pasticcioni.
Ed il programma del centrosinistra lo avete letto? Dateci un occhiata per capire che saranno pure diventati Partito Democratico nella forma ma nella sostanza, di certo, hanno perso i politici di vecchio stampo, quelli capaci, quelli alla Verrelli. Non avendo l'accortezza di fare una proposta qualitativamente superiore (e, Credetemi, ce ne vuole..) hanno pensato di rispolverare un cavallo di battaglia di Rotondi che hanno aspramente criticato nei cinque anni d'opposizione : il lancio della ruzzola, il gioco del cacio per intenderci. Qualcuno si ricorda dell'episodio in cui la
trasmissione "Le Iene" è andata ad Alatri a fare un interessante documentario (si, l'hanno chiamato proprio cosi, documentario, stile National Geographic) in cui hanno descritto, a tratti con termini non proprio apprezzabili, questa antica usanza del centro Italia? "E se venivano a Bauco trovavano il sindaco con la zagaglia in mano mentre lanciava la forma.." ridacchiavano quelli della sinistra radical chic mentre si davano allegramente di gomito. Salvo inserire nel programma un quantomeno
improbabile "Campionato Italiano del Lancio della Forma". A cui seguirà sicuramente un corso accellerato con tanto di zagaglia in coccodrillo offerta dal comune. E si perchè d'ora in avanti Palazzo Simoncelli non avrà più problemi finanziari e potrà tranquillamente rinunciare ad Ici, addizionale Irpef e via di seguito. Scorrendo il
programma infatti c'è un passaggio che non deve e non può assolutamente sfuggire : un piano finanziario che dovrebbe portare a Boville la bellezza di 371 (trecentosettantuno) milioni di euro in cinque anni. Quasi quanto Marazzo mette in bilancio per Roma che conta qualche milione di abitanti ed è la Capitale. Noi invece diventeremo una sorta di piccola Montecarlo con gli yacht attraccati giù al fosso Rio ed una funivia con le sedie placcate in oro per condurre gli Ignavi turisti nel Financial District. Tutto questo almeno fino al quattordici di aprile ; quando l'alba spazzerà via il Baucan Dream ed al posto di Wall Strett continueremo ad avere il vecchio Lavatoio. I sogni talvolta si avverano, talvolta no.

domenica 23 marzo 2008

Pasqua con Giotto, manifestazione in corso

DSCF1092

Buona partecipazione,nonostante il tempo davvero inclemente, alla tradizonale manifestazione pasquale del nostro paese "Pasqua con Giotto" organizzata quest'anno da Augusto Colasanti. Grande successo hanno riscontrato i NOVA INVICTA, gruppo emergente locale progressive metal, che si sono esibiti all'interno del Palazzo Galluzzi. Successivamente presso il museo civico, alla presenza di una buona platea l'Academy Armellini ha riproposto con successo l'ormai consueto spettacolo musical "Frammenti", composto da brani tratti da Pinocchio, Notre Dame de Paris, e Giulietta e Romeo di Riccardo Cocciante. La manifestazione è tutt'ora in corso e durerà fino alla tarda sera di domani.

Auguri


Lo staff di RadioBoville vi augura Buona Pasqua !!!

venerdì 21 marzo 2008

Latina-Boville: verdetto rimandato

Rinviato ancora il verdetto della gara di quindici giorni fa tra il Boville ed il Latina. Slitta ancora la decisione del giudice sportivo che quindi non vuole pronunciarsi ed è in attesa di venire a conoscenza di eventuali sviluppi delle indagini da parte della giustizia ordinaria. In attesa di conoscere il risultato finale della gara in terra pontina patron Milani, dopo la sconfitta contro il Formia domenica scorsa al Matusa ha esonerato mister Barbabella sostituendolo con Gianfranco Ricci, ex tecnico di Fiumicino ed Astrea. Difficile che nelle ultime sei gare si possa vedere la mano del tecnico romano quindi è probabile che all'origine della scelta di sostituire Barbabella ci fossero delle difficoltà interne allo spogliatoio oppure divergenze di vedute con la società. Guardando al calendario comunque il Boville ha la possibilità di fare bottino pieno nel rush finale della stagione e qualora gli venissero restituiti i tre punti ci sarebbe la possibilità, concreta, di poter lottare fino alla fine per la vittoria del campionato d'Eccellenza.

mercoledì 19 marzo 2008

VOTI AZZURRI CERCASI

Manca ormai meno di un mese alle prossime elezioni comunali e tutto lascia presagire un testa a testa fino alla fine. La settimana scorsa sono state presentate le liste. Da una parte Rotondi che ha badato molto all'immagine con tutti i candidati rigorosamente in giacca e cravatta e sottofondo musicale all'insegna dei Pooh (unico segno finora della presenza di Augusto Colasanti nella lista). Cerimoniere della serata è stato l'avvocato Rodolfo Luffarelli. Dall'altra parte invece Piero Fabrizi che ha badato meno all'aspetto prettamente visivo. Onestamente bisogna dire che c'è stata una maggiore e più spalmata partecipazione popolare ad assistere alla presentazione della lista di Fabrizi. Da questa parte il compito del timoniere della serata è toccato a Nicola Milani, a cui va il merito indiscusso di aver ricordato pubblicamente l'anniversario della scomparsa di Aldo Moro. Tra i nuovi candidati, sicuramente più convincenti quelli della lista Rotondi. Apparsi impacciati e poco preparati i new entry di Fabrizi. A proposito non credete sia una grande ipocrisia quella di chi invoca più giovani in politica, senza badare alla qualità di quest'ultimi...a me basterebbe che ci vada gente capace e onesta....anche alla tenera età di 96 anni (vedi lista Grillo).
Comunque la gran parte dell'elettorato a dir la verità sembra aver già scelto a chi dare la propria fiducia. Gli unici indecisi sembrerebbero essere quelli che potremmo definire ormai ex elettori forzisti. Con ogni probabilità saranno loro l'ago della bilancia decidendo se a Palazzo Simoncelli siederà sulla poltrona di sindaco Rotondi oppure Fabrizi. In tutto ciò quindi, un ruolo importante sembra giocarlo, anche se non direttamente, Alberto Paglia.
Il Paglia, schieratosi apertamente con Fabrizi assieme a Picarazzi e Salsiri, è attualmente coordinatore di Forza Italia a Boville e quindi ufficialmente rappresenta la ormai abbandonata creatura berlusconiana. Ma quanti elettori azzurri Paglia riuscirà a traghettare verso la lista di Fabrizi ? A Boville nel 2005 Forza Italia risultò essere il primo partito, e di sicuro i voti saranno tantissimi per il Pdl anche nelle prossime politiche.
L'elettorato azzurro si schiererà maggiormente con Rotondi, dove però è stato in questi anni maltrattato politicamente e poco preso in considerazione, o con Fabrizi, il quale propone una lista che pende fortemente a Sinistra ?
Azzurri, a voi (perchè io ho già deciso...) la scelta, e che Dio ci assista, quello di Arcore si intende...

martedì 18 marzo 2008

E gli facciamo pure organizzare le Olimpiadi..


Il Dalai Lama ha parlato durante un incontro con la stampa a Dharamsala, in India, sede del Parlamento tibetano in esilio. Il leader spirituale accusato dalla Cina di essere dietro alle manifestazioni di Lhasa, ha detto di avere come «unica opzione le dimissioni se le cose vanno fuori controllo». Il governo tibetano in esilio ha reso noto che altri 19 manifestanti tibetani sarebbero stati uccisi martedì nel corso di una manifestazione a Machu, nella provincia del Gansu a nord del Tibet, portando ad almeno cento le vittime «accertate» dall'inizio della rivolta.
Cento morti dicevamo. Tutti uccisi dal regime comunista cinese. Un popolo, quello tibetano, che ormai da mezzo secolo continua a subire le angherie del regime comunista di Pechino che ha deciso anche di chiudere internet da quelle parti evitando una fuga di informazioni.
Nel silenzio, assordante, di tutte le democrazie o presunte tali dell'Occidente.

lunedì 17 marzo 2008

LO SPIRITO DI RADIO LONDRA

"...col progredire della guerra (correva l'anno 1944), sul suolo italiano si diradano i programmi variati e leggeri. Cresce invece a dismisura il numero di messaggi speciali, quelle comunicazioni enigmatiche e affascinanti ("il maggiore con la barba", "la gallina ha fatto l'uovo", "la vacca non da latte") destinate alle forze della resistenza. Oggi tutti conoscono le funzioni di questi messaggi: si riferivano al paracadutare di viveri, armi e uomini, a spostamenti di unità, ad operazioni belliche: ma all'epoca i messaggi erano circondati dal segreto militare più assoluto. Li consegnava in redazione una staffetta motociclistica del Ministero della Guerra; l'annunciatore aveva giusto il tempo di dare un'occhiata al lungo foglio, prima di darsi alla lettura di diecine e diecine di messaggi, con il senso di compiere una mansione di vitale importanza. I messaggi, da poco usciti da una telescrivente militare, spesso inviati da partigiani su una radio da campo, giungevano sovente a destinazione scorretti e persino incomprensibili; e il povero annunciatore doveva cercare di rimediare in qualche maniera, con l'incubo che il suo operato potesse causare una catastrofe..."
Questa era RadioLondra !!
Noi di RB siamo giovani, ragazzi che credono fortemente nella libertà di espressione, nella libertà di stampa, nella libertà in senso assoluto. Ma nello stesso tempo rispettiamo le persone, non abbiamo mai offeso e quantomeno censurato o calunniato nessuno. Per evitare che altri lo facessero, abbiamo anche tolto la possibilità di commentare anonimamente i post. Cerchiamo di fare nel nostro piccolissimo, un pò di informazione, mai di parte. Abbiamo scritto di centro-destra, di centro-sinistra, di calcio, di cronaca, anche di cavolate! A volte abbiamo fatto anche un pò di satira. Abbiamo travestito Rotondi da Gladiatore, il Boville calcio da squadra di spettacolo e basta,assegnato dei finti e carini premi oscar a varie personalità politiche locali... Senza che nessuno mai, avesse avuto da ridire. E per questo le ringraziamo quelle persone,
si sono dimostrate aperte, e intelligenti. Oggi è lunedi, inizia la settimana dopo le presentazioni delle liste. Noi abbiamo assistito ad entrambe. Oggi avremmo voluto scrivere dei post al riguardo. Ma non ci è possibile. Dobbiamo scrivere, purtroppo, altro. E ne siamo molto dispiaciuti.
A noi non sembra di aver sbagliato qualcosa, ma se così non fosse chiediamo scusa. Pubblicamente. Chiediamo però anche che ci venga lasciata la spensieratezza di continuare a lavorare (peraltro con remissioni) al progetto RadioBoville. Progetto che con nostro grande piacere sembra essere apprezzato ( 10.000 visite in meno di 6 mesi, questo è il nostro 100 post!) ma che di fronte a difficoltà esterne e a noi inaspettate potremmo abbandonare.
Abbiamo iniziato con lo spirito di RadioLondra, abbiamo iniziato anche per divertimento. E proprio nei giorni in cui in Cina viene oscurato internet per non far vedere al mondo intero la vile e angosciante repressione del popolo Tibetano..noi di RadioBoville siamo costretti a parlare di libertà...
"La libertà è un dovere, prima che un diritto è un dovere" così scriveva una grande scrittrice.
Ps: nella foto una persona che ha dato la vita per la libertà del proprio popolo. Inoltre chi vuole può ascoltare qui una rarissima trasmissione originale di RadioLondra

domenica 16 marzo 2008

BOVILLE, OCCASIONE SPRECATA

Finisce uno a zero per il Formia di Medoro il big match dell'undicesima giornata tra il Boville di patron Milani e la formazione pontina. La gara, disputata nella cornice del Matusa di Frosinone dopo la decisione della Questura in settimana, è stata ben giocata da entrambe le squadre che hanno offerto un discreto spettacolo con diverse occasioni da una parte e dall'altra. Pernarella si affida alle punte di diamante Volante e Medoro mentre Barbabella tiene in panchina Manolo Ripa e preferisce Enzo Giacco all'ariete cassinate Guido Gatti. Al settimo è il Formia, reduce dal successo in settimana contro il Terralba in coppa Italia, ad affacciarsi dalle parti di Paduano e, dopo aver seminato due difensori avversari, a lasciar partire un destro che finisce di poco alto sulla traversa. Nel Boville l'assenza di Manolo Ripa toglie estro e geometria alla manovra e bisogna attendere il minuto numero ventidue quando Ranaldi impegna Muscedere con un calcio piazzato dalla lunga distanza accordato dal direttore di gara per atterramento di Perrotti. Cinque minuti più tardi invece è Gianni Testa a mandare in temperatura i guanti dell'estremo difensore pontino con un diagonale potente e preciso al termine di una bella combinazione con il macedone Hasa. Ma è solo un break momentaneo perchè i pontini tengono in continua apprensione la retroguardia dei padroni di casa ed è Valente, al trentacinquesimo giro d'orologio, a scodellare un cross al centro per Volante ma Mancone è bravo a chiudere in anticipo. Nella ripresa mister Barbabella prova a mischiare le carte ma al terzo minuto Mattia Perrotti, a porta praticamente sguarnita dopo una mischia, non riesce ad inquadrare il bersaglio grosso. Passano appena cinque minuti ed il Boville ha ancora un altro match ball : atterramento di Testa al limite dell'area, ad incaricarsi della punizione è l'ex Isola Liri Giacco che costringe Muscedere a superarsi e rifugiarsi in angolo. Il Boville preme sull'accelleratore ed al quarto d'ora è Hasa a provare a mettere paura ai pontini con un tipo cross che Muscedere è costretto a togliere dall'incrocio dei pali. Quattro minuti più tardi sono ancora i rossoblu a rendersi pericolosi : angolo di Hasa, mezza sforbiciata di Gianni Testa che trova solo una respinta di un difensore avversario, la palla finisce sui piedi Giacco ma Muscedere fa ancora buona guardia. I ciociari premono per cercare i tre punti ed il Formia punzecchia sempre in contropiede finchè al minuto numero ventotto, con la retroguardia rossoblu mal posizionata, Sanso lancia lungo per Medoro bravo a fare da sponda per l'accorrente Volante che con una rasoiata sul secondo palo batte Paduano. Il Boville prova ad abbozzare una reazione e tre minuti più tardi Di Battista lascia partire un traversone, il controllo di Hasa è difettoso ed il pallone finisce ancora sui piedi di Giacco che fotografa questa domenica sfortunata per il Boville liberando un destro che va a stamparsi sui cartelloni pubblicitari.

sabato 15 marzo 2008

Boville, gara al Matusa

Sarà il Matusa di Frosinone e non lo stadio di Fiuggi come sembrava in un primo momento a fare da cornice al big match del prossimo turno del girone B di Eccellenza. Il Boville di mister Barbabella, preso atto dell'indisponibilità del Montorli dopo le decisioni della Questura, sfiderà quindi Medoro e compagni nella prestigiosa cornice dello stadio della città capoluogo. Sarà l'occasione quindi per Manolo Ripa e Gianni Testa di tornare nel teatro che li ha visti progonisti per tanti anni ma stavolta invece della maglia canarina, vestiranno il rossoblu del Boville. In città intanto inizia a salire la temperatura in vista della delicata sfida contro i pontini che in attesa del verdetto del Comitato Regionale può essere un crocevia fondamentale in questo appassionante finale di campionato."Ci dispiace moltissimo non poter giocare nel nostro stadio, il Montorli, che rappresenta un pochino l'orgoglio sportivo del nostro paese – commenta il presidente Gianni Milani – però poter disputare questa sfida contro una delle pretendenti alla vittoria finale al Matusa ha un fascino unico, speciale : non ci dimentichiamo che giochiamo nello stadio del Frosinone, una squadra seguita con affetto da molti dei nostri compaesani. Per quanto riguarda la partita, dopo i fatti di Latina, mi auguro che si sia prima di tutto correttezza e lealtà in campo e sopra le tribune, poi mi auguro che i miei ragazzi onorino al meglio un palcoscenico importante regalando i tre punti alla società e soprattutto ai tifosi che, sono sicuro, ci seguiranno con affetto e passione". Domenica tutti al Matusa che per l'occasione di vestirà di rossoblu

venerdì 14 marzo 2008

Sarà Rotondi contro Fabrizi. Sanremo giovani, la bandiera rossa ed i sondaggi del Pd


Mancano ormai poche ore alla presentazione delle liste elettorali e, a meno di clamorosi colpi di scena, saranno il primo cittadino uscente Michele Rotondi e Piero Fabrizi a contendersi la vittoria finale. Conto alla rovescia partito quindi con i candidati che stanno iniziando il loro tour elettorale ed i primi manifesti elettorali che colorano la città. Occorre sottolineare comunque che finora di manifesti si sono visti soltanto quelli di Rotondi mentre l'ambiziosa sinistra, impegnata a chiudere l'accordo elettorale con i dissidenti Paglia, Picarazzi e Salsiri, ancora sta lavorando sulla bozza da mandare in tipografia. Dicevamo delle ambizioni della sinistra.
Da ormai un decennio minoranza politica in paese, gli eredi di Togliatti e Gramsci ma sarebbe più corretto dire di Lino Diana ed Alfredo Verrelli, sperano di trovare nell'appoggio dei dissidenti i voti necessari per battere Rotondi.
Ma non sarà facile perchè il rinnovo dell'amministrazione di Palazzo Simoncelli cade in concomitanza con le elezioni nazionali ed il vantaggio del partito anti tasse, almeno a parole, cioè il Pdl di Berlusconi sembra sufficiente a garantire a Rotondi, l'unico che alzerà il vessillo del centrodestra, qualche centinaio di voti che alla fine potrebbe risultare decisivo nonostante qualche candidatura non proprio di primissimo ordine. Dal canto suo invece Piero Fabrizi punta a fare il pieno di voti a Santa Liberata sperando in un sostegno importante nella parte bassa del paese, sostegno che dovrebbe venire da Anna Iaboni, Nicola Milani e Pietrino Venditti. Tutta gente che ambiva alla candidatura e che ha dovuto fare un passo indietro. Siamo solo all'inizio insomma. Di certo, c'è soltanto che comunque vada qualcosa di rosso nella stanza all'ultimo piano del palazzo comunale resterà : occorre solo decidere. Sarà la Bandiera Rossa, pezzo con il quale Alessandrino Paparungi ha annunciato di volersi presentare a Sanremo Giovani (se c'è riuscita la Tatangelo anche lui potrebbe avere qualche chanches..) oppure la cioccia di capelli di Michela Vittoria Brambilla. Una che a scanso di equivoci è andata a cercare gloria parlamentare in Emilia Romagna.

martedì 11 marzo 2008

Paglia, Picarazzi e Salsiri vicini all'accordo con Mister Obama. Terza lista oppure accordo con il Pd?


Nessun candidato di Boville nelle liste per le politiche del quattordici di aprile. Ma questa non è novità. Semmai, l'ennesima dimostrazione peso politico della cittadina, prossima allo zero. La novità, sempre che di novità si possa parlare, è il ritorno sulla scena della politica locale di Paglia, Picarazzi e Salsiri. Ben inteso, i tre oppositori di Rotondi dalla politica locale non se ne erano mai andati. Ma con l'Alcalde Michele da una parte ed l'alleanza tra Piero Fabrizi ed il Pd dall'altra sembravano destinati a dover finire nel dimenticatoio. A rispolverare il trio però ci ha pensato Pietrino Venditti : l'Obama baucan version infatti, dopo aver saputo della scelta del medico di Santa Liberata ha sbattuto la porta ed è andato a cercare conforto nelle braccia di un gruppo di imprenditori del paese ma lo ha trovato in quelle di Paglia, Picarazzi e Salsiri che in evidente difficoltà nel tentativo di mettere su una lista hanno accolto Obama come il salvatore della patria. “We can”, noi possiamo; è stato questo il grido dell'Obama di Scrima mentre cullava l'idea di un alleanza con i tre ex consiglieri di Rotondi che non appena due anni fa avevano fatto faville (Paglia con Fi, Americo con l'Udc e Salsiri con An) per rivendicare la loro appartenenza al centrodestra. “We can” hanno ripetuto durante le loro riunioni. Noi possiamo. Fare una lista oppure fare l'accordo con Piero Fabrizi visto che il tempo a disposizione non è molto e le pecorelle che seguono si sono andate via via sparigliando? A pensarci bene, non importa poi molto. Di idee e programmi per Boville non ce ne sono poi molti ed il copyright, giusti o sbagliati che siano, li hanno a destra Michele Rotondi ed a sinistra Nicola Milani. Ma da Frosinone i poteri forti della politica ciociara che se la fanno sotto quando si tratta di portare in Ciociaria l'aeroporto, vogliono cosi. A destra ed a sinistra. E cosi sia.

domenica 9 marzo 2008

Bomba carta contro il pullman del Boville prima della partita con il Latina. Ferito il mister ed alcuni giocatori


Nel sondaggio che abbiamo proposto questi giorni ai visitatori di Radio Boville, forse pensando che si sarebbe trattato soltanto di una partita di calcio, tra le varie ipotesi non abbiamo preso in considerazione la peggiore, quella cioè che il big match tra Boville e Latina non si sarebbe proprio disputato. E' stato un agguato premeditato, forse frutto della storica rivalità tra la piazza di Latina e quella ciociara. E la rabbia e la violenza dei teppisti, mascherati da tifosi, si è abbattuta sulla squadra del Boville. Circa cinquanta tifosi del Latina, infatti, hanno lanciato di tutto all'indirizzo del pullman del Boville : sassi, mattoni, calcinacci ed una bomba carta che ha mandato in frantumi i vetri che hanno provocato escoriazioni e ferite alcuni giocatori rossoblu ed ai componenti dello staff. “Abbiamo vissuto dei momenti allucinanti” ha commentato mister Barbabella qualche ora dopo il triste episodio. Già all'andata i tifosi pontini si erano resi protagonisti del lancio di un altra bomba carta che era caduta vicino ad un agente di polizia ricoverato per una ventina di giorni in ospedale. Per la cronaca, la partita disputata con circa una mezz'ora di ritardo, è finita con la vittoria per uno a zero dei padroni di casa ma si attende il verdetto della commissione regionale che potrebbe anche ribaltare il risultato a tavolino. Ma è possibile che una partita di calcio, per giunta dilettantistico, debba salire alla cronaca per simili episodi ogni volta? Tra l'altro, la tifoseria del Boville in questi due anni in Eccellenza si è sempre distinta per la sua correttezza e la sua sportività.

venerdì 7 marzo 2008

Houston, abbiamo un problema. Noi a Boville, invece, due


Siamo veramente andati sulla Luna oppure lo sbarco della Nasa sul satellite datato 1969 è soltanto un enorme bufala della propaganda americana (che nello staff dell'agenzia spaziale annoverava decine di scienziati nazisti)? Personalmente, me lo sono chiesto almeno un paio di volte, soprattutto dopo l'11 settembre. Ma questo, in fondo, ha poca importanza.
Il centro storico sta morendo e definirlo un malato terminale è poco più che un eufemismo.
Provate ad andare a fare un giro a Boville. La mattina, il pomeriggio e la sera. A parte qualche turista per caso che, sprovvisto di Tom Tom o diavolerie simili, ci chiede informazioni su questa o quella pizzeria del paese ed i residenti che hanno fatto la fortuna del comparto calzature per le miglia percorse nel tappone dolomitico che da Porta San Nicola conduce fino al Lavatoio, non si vede un anima. Peggio ancora se provate a cercare un locale aperto al pubblico che abbia Sky perchè siete costretti a scendere sulla Rotabile oppure a Scrima, in quelle zone che loro, quelli del centro, chiamano “la campagna”. Le cose non vanno meglio se invece di una partita di calcio volete vedere un film : avete l'imbarazzo della scelta. Ma tra Veroli, Monte San Giovanni e Ripi, tre dei cinque comuni confinanti. Per carità di patria sul mercato della domenica, invece, stendiamo un velo pietoso . Insomma, ma è possibile che in un paese di novemila abitanti con circa millecinquecento persone che arrivano da fuori e prendono d'assalto le pizzerie del centro non ci sia nemmeno un pub o un locale? Se poi parliamo del commercio in generale, le cose vanno ancora peggio perchè qui vantiamo una sorta di record italiano. Va bene l'invasione dei centri commerciali ma in venti anni i negozi di Boville hanno soltanto chiuso. Qualcuno magari si è trasferito ma hanno abbassato tutti le serrande e se facciamo un salto dal disponibile ed affabile Giacomino (epica la foto con tanto di scritta “Luatu tiengua fa” sulla macchina da scrivere, una limited edition Hp, arrivata direttamente dalla Silicon Valley) a dare un occhiata alle carte d'identità dei gestori dei negozi esistenti, tra sei, sette anni al massimo, in paese non rimarrebbero che un paio di negozi. “Per colpa di chi” cantava Adelmo Fornaciari, al secolo Zucchero, qualche anno dopo il concerto a Madonna delle Grazie che lo ha portato dritto dritto ai Music Awards? Dell'amministrazione comunale che non investe abbastanza, delle abitudini di noi che viviamo fuori dalle mura a che abbiamo perso l'abitudine di salire al borgo oppure dei negozianti del centro che appena sentono la parola marketing ti scambiano per un marziano, un omino verde come nel film di Spielberg ad inizio anni Ottanta? Se a Houston, nel Texas, hanno un problema noi ne abbiamo due.

martedì 4 marzo 2008

Stefania Rotondi fa un passo indietro. La Russia, Speedy Gonzales ed in concerti dei mariachi


C'era una volta Speedy Gonzales, il topolino con il gigantesco sombrero che zigzagava tra i campesinos abbioccati in coma da tequila. Sono passati quaranta anni e, come tutti i grandi capolavori, il cartone animato di Pat Boone va ancora di moda.
Le cose meno belle invece durano molto meno. Deve essere terribile quindi immaginare Boville amministrata dal centrodestra come accade in Veneto ed in Lombardia, le aree più avanzate del paese. Ma tanto è e questo rimane. Si perchè della squadra che ha vinto le elezioni del 2003, quella che per la prima volta ha sconfitto l'oligarchia cittadina della sinistra che durava da mezzo secolo non ci è rimasto poi molto.
Alberto Paglia, Americo Picarazzi ed Arcangelo Salsiri sono passati all'opposizione da un pezzo. Carlo Santopadre e Clindo Fabrizi hanno preannunciato di voler rimanere comodi sulla poltrona e nelle ultime ore anche Stefania Rotondi, assessore alla cultura negli ultimi cinque anni, sembra aver fatto un passo indietro dal momento che l'Alcalde Michele avrebbe assegnato l'organizzazione della Pasqua con Giotto ad Augusto Colasanti che dovrebbe scendere in campo proprio con Rotondi alle prossime comunali. Con sei degli undici consiglieri che non si ripresenteranno al suo fianco, la lista Rotondi finisce qui il suo cammino. Magari vince di nuovo le elezioni ma fino a che punto è giusto "sacrificare" una giovane professionista del paese sull'altare della politica? Del resto Speedy, dopo le scorribande nel Texas, varcava sempre i confini come un razzo per tornare nel Messico, tra i campesinos, le lunghissime sieste ed gli estenuanti concerti di mariachi.

lunedì 3 marzo 2008

L'Unione candida Piero Fabrizi. La Trabant, l'addio di Fidel e le primarie fantasma


E' proprio vero, il mondo sta cambiando. E spesso nemmeno noi riusciamo a comprenderne la velocità. Dopo l'abbandono di Fidel Castro a Cuba la notizia è di quelle che fanno sensazione. Ma per la prima volta, da sessanta anni a questa parte, ai nastri di partenza di quella che un tempo era la roccaforte rossa non ci sarà nessun candidato sindaco ex comunista. L'Unione infatti ha scelto il suo candidato ed è il medico Piero Fabrizi. Uno che non è mai stato comunista ma ha avuto da sempre la coerenza di essere socialista (e non è poco con i tempi che corrono) anche quando il Garofano non era più di moda. Certo, a proporlo o forse imporlo sono stati i vari Antonio Gugliemi, Rocco Dalmazia ed Orlando Cervoni. Tutta gente cresciuta con il bavaglino rosso con incisa la scritta Urss e l'Unità tradotta dal cirillico sottobraccio (per un giretto con la Trabant prenotare). Ma che importa, anche a Cuba l'ottantunenne Fidel ha passato il testimone al fratellino minore, l'appena settantasettenne Raul. E poi non venite a lamentarvi che sono vecchi i politici italiani!!
Quanto a Piero Fabrizi, sarebbe stato carino se insieme al candidato ci avessero presentato anche una qualche bozza di programma. E che avessero fatto votare tutti gli iscritti al partito invece che i soli componenti del direttivo. Ma, recita un adagio del vecchio dittatore Castro "les electiones me fanno girar los cojones". Claro?

sabato 1 marzo 2008

Election day o caos day ?

L’election day si avvicina e la politica “baucana” si mostra speculare a quella nazionale, soprattutto nelle sue degenerazioni: tutto deve cambiare per far sì che tutto rimanga com’è! E questo sembra essere l’unico vero monito, lo slogan taciuto ma condiviso, che taglia trasversalmente tutti gli schieramenti da Milano alle isole, passando ovviamente per la città dell’Angelo di Giotto. Nascono nuovi partiti, nuovi simboli, che riuniscono vecchi e nuovi amici, vecchi e nuovi nemici, si studiano alleanze, il totocandidati imperversa. C’ è chi corre da solo, ma strizza l’occhio a possibili intese, pre o post elettorali, per assicurarsi una stabile governabilità, c’ è chi corre in compagnia per andare sul sicuro, tutti comunque corrono per vincere… ma chi corre per il paese? Anche in una cittadina di 9.000 abitanti, con poco più o poco meno di 5.000 elettori, la scelta del possibile prossimo Primo Cittadino diviene ardua, un rebus di difficile soluzione. Questo l’affanno del Pd, che stando alle ultime notizie trapelate un po’ di qua e un po’ di là, non sa se correre con la Sinistra Arcobaleno, accettando, forse, chissà, anche una possibile alleanza con il trio di dissidenti: Paglia, Picarazzi e Salsiri. Nella ex roccaforte rossa, la sinistra per vincere deve allearsi con esponenti del Centro Destra e financo de La Destra di Storace? Possibile che sia lo spettro Rotondi, che si ripropone con gli stessi candidati o quasi…, compreso pare il “Re Tentenna” della ormai passata amministrazione, a far così tanta paura?
Quindi, facciamo il punto qual è la Destra, qual è la Sinistra? E si lo so alle amministrative contano i progetti che dovrebbero fare il bene della comunità. Ma in questa frenetica ricerca di possibili candidati e nuove e vecchie alleanze qualcuno ha sentito parlare anche di programmi dall’una e dall’altra parte? E’ così ardito chiedere (a poco più di un mese dalle elezioni) che qualcuno parli di proposte ed idee da realizzare, visto che proprio queste ultime dovrebbero essere determinanti e decisive per strappare all’avversario la palma della vittoria? Proposte che permettano a questo paese di fare un salto di qualità, facendogli dismettere i panni di paese dormitorio (di cui a farne le spese sono soprattutto i giovani), con un centro storico in perenne agonia, con le tante potenzialità disperse ed in attesa di essere valorizzate, con l’assenza pressochè totale di strutture ed iniziative ad uso e consumo della collettività, con una incapacità strutturale a fare sistema. Fare sistema per far sì che i propri punti di forza diventino delle eccellenze, che abbiano un reale ritorno sul territorio. L’impressione è che si si preferisca continuare a crogiolarsi nel clichè che ci vede come una piccola Montecarlo in salsa ciociara, con villoni, auto di grossa cilindrata e … poi… cos’altro? E così al momento l’unico vero spettro che sembra davvero incombere su una campagna elettorale che stenta a decollare è uno solo: il cittadino in cabina elettorale che si ritrova a dover fare i conti con un drammatico vuoto di progetti più che di candidati!

Ma qualcuno sarà in grado di smentire questa desolante profezia, vero?


Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.