sabato 22 dicembre 2012

Al via l'installazione dei pannelli solari alla scuola elementare di Scrima

Sono finalmente partiti i lavori di installazione dei panelli solari nel plesso scolastico De Andrè di Scrima. L’intervento servirà ad ottenere acqua calda ed energia elettrica grazie ad un impianto fotovoltaico di 10 kw. ‘La scuola al primo posto’, è questo il motto dell’Amministrazione Fabrizi che da qualche anno è impegnata in progetti di edilizia scolastica per la ristrutturazione e la messa in sicurezza dei vecchi edifici. I lavori di coibentazione del tetto e di installazione di pannelli solari nel plesso scolastico De Andrè di Scrima sono solo l’ultimo dei traguardi raggiunti dal sindaco Piero Fabrizi che ha deciso di investire sull’efficientamento energetica e sulle energie alternative.

Videocon, parte la mobilità. Messaggio di solidarietà ai lavoratori dal consiglio comunale di Boville Ernica

Solidarietà da Boville in merito all vicenda Videocon. Dopo l'approvazione e la costituzione di una cabina di regia provinciale e la richiesta al Governo dello stato di crisi per la nostra Provincia per far fronte alla deindustrializzazione del nostro territorio, il consiglio comunale di Boville esprime la propria solidarietà ai dipendenti dello stabilimento industriale di Anagni, uno dei più importanti dell'intera provincia. Il capogruppo del PD Anthony Astolfi, nelle scorse sedute del consiglio comunale, ha espresso, a nome di tutto il gruppo consiliare, solidarietà ai 1400 lavoratori della Videocon per i quali la CIGS è scaduta lo scorso quattordici dicembre. Per i lavoratori sono scattate le procedure per la messa in mobilità, in attesa di trovare un altro impiego. Solidarietà ai lavoratori anche da parte dell'associazione culturale Hermes di Boville che ha espresso la necessità di tornare a pensare a provvedimenti per evitare il declino industriale dell'intera Ciociaria.

mercoledì 5 settembre 2012

Difficile la ripresa, Aurelio Regina esprime le preoccupazioni di Unindustria Lazio

«La preoccupazione per i dati 2012 era a noi nota e purtroppo con la riapertura a settembre delle attività economiche, molti nodi stanno venendo al pettine». Aurelio Regina, vicepresidente di Confindustria, commenta i dati negativi dell'occupazione in Italia e nel Lazio. Sulle prospettive future Regina è chiaro: «Ci aspettiamo anche un 2013 faticoso, dove almeno la caduta del Pil sia stata arrestata e si cominci a mettere in piedi una serie di misure per la crescita successiva. Le cose da fare sono abbastanza note: noi abbiamo bisogno che ci si concentri con una politica industriale a livello nazionale, e il Lazio non è differente da questo, che si concentrino quelle poche risorse che ci sono sul fronte della ricerca e innovazione, sul fronte della riduzione del cuneo fiscale. Sul fronte - continua Regina - da una parte di dare in questo momento respiro e reddito alle famiglie che non stanno spendendo e che, inevitabilmente, hanno innescato una morsa difficile da colmare perché i consumi interni sono molto frenati e quindi da questo punto di vista anche la produzione sta rallentando e dall'altra di dare respiro alle aziende, sviluppando con una politica industriale quelle che oggi sono più competitive e quindi facendo leva su quelle che oggi sono in grado di investire in termini di ricerca e innovazione, che sono capaci di mettere prodotti e servizi che siano competitivi a livello internazionale. Sul terzo fronte dotarci di linee programmatiche future per quanto riguarda la semplificazione della pubblica amministrazione e - conclude Regina- per quello che riguarda poi la nostra presenza all'estero».

Amministrazione provinciale, via libera al bilancio

La calda estate del Pdl frusinate, iniziata subito dopo la vittoria del sindaco Nicola Ottaviani a Frosinone e culminata con la richiesta di dimissioni al coordinatore provinciale Franco Fiorito, non interrompe l'iter di approvazione del bilancio di Palazzo Gramsci, sede dell'amministrazione provinciale di Frosinone. Passa quindi il rendiconto di gestione relativo al 2011 e passa anche il bilancio di previsione per l'anno 2012. Dopo quattro ore di consiglio, nella giornata di lunedì, l'assise provinciale ha dato il via al documento contabile, approvato con diciotto voti favorevoli e cinque contrari, quelli di Partito Democratico e Partito Socialista. Vota sì anche Alessia Savo, consigliere eletto nel nostro collegio, quello di Boville Ernica, subentrata in consiglio provinciale nella scorsa primavera a Domenico Marzi. La maggioranza vota compatta, anche se registra qualche assenza "sospetta" al momento del voto, tra cui quella di Fabio Bracaglia, la cui appartenenza alla maggioranza è da tempo non più così scontata ma il documento viene approvato senza patimenti. Certo discussione c'è stata. E non solo tra maggioranza ed opposizione, con botta e risposta spesso scontati e da 'gioco delle parti'. Lo scontro più duro si è infatti registrato tra Antonio Salvati e Silvio Tagliaferri, entrambi del Pdl, in cui sono volate parole grosse e per il quale si è reso necessario l'intervento degli agenti di Polizia Provinciale.

domenica 2 settembre 2012

Atletico Boville, uno pari con la Pro Cisterna

Finisce con un pareggio, uno a uno, il match inaugurale della stagione tra Atletico Boville e Pro Cisterna. Gara equilibrata anche se quasi mai divertente con le due formazioni che hanno espresso un calcio interessante soltanto a sprazzi. La formazione pontina, affidata al tecnico Patalano, è tra le più quotate formazioni del girone mentre il Boville segna il suo ritorno in Eccellenza dopo ben quattro stagioni trascorse nel campionato nazionale dilettanti. Gara equilibrata quindi e punteggio tutto sommato giusto; primo tempo meglio il Boville mentre nella ripresa gli ospiti hanno qualcosina da recriminare per un sospetto fallo da rigore non sanzionato dal direttore di gara quando il Boville vinceva ancora uno a zero.
Primo squillo di tromba di marca rossoblù con Iozzi che guadagnava campo e dal limite dell'area lasciava partire un destro potente ma troppo centrale che finiva tra le braccia di un Sanbucini ben piazzato. Al ventesimo minuto la risposta degli ospiti con un rapido contropiede concluso peró sopra la traversa da Incitti. Il ritmo della gara non decollava anche se era il Boville a tenere in mano il comando delle operazioni con Migliorelli che alla mezz'ora si involava sull'out destro e scodellava in area un pallone velenoso ma troppo alto per l'accorrente Cerroni e dopo un buon controllo al limite di Iozzi il pallone finiva sui piedi di Pierluigi Santopadre ma il suo tiro attraversava tutta l'area di rigore prima di andare a stamparsi sui cartelloni pubblicitari.
Al quarantatreesimo il vantaggio del Boville che approfittava di una carambola in area e del tocco maldestro di Mariti che deviava nella sua porta, alle spalle di Sanbucini, un calcio piazzato di Gianni Testa battuto praticamente all'altezza della bandierina laterale.
Nella ripresa erano ancora i padroni di casa a partire spingendo il piede sull'accelleratore con Cerroni che al terzo minuto provava una deviazione vincente in piena area ma il suo destro finiva alto. Il Cisterna provava a reagire ed al dodicesimo era il direttore di gara a negare ai pontini un calcio di rigore per un sospetto atterramento in area dopo un contatto tra Incitti e Pagnani; l'arbitro ammoniva il centrocampista di Patalano anche se il contatto in piena area, seppur lieve, probabilmente c'era stato. Qualche minuto più tardi erano ancora i pontini a salire in cattedra con Amoroso che saliva più in alto di tutti su un calcio d'angolo di Serone ma la sua inzucchera finiva a lato. Al minuto numero ventitré De Robertis era bravo e fortunato deviando sopra la traversa il calcio piazzato di Suppa, potente ma troppo centrale, battuto dal limite dell'area. Il Cisterna si spingeva in avanti alla ricerca del pareggio mentre il Boville provava a contenere e ripartire, sfruttando gli spazi e la velocità dei suoi cursori esterni. Al ventiseiesimo il pareggio dei biancocelesti di Patalano; cross basso di Iacobacci dalla corsia destra, disattenzione della difesa ciociara che lasciava tutto solo l'accorrente Serone che doveva soltanto spingere il pallone alle spalle di De Robertis per siglare il pareggio.
Il Boville accusava il colpo, mister Fraioli mischiava le carte inserendo Fiorelli ma complice la stanchezza dopo i pesanti carichi di lavoro estivi il ritmo calava alla distanza ed al minuti trentasette era il baby Pierluigi Santopadre a provare a pescare il jolly dalla lunga distanza costringendo Sanbucini alla risposta con i pugni chiusi. Un punto ciascuno quindi con il Boville che martedì si tufferà nel suo recente passato in vista della sfida contro il Morolo dei grandi ex, da mister Perrotti al bomber Carlini.

lunedì 27 agosto 2012

Festa per i sessanta anni del "San Bernardo" a Casamari

L’Istituto “San Bernardo” dei monaci cistercensi di Casamari ha festeggiato nella giornata di ieri i sessanta anni di attività. Nel pomeriggio di ieri infatti si è tenuta una Santa Messa in onore di rettori, presidi ed insegnati. Sorto nel 1952 per impartire ai giovani del territorio una formazione cristiana della vita con insegnamento scolastico secondo i programmi vigenti dell'epoca, oggi l’istituto comprendente di scuola paritaria con medie, ginnasio e liceo classico, offre agli studenti oltre all’insegnamento, un servizio di doposcuola e varie attività ricreative e culturali. Per l’occasione del sessantesimo anniversario nella Basilica dell’Abbazia, l’Abate della congregazione di Casamari, dom Silvestro Buttarazzi, ha celebrato una Messa in cui sono stati ricordati i rettori, presidi e insegnanti scomparsi. Subito dopo un concerto d’organo per ricordare i Padri Anselmo, Alessandro, Arnaldo, Atanasio, Tarcisio e Guido. L’evento è stato arricchito da una documentazione fotografica realizzata dal famoso reporter piemontese Pagnanelli, legato da sincera amicizia ai sacerdoti dell’abbazia verolana. Una cerimonia quindi dai toni sobri che ricorda l'importanza di un istituto scolastico che contribuisce a dare prestigio e valore al territorio ernico da ormai tanti anni.

Atletico Boville Ernica, pareggio nell'amichevole con il Sora

Finisce con il punteggio di uno a uno l'amichevole tra il Sora e l'Atletico Boville Ernica di mister Fraioli, disputata nel pomeriggio di sabato nella cornice dello stadio "Tomei", nella cittadina volsca. I riflettori della sfida, seppur amichevole, erano ovviamente puntati sulla formazione bianconera, attesa tra una settimana esatta dal via del campionato, previsto in anticipo per il Sora sabato prossimo. Tantissimi gli ex in campo, da entrambe le parti. Nel Boville militano ora il difensore Pagnani e l'estremo difensore De Robertis, quest'ultimo particolarmente festeggiato dai suoi ex tifosi che gli hanno voluto dedicare anche uno striscione. Nei bianconeri invece confermata la presenza di Alberto Molinaro, uno dei migliori del match; da sottolineare nella fila della squadra di Castellucci il debutto dal primo minuto il neo acquisto Terra, mentre nel corso della gara fa la sua apparizione anche Pastore, la cui firma dovrebbe essere questione di dettagli. Sora ancora con i muscoli imballati avendo effettuato in mattinata una pesante seduta di allenamento che sicuramente avrà inciso sulla brillantezza degli uomini in campo. Per il Boville invece si trattava di una gara sicuramente più impegnativa dopo i test con Arce, Fontana Liri e Semprevisa. Per tutte e due le squadre è stata una prova tutto sommata positiva, specie nel primo tempo quando hanno giocato le formazioni titolari. Le reti sono state segnate nel primo tempo. Passa in vantaggio il Sora al 15° grazie ad un colpo di testa di Molinaro che beffa De Robertis, pareggia al 25° il Boville grazie ad un guizzo di Cerroni che ruba palla a Terra e si invola solitario verso la porta di Roncone che viene trafitto dal diagonale del centravanti ospite. Questo il tabellino: SORA: Roncone, Berardi, Cancelli, Terra, Iovinella, Barone, Simoncelli, Molinaro, Branicki, Siano, Castellano. A disp.: teoli, Macioce, Mirola, Cirelli, Coluccia Daniel, Cardazzi, Fiorini, Coluccia Manuel, Di Baia, Pastore. BOVILLE: De Robertis, Santopadre, Vitale, Santopadre, diagnè, Pagnani, Migliorelli, Grossi, Cerroni, Iozzi, Testa. A disp: Trulli, Capogna, Nardoianni, Ferrante, D'Aguanno, Paolillo, Fiorelli, Forte. Reti: 15 pt. Molinaro (S), 25 pt Cerroni (B)

Rinasce Radio Boville, la rivoluzione baucana.. via internet!!

Ci eravamo lasciati in un tiepida serata della primavera del 2010, ci ritroviamo ancora qui, a più di due anni di distanza. Tante cose sono cambiate e chissà che qualcuno di voi non abbia sentito la nostalgia di Radio Boville. Ricominciamo, insomma, con l’Italia in piena crisi economica e l’amministrazione Fabrizi che intanto sembra aver perso per strada qualche compagno di ventura con Enzo Perciballi e Benvenuto Fabrizi traslocati nottetempo sui banchi dell’opposizione. E mentre di Anna Iaboni non ci giungono più tracce, è spuntato da pochi mesi anche il partito di Grillo in salsa baucana; tutto il mondo è paese quindi. Nel frattempo, la squadra di calcio del Boville, a cui è stato misteriosamente aggiunto lo spagnoleggiante suffisso Atletico, è da poco retrocessa nel campionato regionale di Eccellenza. Un amarezza mitigata però dal successo dei ragazzi della Bovillense, tornati anche loro nei campionati regionali dopo il successo in coppa. Dopo troppi mesi di abbandono, rieccoci; con una linea editoriale nuova di zecca e una valigia piena di idee. La nascita di Radio Boville L'idea di Radio Boville nasce un freddo giorno del marzo del 2007. L’idea è quella di aprire un angolo di confronto per tutti i baucani armati di modem, dal momento che allora Telecom Italia ci negava la copertura adsl. Tuttora Google tiene una copia dell’atto di fondazione anche se la versione originale - scritta in Algerian su supporto in cartapecora - è conservata a Washington vicino alla dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America. A distanza di qualche anno bisogna riconoscere che l'idea è davvero geniale ed i maldestri tentativi di imitazione non si contano. In men che non si dica il sito inizia la sua avventura su questo remoto recesso di Blogspot ; frattanto, dopo una tristissima, folle, rincorsa al cadreghino ("Io voglio essere usciere di RB!", "Io voglio essere amministratore delegato di RB!", "Io voglio essere capo bidello di RB!"), a furor di popolo un nostalgico del Ventennio veniva eletto Presidentissimo, 6xsempre si beccava l'ambita poltrona di segretario e la testata veniva intitolata alla memoria di Radio Londra, storica trasmissione della Bbc. Fin dall'inizio vengono aggiunte rubriche di informazione e di satira, sondaggi e si assegnano gli Oscar in corrispondenza con la notte che è diventata croce e delizia di Hollywood e per finire si riesce anche ad indovinare con un discreto anticipo la vittoria della lista Fabrizi in occasioni delle tiratissime comunali. Da quel giorno molti sono stati i traslochi. Questo è il terzo domicilio in cui ci fermiamo: dopo una breve permanenza sul già citato spazio offerto da Google, si passa a RadioBoville.com. L’idillio dura poco e per qualche mese RB batte bandiera italiana e trova riparo nello spazio occupato da RadioBoville.it. Per il suffisso finale un po' tutti avremmo preferito “org”, un qualcosa che sa di orgia e di orgoglio. Ma se un giorno non doveste più vederci, o meglio se doveste vedere al nostro posto un sito porno, non pensiate che sia l'ennesima trovata di quei depravati dei redattori. Ricordatelo sempre, Radio Boville ha sette vite, come i gatti e purtroppo come comunisti. Nonostante tutto Rb si è sempre basata sull'entusiasmo di un gruppo di amici che sottraggono del tempo ai rapporti con il gentil sesso per dedicarsi all'Html, ed alla lunga un calo del desiderio (nei confronti del mondo virtuale...) - è piuttosto fisiologico. Intanto il sito prende un taglio decisamente umoristico e sarcastico, ed è lo stile unico nel suo genere a farlo rinascere a nuova vita. E' proprio con questo spirito che Radio Boville copre l'acquisto di Hugo Enninaya praticamente in diretta, accompagna i tifosi nel cuore della querelle pallonara tra Tonino Capogna e Gianni Milani, smaschera il falso scoop dei settecento miliardi di finanziamenti promessi da Piero Fabrizi. La crisi morde, l’euro affonda, le borse mondiali sprofondano e il mondo si chiede: dove vuole arrivare Radio Boville? Alcuni già battono la strada, altri arriveranno. Forse. Magari proprio qui, puntuali come l'organetto di L'sandrino Paparun'c.

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.