venerdì 28 ottobre 2016

Centriglio, terra di suggestioni e tori perplessi

Già, da sempre Centriglio è una terra di suggestioni e di tori perplessi.

E, a proposito di corna, mancano poche ore e potremmo chiedere a Bill Centriglio, per tutti Memmo, le ragioni del tradimento tra lui e Piero. Primo eletto nella lista di Piero Fabrizi, un tempo erano uno l'ombra dell'altro; capitava di incontrarli spesso, insieme. 
Quasi un anno fa la rottura e dopo essersi rifugiato per mesi nel politichese tra poche ore Memmo scenderà nell'arena.


Il discorso, le domande del pubblico, la carta stampata, gli amici sostenitori e le spie inviate dagli avversari. 
E lui, uomo cresciuto a Centriglio, da sempre terra di tori, vestirà gli abiti del matador. Si, come le corride in Spagna. 
In una mano avrà il drappo rosso, nell'altra gli appunti con i quali cercherà di convincere la cittadinanza baucana, inviperita ed impoverita, a votare le tariffe dell'Acea. Non sarà facile.

Chissà se un giorno sapremo la verità sulla rottura tra Piero e Memmo; di sicuro la storia è fatta di strani incroci. Senza Mussolini, ad esempio, non ci sarebbe stato De Gasperi. E mentre negli Usa il vecchio Bill, quello vero, ha lasciato il posto alla moglie, al borgo è successo il contrario con Memmo che ha voluto la scena tutta per sè. 

Ora però i momenti loculliani e di bisboccia sono finiti. L'assemblea organizzata da Bill apre di fatto la campagna elettorale. Piero non ci sarà stavolta, non ci sarà come avversario e non ci sarà come alleato. Non ci sarà nemmeno Anthony Astolfi, compagno (!) di militanza nel sottobosco seguito alla scomparsa della Democrazia Cristiana e tra i papabili avversari. Ma nel frattempo, poco importa. 

Le corride finiscono quasi sempre con gli applausi per il matador ma nell'arena, si sa, ogni tanto i tori giocano brutti scherzi. 


Nessun commento:

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.