lunedì 27 febbraio 2017

"La morte di una persona è sempre una sconfitta, per tutti". Monsignor Vincenzo Paglia interviene sul caso Fabo

Continua a fare scalpore, sui media nazionali, la scomparsa di Fabiano Antoniani, cieco e tetraplegico in seguito ad un incidente d'auto tre anni fa che è morto stamattina in Svizzera dopo essersi sottoposto all'eutanasia attiva. "Fabo - come era conosciuto - è morto alle 11,40, ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo": scrive Marco Cappato sul suo profilo Facebook. Poi è lo stesso Cappato a fornire dei dettagli sugli ultimi istanti di vita di Fabo. "Ha morso un pulsante per attivare l'immissione del farmaco letale: era molto in ansia perché temeva, non vedendo il pulsante essendo cieco, di non riuscirci. Poi però ha anche scherzato". 
"Tutto questo mi rattrista molto. Deve rattristarci tutti, e anche interrogarci". Questo il commento del nostro concittadino, monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, ha commentato, prima che arrivasse la notizia della morte di dj Fabo. "Ogni volta che si pone termine a una vita, o ci si propone di farlo, è sempre una sconfitta", ha dichiarato monsignor Paglia in un'intervista al Corriere della Sera, "una sconfitta amara: sia per chi dice 'non ce la faccio più" sia per una società che si rassegna all'impotenza".Per l'arcivescovo "la legge non può per sua natura"regolamentare "situazioni così drammatiche" e "il rischio è di creare 'la cultura dello scartò di cui parla il Papa".

Nessun commento:

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.