mercoledì 10 maggio 2017

La successione di Piero, i Cinque Stelle e la Balena Bianca

Si scaldano i motori in vista della prossima campagna elettorale a Boville. La corsa verso lo scranno più alto di Palazzo Simoncelli è partita già da mesi; tanti i pretendenti, poche le idee ed i progetti concreti. Tutti, quasi tutti vogliono andare ad amministrare ma nessuno ha le idee chiare riguardo le necessità della cittadinanza, il profilo dei singoli candidati, la qualità della squadra che andrà a raccogliere l'eredità di Piero Fabrizi. Tanto fumo e poco arrosto.

Nonostante le dimissioni di Anthony Astolfi, scomparso dai radar della politica, in pole position rimane sempre la maggioranza di Piero Fabrizi o comunque ciò che resta rispetto alla composizione iniziale. Certo, il sindaco dopo aver completato i due mandati non potrà più concorrere alla carica di primo cittadino e questo potrebbe condizionare il cammino futuro della sua squadra che vede in Angelo Fabrizi ed Angelo Reali i possibili successori,Non è chiaro cosa farà Piero; boatos che rimbalzano da Frosinone lo vogliono candidato alla Regione e chissà che il nostro sindaco, approfittando di un consenso personale che va oltre Boville non decida di giocarsi la partita. Quello che è certo però è che Piero, comunque vada, non farà mancare il sostegno alla sua squadra. La calma apparente nella maggioranza comunque è figlia di una sorte di "pace armata" siglata dopo le dimissioni di Astolfi : Piero dovrà scegliere la carta dal mazzo molto presto.

Dalle dinamiche interne alla maggioranza dipenderà molto di quello che faranno le opposizioni. Rispetto alla scorsa campagna elettorale, Angelo Di Rienzo ed il dottor Giuseppe Di Cosimo non saranno quasi certamente della partita. Sta scaldando i motori Enzo Perciballi che forte dell'esperienza della scorsa tornata elettorale avrà sicuramente lavorato per rinforzare la squadra che lo sosterrà tra pochi mesi; sulla stessa lunghezza d'onda anche Memmo Di Cosimo che dopo due anni e mezzo di amministrazione a fianco di Piero Fabrizi è chiamato a confermare il buon risultato ottenuto quattro anni or sono. Nella variegata geografia politica del centrodestra si sta muovendo a fari spenti anche l'ex sindaco Michele Rotondi che dopo due sconfitte consecutive potrebbe decidere di riprovare nuovamente la scalata all'ufficio all'ultimo piano del palazzo comunale. Rispetto al 2003 però, l'anno che lo ha visto trionfare, non spira più quel vento di centrodestra e di quella squadra non è rimasto quasi più nessuno. Difficile infine che si componga la lista di un movimento che invece ha il vento in poppa, quello dei Cinque Stelle. l'entusiasmo iniziale con cui era stato accolto in paese il movimento di Grillo è andato lentamente scemando. Possibili sorprese potrebbero essere una lista formata completamente da giovani, di fatto ai margini delle decisioni che hanno segnato la vita politica cittadina mentre qualche ben informato al centro storico parla di un possibile ritorno in campo di Alberto Paglia come figura capace di raccogliere un consenso ampio in varie zone del territorio comunale, soprattutto tra l'elettorato moderato.
Insomma, se sono rose, fioriranno. Finora, i grandi assenti sono le idee ed i programmi; nella speranza, forse, che il nostro paese saprà scegliere il candidato migliore a prescindere dai giochini della politica.


Nessun commento:

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.