venerdì 19 maggio 2017

Uomini e caporali

Qualche sera fa, verso mezzanotte, ho incrociato Piero Fabrizi che camminava da solo, bavero alzato, per il centro di Boville. Credeteci o no, era lui. Cosa ci facesse in giro, non lo so. Forse tornava a casa dopo aver rivisto la torre, una delle diciotto del nostro amato borgo, che voleva comprare al modico prezzo di centodiecimila euro. Forse, era andato a fare una passeggiata dopo aver mangiato in una delle nostre pizzerie; a stomaco pieno si ragiona meglio.

Nella penombra del lavatoio, senza alcun ostacolo che mi impedisse di approcciarlo, ho avuto il pensiero di fermarlo e chiedergli come mai si sia dimesso Anthony Astolfi. Poi è prevalsa l'idea che fosse l'unica occasione possibile per lasciarlo tranquillo, dopo nove anni. Radio Boville, non dimentichiamolo, è nata per rompere le scatole. Insomma, avrei potuto chiedergli tante cose. Il secondo mandato che volge al termine, il suo vecchio sodale Memmo Di Cosimo passato tra i banchi dell'opposizione, il suo primo vice sindaco, Enzo Perciballi, ormai in rampa di lancio per la prossima tornata elettorale. E magari se ha scelto già il suo successore oppure se sta ancora sfogliando la classica margherita oppure la decisione la prenderà semplicemente tirando a sorte. Lui non ammetterebbe mai ma .. se potesse, Piero, avvierebbe molti dei suoi compagni di viaggio, presenti e soprattutto passati, alla carriera di segnalatori del traffico in qualche comune del Viterbese. 


Invece, vedendo Piero arrivare così, mi sono bloccato: non ci avrà portato grandi cose, ma basta incrociarlo per strada per capire che comunque vada si è guadagnato sul campo i gradi del sindaco. Certo, troppe chiacchiere, troppe tasse, troppe buche sulle nostre strade. Nonostante tutto però, Piero ha provato a fare del suo meglio. E allora, come disse un cantore sudamericano, l'ho lasciato camminare, "solo, come un fantasma, per un vecchio borgo".


Le mie riflessioni mi hanno portato lontano: vedendo Piero pensieroso ho creduto volesse schiarirsi su quello che gli sta accadendo intorno. 
La raccolta differenziata che stenta a decollare ed invece di far risparmiare i baucani ci fa spendere addirittura più che negli altri anni, lampioni della pubblica illuminazione che sono tornati a spuntare qua e là nonostante la drastica scelta di accenderne uno si ed uno di qualche anno fa, l'edilizia che stenta a riprendere fiato, tanti giovani che iniziano a pensare ad un futuro lontano da Boville, la tecnologia che rende economicamente poco redditizi sia l'ufficio postale di Scrima che la filiale bancaria al centro storico, il turismo che non decolla, i finanziamenti da Roma che non arrivano più.

Piero, da buon vecchio socialista, è un uomo che a tratti mette da parte la diplomazia o, forse, la interpreta meglio di tutti: un best-seller in libreria in questi giorni, ci ricorda la battuta del dottor Spock in Star Trek: "A volte, il fine della diplomazia è quello di prolungare le crisi".

A tratti ci sembra strano vedere Piero così pensieroso. Ha fatto il vice sindaco al crepuscolo della Prima Repubblica, è un politico di razza ma non pare conoscere l'essenza del volubile cittadino baucano, vero specchio di un paese che negli anni ha fatto tanto, tantissimo, forse troppo e spesso senza nemmeno chiedersi il perchè.  

Diceva un francese che il lutto non deve essere contemplare una fossa, ma guardare una stella. 

Nessun commento:

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.